Siamo tutti Arte Offesa

San Vito dei Normanni - 23/11/2012 : 25/11/2012

La Mostra collettiva Siamo tutti Arte Offesa si inserisce nel concetto che “a stare dalla parte degli offesi ci sono tutti, artisti compresi”. Ognuno è vittima del clima, dell’abuso ambientale di un territorio, dello sfruttamento economico a sfavore di economie differenti come le piccole imprese agricole.

Informazioni

  • Luogo: EX FADDA
  • Indirizzo: Via Brindisi - San Vito dei Normanni - Puglia
  • Quando: dal 23/11/2012 - al 25/11/2012
  • Vernissage: 23/11/2012 ore 18.30
  • Curatori: Mariateresa Contaldo
  • Generi: arte contemporanea, collettiva
  • Orari: dalle 18,30 alle 21,00
  • Sito web: siamotuttiparteoffesa.blogspot.it

Comunicato stampa

Il 12.12. 2012 per la prima volta, dirigenti e dipendenti dell’Enel (tredici in tutto) e due imprenditori si dovranno presentare presso il Tribunale di Brindisi per rispondere di reati connessi alla dispersione di polveri di carbone dal carbonile scoperto e dal nastro trasportatore della centrale Federico II a Cerano (Brindisi). Un processo che, al di là delle vicende personali degli imputati e al necessario accertamento delle responsabilità individuali, ha un forte valore simbolico e politico. Sotto processo è un modello di sviluppo che ha devastato con ferite profonde la città di Brindisi e tutto il territorio prossimo alla centrale

Il movimento No al Carbone, attivo dal 2009, ha avviato una campagna di informazione e sensibilizzazione per invitare tutti i cittadini a costituirsi anch’essi parte civile nel processo, prendere coscienza del valore che il singolo abitante ha di un luogo.
La Mostra collettiva Siamo tutti Arte Offesa si inserisce nel concetto che “a stare dalla parte degli offesi ci sono tutti, artisti compresi”. Ognuno è vittima del clima, dell’abuso ambientale di un territorio, dello sfruttamento economico a sfavore di economie differenti come le piccole imprese agricole; trasformazioni che hanno reso il luogo di cerano non più riconoscibile a livello identitario stravolgendolo come panorama, come suono. L’amara ricompensa per un occupazione di pochi a discapito della salute di molti. Sandro mele la prima volta che ha visto cerano ha conosciuto la gente che ancora lo abita, che un tempo coltivava i campi con piantagioni di carciofi: era il 2010 e le testimonianze registrate ripetevano sempre la stessa cosa: non è più il posto di una volta, non possiamo fare nemmeno il nostro lavoro. Giordano Pariti lo conosce bene il “mostro” e con lui ha stabilito una sorta di sfida: entro dentro di te e poi mostro a tutti quello che sei. Gianluca Capozzi invece non lo conosceva affatto Cerano. Lui vive lontano da qui, ma ha deciso di studiare il caso.

Autori
SANDRO MELE – GIORDANO PARITI – GIANLUCA CAPOZZI