Sheetal Mallar – Video Parlour Story

Forza d’Agrò - 22/07/2015 : 22/07/2015

Video Parlour Story è un’indagine sul fenomeno delle sale video nei quartieri di Orlem a Mumbai.

Informazioni

Comunicato stampa

IT

In occasione della rassegna cinematografica TERRE DI CINEMA 2015, Ritmo - spazio culturale indipendente presenta VIDEO PARLOUR STORY, un progetto fotografico di Sheetal Mallar.

Video Parlour Story è un’indagine sul fenomeno delle sale video nei quartieri di Orlem a Mumbai. Il progetto mette in relazione gli attuali processi di sviluppo dell'entertainment cinematografico dominato dai multiplex e il fenomeno delle sale video, veri e propri luoghi di intrattenimento in via d'estinzione


In lotta per la sopravvivenza a causa della competizione e della pirateria, questi teatri improvvisati, parte
integrante del quartiere Chota Dharavi, conservano ancora oggi caratteri e tradizioni tipiche dei primi anni della televisione indiana dove le famiglie, riunite davanti a uno schermo, condividevano le proprie esperienze all'interno di uno spazio di incontro e confronto.
Per molte persone, lavoratori e migranti, le sale video rappresentano una forma alternativa di intrattenimento, l'unico modo per godere del cinema attraverso la visione di film, porno, partire di cricket ecc.
Video Parlour Story mira a preservare una registrazione visiva di questo fenomeno e degli aspetti sociali di una singola comunità di Mumbai.

EN

On the occasion of the internationational film festival TERRE DI CINEMA 2105, Ritmo - spazio culturale indipendente presents VIDEO PARLOUR STORY, a photographic project by Sheetal Mallar.

Video Parlour Story is a photographic research about the phenomenon of video parlours in the neighborhood of Orlem in Mumbai. The project put in evidence the existing development processes of movie entertainment dominated by multiplex and the phenomenon of video parlours, real entertainment and endangered places.
In the struggle for survival due to competition and piracy issues, these makeshift theatres, an integral part of the neighborhood Chota Dhravi, still retain today aspects and the traditions of the early years of Indian television where families gathered in front of a screen, shared their experiences within a space of encounter and engagement.
For many labourers, people and migrants video parlours represent an alternative form of entertainment, the only way of enjoying cinema through the vision of movies, porno, cricket matches etc.
Video Parlour Story aims to preserve a visual record of this phenomenon and the social aspects of a single community in Mumbai.