Sguardi contemporanei

Firenze - 01/12/2011 : 14/01/2012

La mostra inaugurerà nei nuovi spazi di Palazzo Ricasoli Firidolfi un'esposizione di dipinti e sculture contemporanei. Le opere sono state selezionate con il gusto estetico e la cura che hanno caratterizzato il lavoro svolto in questi anni dai tre giovani mercanti Federico, Sasha e Alex, specializzati in arte di alta epoca.

Informazioni

  • Luogo: GALLERIA FRASCIONE ARTE
  • Indirizzo: Via Maggio 5 - Firenze - Toscana
  • Quando: dal 01/12/2011 - al 14/01/2012
  • Vernissage: 01/12/2011 ore 18.30
  • Generi: arte contemporanea, collettiva
  • Orari: 10/13 e 16/19
  • Uffici stampa: STUDIO ESTER DI LEO

Comunicato stampa

In occasione dell'iniziativa "CONTEMPORANEAMENTE", ideata e organizzata dalla Associazione di Via Maggio, la Galleria Frascione Arte giovedì 1° dicembre alle ore 18.30 inaugurerà nei nuovi spazi di Palazzo Ricasoli Firidolfi un'esposizione di dipinti e sculture contemporanei. Le opere sono state selezionate con il gusto estetico e la cura che hanno caratterizzato il lavoro svolto in questi anni dai tre giovani mercanti Federico, Sasha e Alex, specializzati in arte di alta epoca

La mostra, dal titolo "SGUARDI CONTEMPORANEI - Artisti di oggi che guardano all'arte di ieri", comprenderà: tre sculture di Belarghes, tra cui il "Figliol Prodigo" un opera in bronzo di più di due metri; dipinti, fotografie e lastre dell'eclettico Massimo Pulini, storico dell'arte, artista e docente presso l'accademia delle Belle Arti di Bologna; Andrea Guastavino le cui opere rappresentano un ponte invisibile tra fotografia e pittura; i libri bianchi di Lorenzo Perrone in particolare "Scriptio Continua"; infine alcuni dipinti dell'americano Federico Uribe ideatore dell'oramai nota tecnica "pencilism" (traducibile in matitismo).

La mostra, allestita all'interno di una delle più importanti gallerie di arte antica di Firenze, accompagna il visitatore in un viaggio attraverso i secoli dell'arte, dai fondi oro alle avanguardie del '900 passando per i capolavori del manierismo e del barocco fino ad arrivare alle ricerche contemporanee di artisti che guardano all'antico come fonte di linguaggi moderni. La mostra resterà aperta fino al 14 gennaio 2012.