Se il colore prende forma

Venezia - 14/09/2014 : 26/09/2014

Lo Spazio d'arte L'Altrove porterà a Venezia una interessante esposizione in cui tre artisti daranno modo di vedere diverse tecniche e diverse espressioni stilistiche in cui sempre il colore è protagonista indiscusso.

Informazioni

  • Luogo: CALCAGNO ART STUDIO
  • Indirizzo: Campo del Ghetto 2918 - Venezia - Veneto
  • Quando: dal 14/09/2014 - al 26/09/2014
  • Vernissage: 14/09/2014 ore 11.30
  • Curatori: Francesca Mariotti, Silvia Greggio
  • Generi: arte contemporanea, collettiva
  • Orari: dal martedì al sabato , dalle ore 15.00 alle 19.00;altri orari su appuntamento.
  • Biglietti: ingresso libero

Comunicato stampa

Prosegue la collaborazione artistica tra lo Spazio D'Arte L'Altrove di Ferrara di Francesca Mariotti e l'Art Studio di Françoise Calcagno, Campo del Ghetto Novo 2918, a Venezia.
Lo Spazio d'arte L'Altrove porterà a Venezia una interessante esposizione in cui tre artisti daranno modo di vedere diverse tecniche e diverse espressioni stilistiche in cui sempre il COLORE è protagonista indiscusso. Importante performance teatrale-musicale sarà allestita sul Campo del Ghetto con “Pa’am Achat - C’era una volta...”, scritta e diretta da: Emanuele Scataglini e Barbara Rosenberg, dedicata alla cultura ebraica e nomade

Si tratta di un viaggio poetico nelle tradizioni, fiabe e personaggi leggendari, accompagnato da canzoni tradizionali Klezmer, tradotte e riarrangiate, alternate a brani originali, suonati dal vivo.

G li artisti in mostra sono: MARIO ESPOSITO di Roma, DANIELA DOMENICHINI di Bologna e ODO CAMILLO TURRINI di Castellarano (Re) . I primi due dipingono ed il terzo plasma la terra.

Mario Esposito, famoso per le sue piccole tele di 10x10 cm, ne porterà una nuovissima produzione, sempre con acrilici, smalti e olio su tela in cui le sue migliori tematiche si sono sviluppate tra "alberi", "gondole", " villaggi" e "animali", che allegramente e divertendosi, si possono assemblare e comporre in un unico quadro all'infinito ed in
modo personalizzato. Un modo simpatico e creativo che coinvolge l'artista ed il fruitore !! Mario metterà a disposizione due grandi pannelli in cui ogni interessato comporrà la sua opera combinando temi e colori a piacere.

Lo scorso maggio, sempre a Venezia, si erano esposte le sue grandi tele ed ora , per un omaggio al COLORE saranno possibili decine di composizioni in cui il Colore prenderà Forme diverse per ognuno!

Daniela Domenichini, poi, esporrà lavori veramente eleganti e particolari, su seta e plexiglass, su rame e zinco, tra pittura, materia e incisione, in cui è difficile spiegare la forte emozione espressa e provata, in quello speciale feeling che si viene a creare tra artista e fruitore dell'opera. Le mille sfumature, le diverse profondità, i pieni e i
vuoti, le luci e le ombre sulle tonalità dei verdi azzurri blu e neri...fanno di questa artista-sperimentatrice assoluta, una "anima ribelle" in cerca della Natura oltre la Natura stessa. I suoi ultimi lavori catturano il nostro occhio, la nostra anima, il nostro pensiero, e ne conducono il gioco di rimandi e di ricordi/emozioni all'infinito.

Quindi, Odo Camillo Turrini, artista e scultore la cui padronanza tra diverse tecniche ceramiche sarà evidente: dai colori sopra smalto fino all’antica tecnica Raku, importata dal Giappone, attraverso la quale, grazie alla maestria di Turrini, al tipo di argilla utilizzato e all’elaborato processo di cottura e riduzione di ogni scultura, ciascun colore subisce variazioni cromatiche uniche e irripetibili, contribuendo a originare creazioni che lasciano meravigliato qualunque osservatore...La terra, nella semplicità e nella povertà della propria essenza, diventa per Turrini il completamento di un passaggio artistico assai noto: il dialogo visibile nella materia trasformata; l’argilla, tra le sue dita, si anima di infinite possibilità, restituendo in modo tangibile frammenti del mondo che
egli percepisce.

Ed inoltre lo spettacolo:
“Pa’am Achat - C’era una volta...”
scritto e diretto da:
Emanuele Scataglini e Barbara Rosenberg,
con Renato Spadari, chitarra -Barbara Rosenberg, narrazione e tastiera
Emanuele Scataglini, voce e composizione canzoni -Immagini di Max Parazzini