Scultura Estesa #2 Avellino

Avellino - 04/03/2022 : 31/03/2022

In occasione dell’interazione scultorea all’interno del tessuto sociale del Territorio Campano, la Scuola di Scultura dell’Accademia di Belle Arti di Napoli inaugura un’inedita mostra, composta da opere tridimensionali, sul concetto di Umano/Disumano, Naturale/Artificiale.

Informazioni

  • Luogo: EX CARCERE BORBONICO
  • Indirizzo: Piazza D'armi - Avellino - Campania
  • Quando: dal 04/03/2022 - al 31/03/2022
  • Vernissage: 04/03/2022
  • Generi: arte contemporanea
  • Orari: Dal lunedì al venerdì: 10:00/13:00 - 16:00/18:30

Comunicato stampa

In occasione dell’interazione scultorea all’interno del tessuto sociale del Territorio Campano, la Scuola di Scultura dell’Accademia di Belle Arti di Napoli inaugura un’inedita mostra, composta da opere tridimensionali, sul concetto di Umano/Disumano, Naturale/Artificiale. All’interno del Carcere Borbonico di Avellino, si potrà riflettere su quanto le condizioni umane, si siano deteriorate secondo principi non sempre funzionali all’anima, e quanto la disumanità abbia reso superficiale il senso profondo della vita

Se la Natura, a pari merito, ha subito alterazioni non sempre plausibili, la potenza rigenerante e salvifica, dei processi creativi, ha ristabilito simbolicamente una nuova identità in quello che era perso, una nuova proposta etica di valore, in quello che era soggiogato all’abuso.

Così Avellino, polmone verde e nutrimento storico, nelle viscere di tutti i campani, diventa l’esatto punto riflessivo in cui analizzare la costruzione artificiale dei metodi compositi di evoluzione, e misurare la natura che resiste al simulacro che avanza. La presenza scenica della passata socialità, è un tratto storico di notevole pregio, e quantunque degli individui, privati della propria libertà, hanno posto riflessioni in questi spazi, oggi dei giovani si cimentano a dare volto, ad emozioni mai spente, a dare forma tangibile a sentimenti antichi diventati moderni.

L’evento Scultura Estesa #2, che inaugura Venerdì 4 marzo, alle ore 16:00, alla Sala Ripa dell’ex Carcere Borbonico di Avellino, è sotto la direzione artistica di Rosaria Iazzetta, Elisa Laraia, Pasquale Pennacchio e Nello Antonio Valentino della Scuola di Scultura dell’Accademia di Belle Arti di Napoli, e corealizzato con la partecipazione e supervisione scientifica della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Salerno e Avellino, il Patrocinio del Comune di Avellino e la collaborazione della CNA.

Le opere in mostra, sono degli studenti: Maria Giovanna Abbate, Nunzia Ascolese, Martina Dell’Aversano, Alessia Cristofaro, Selini Demetriou, Miriam De Vita, Crescenzo Fiorentino, Carmine Carlo Maffei, Carlo Menale, Lorena Ortells, Carmine Pistone, Graziano Riccelli, Giovanna Russo, Ylenia Rongo, Biagio Salvati, Lucia Schettino, Miho Tanaka.