Rita Fasano – Tracce

San Michele Salentino - 16/04/2012 : 27/04/2012

Mostra personale d’Arte Contemporanea dell’Artista mesagnese Rita Fasano dal titolo “Tracce”.

Informazioni

  • Luogo: PINACOTECA SALVATORE CAVALLO
  • Indirizzo: Via Giulio Cesare 28 - San Michele Salentino - Puglia
  • Quando: dal 16/04/2012 - al 27/04/2012
  • Vernissage: 16/04/2012 ore 18.30
  • Autori: Rita Fasano
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: dal lunedì al venerdì 16.30/19.30- martedì e giovedì 9.30/12.30.

Comunicato stampa

Si inaugura lunedì 16 Aprile 2012 alle ore 18,30 presso le sale espositive della Pinacoteca Comunale “Salvatore Cavallo” di San Michele Salentino, la mostra personale d’Arte Contemporanea dell’Artista mesagnese Rita Fasano dal titolo “Tracce”. La mostra, patrocinata dall’Amministrazione Comunale-Assessorato alla Cultura, è inserita nell’ambito degli eventi della XIV Settimana della Cultura.
Rita Fasano vive ed opera a Mesagne (Br) dove è nata nel 1965

Dopo la Maturità artistica conclude gli studi nel 1988 presso l’Accademia di Belle Arti di Lecce, periodo in cui avvia la sua attività espositiva con la partecipazione alla mostra-seminario, dedicata al poeta Edmond Jabès, presso l’Abbazia di Santa Maria a Cerrate (Le) dal titolo Dall’Ascolto all’Immagine: una meditazione sul confine del Libro. La sua pittura in quegli anni è ancora legata all’esperienza figurativa, ma in seguito l’ esasperazione anatomica del corpo umano sino alla sua dilatazione, la condurrà verso una espressione sempre più informale e sintetica, disciplinata soprattutto dalla tecnica dell’incisione con la quale tuttora si esprime. “Tracce scaturiscono alla superficie del dono – dense dune e radi granelli – ma indecifrabili sulla terra accidentata, neutre nella materia, nella forma, vuote di senso. E i fili sottili tra punti impensati, suggeriti dall’inquieto (e discreto) chirografare dell’arte, misurano – spostando l’occhio, l’anima su postazioni geometrizzate dalla razionalità, dal desiderio, dall’affanno inesausti. Frammenti di vetro colorati dalla memoria (ancestrale, recente?), tenerissime lanterne, luci spente nel leggero carbone, sono convocati a consulto in brevi agglomerati di verde-rame o nella linea solitaria di foglia d’oro. Dire: catturare un senso e darlo alla propria immaginazione come certo, teorizzare il senso del tutto e farne brillare la verità”(Giuseppe Rizzo).
Dopo un breve periodo di docenza in Educazione Artistica e Disegno e Storia dell’Arte, contestualmente alla frequenza di alcuni corsi di formazione e aggiornamento sui Beni Culturali, decide di intraprendere esclusivamente l’attività artistica realizzando opere su commissione, avviando laboratori di Cartapesta e di Tecniche d’Incisione e intensificando la sua attività espositiva nel panorama nazionale. Nel 1996 partecipa ad Arte Padova, Expo Arte Bari, Ancona Arte , Vicenza Arte e alla I Biennale d’Italia del Trevi Flash Art Museum di Trevi (Pg). Nel 1998 presenta Apparenze e Inapparenze - mostra personale al Circolo Tennis Dino De Guido di Mesagne(Br). Nel 2001, nella mostra personale dal titolo Archetipi presso la Galleria La Pietra di Martina franca (Ta), espone una serie di affreschi polimaterici, realizzati attraverso l’uso della malta fresca in grandi masse e profondi solchi ed una cartella di calcografie stampate con il torchio a stella nel proprio laboratorio di incisione. Tra il 2008 e il 2011 partecipa a varie mostre collettive: Mediterraneo in Arte (itinerante : Matera - Sorrento – Ascoli Piceno ), Oltre l’Amore - Rassegna Nazionale d’arte sacra contemporanea tenutasi a Brindisi e ad Oria, Segnali e Percorsi d’Arte nel Mezzogiorno d’Italia presso la Pinacoteca di San Michele Salentino (Br), Donna off limits al Castello di Carosino (Taranto), Maestri Italiani per Emergency – Galleria Casa D’Imperio ( Matera ), I linguaggi dell’Arte di Nicola Andreace – Rita Fasano – Luigi Spano’ - a Palazzo De Felice (Grottaglie), l’Arte incontra l’Università- a Palazzo d’Aquino- Università degli Studi di Taranto, Arte al Bastione-10 Artisti Contemporanei- al Bastione S.Giacomo di Brindisi.
La sua attività artistica è pubblicata su varie riviste, cataloghi e annuari d’arte moderna contemporanea.