Rita Catarino / Paulo Palma – Paesaggio Riscattato

Roma - 07/05/2016 : 15/05/2016

Il progetto di Rita Catarino e Paulo Palma, Paesaggio Riscattato, parte dall’idea di rivisitare un territorio che non esiste più, ma che grazie all’eredità che è stato in grado di trasmettere rimane ancora oggi presente nella memoria collettiva.

Informazioni

Comunicato stampa

Si inaugura sabato 7 maggio alle ore 18.30 negli spazi espositivi dell’Ex Cartiera Latina, sede del Parco Regionale dell’Appia Antica, la mostra PAESAGGIO RISCATTATO di Rita Catarino e Paulo Palma.

Il progetto di Rita Catarino e Paulo Palma, Paesaggio Riscattato, parte dall’idea di rivisitare un territorio che non esiste più, ma che grazie all’eredità che è stato in grado di trasmettere rimane ancora oggi presente nella memoria collettiva. Le cartografie e le immagini esposte, che raffigurano il paesaggio dell’Alqueva (Portogallo), sono appena un contributo per far rivivere una realtà che oggi è impossibile restituire

Un gioco tra la percezione dell’assenza fisica di un territorio e una nuova visione che tenta metaforicamente di recuperarlo. Partendo dalla realtà preesistente al momento della costruzione della diga, dalle caratteristiche fisiche, ecologiche e culturali che affermavano il territorio, il progetto propone una riflessione sull’importanza della memoria nella costruzione del paesaggio. Che paesaggio esiste dopo la scomparsa di un luogo?

Paulo Palma (1977) nato a Serpa (Portogallo), si è laureato in Architettura del Paesaggio all’Università di Evora. Negli ultimi dieci anni è stato impegnato nello sviluppo di progetti in Portogallo, tra questi si segnala: il Monastero di Santa Maria da Vitoria a Batalha, il Patio dell’Inquisizione a Coimbra e il “Campo da Flor da Rosa” a Crato. Dal 2011 è docente a contratto nella Facoltà di Architettura al Instituto superior de Agronomia da Universidade de Lisboa. È uno dei fondatori del collettivo Stratum Laboratorio de Paisagem, con il quale ha partecipato alla 1º Triennale di Architettura di Lisbona.

Rita Catarino (1984), nata a Serpa (Portogallo), ha studiato Architettura all’Università di Lisbona e illustrazione al CIEAM della Facoltà di Belle Arti dell’Università di Lisbona. Dal 2009 sviluppa progetti didattici per i bambini nel campo dell’architettura in collaborazione con vari enti, tra i quali la rete di Biblioteche Municipali di Lisbona (all’interno del “Programa Nacional de Leitura e Literacia e nas Feiras do Livro de Lisboa”), l’Ordine degli Architetti (Projecto “CASA”), il Museu de São Roque no Museu a Lisbona e il “Arquitecturas Film Festival”.

Surround Project è un laboratorio aperto che coinvolge comunità locali, creativi e studiosi in progetti di cooperazione legati al territorio.
Con l’obiettivo di realizzare una rete operativa capace di lavorare con una modalità di partecipazione inclusiva, il progetto intende favorire sovrapposizioni culturali, dinamiche relazionali e processi di creatività collettiva.
L’iniziativa è volta ad innescare processi di innovazione sociale, incentivando il libero sviluppo e lo scambio di idee.