Rifugi alpini ieri e oggi

Courmayeur - 12/07/2014 : 12/08/2014

La mostra ripercorre nel tempo e nello spazio alcune tappe fondamentali della storia della costruzione dei rifugi e bivacchi sull'intero arco alpino, mediante una sequenza di suggestive immagini d’epoca e disegni.

Informazioni

  • Luogo: MUSEO ALPINO DUCA DEGLI ABRUZZI
  • Indirizzo: Strada Villair 2 - Courmayeur
  • Quando: dal 12/07/2014 - al 12/08/2014
  • Vernissage: 12/07/2014 ore 17
  • Generi: documentaria, fotografia, disegno e grafica
  • Sito web: http://www.cantieridaltaquota.eu
  • Patrocini: La mostra è patrocinata da Club alpino italiano, Museo nazionale della Montagna CAI Torino, Biblioteca nazionale CAI, e ha il sostegno dell’Ordine degli architetti di Udine e di Aosta, del Club alpino svizzero, Accademia della Montagna del Trentino, Fondazione Courmayeur e ARCA, il marchio di qualità delle costruzioni in legno.
  • Uffici stampa: OMNIA RELATIONS

Comunicato stampa

Il Museo Duca degli Abruzzi di Courmayeur inaugura il giorno sabato 12 luglio alle 17.00 la stagione estiva 2014 con il nuovo allestimento della sua sezione dedicata alle esposizioni periodiche, presentando la mostra: “Rifugi alpini ieri e oggi. Un percorso storico tra architettura, cultura e ambiente”

Si tratta di una rassegna, curata dall'associazione culturale Cantieri d'alta quota attraverso oltre trenta teli di grande formato, che ripercorre nel tempo e nello spazio alcune tappe fondamentali della storia della costruzione dei rifugi e bivacchi sull'intero arco alpino, mediante una sequenza di suggestive immagini d’epoca e disegni (provenienti in buona parte dal Museo nazionale della Montagna – Biblioteca nazionale CAI), affiancati da recenti foto a colori d’autore. La mostra, allestita per la prima volta nel 2012, è già stata ospitata in importanti capoluoghi e centri turistici dell’arco alpino e nella sua edizione di Courmayeur farà specifico riferimento ai rifugi e bivacchi del territorio, andando ad integrarsi con il grande plastico del Monte Bianco e il bivacco storico originale conservato nel Museo. L'esposizione è anche finalizzata a sensibilizzare i fruitori della montagna affinché comprendano i sacrifici e le fatiche di chi, come le Guide di Courmayeur, all'inizio del secolo scorso, si sono prodigati per creare le basi di partenza per le imprese alpinistiche che hanno generato la storia dell'alpinismo sul Monte Bianco; con ciò essa vuole costituire un appello alle Amministrazioni ed alle Associazioni per salvaguardare queste testimonianze e per dare continuità alla nostra secolare cultura alpina che è patrimonio inestimabile per la Valle d'Aosta.
La mostra è patrocinata da Club alpino italiano, Museo nazionale della Montagna CAI Torino, Biblioteca nazionale CAI, e ha il sostegno dell’Ordine degli architetti di Udine e di Aosta, del Club alpino svizzero, Accademia della Montagna del Trentino, Fondazione Courmayeur e ARCA, il marchio di qualità delle costruzioni in legno.
Questo nuovo allestimento costituisce il primo passo nello sviluppo del nuovo Polo Museale Duca degli Abruzzi che la Società delle Guide di Courmayeur, guidata dal suo Presidente Arrigo Gallizio, ha affidato al direttore scientifico del museo Paolo Gheda. Dal prossimo settembre, infatti, inizieranno i lavori di ampliamento delle strutture museali, con l’allestimento delle sale espositive del Jardin de l’Ange in centro a Courmayeur, e la predisposizione della sezione Società delle Guide presso la locale biblioteca comunale.