Richard Aldrich – Studio su come il tempo esista solo in semitoni

Roma - 13/04/2022 : 25/06/2022

la Fondazione Giuliani inaugura la mostra personale di Richard Aldrich Studio su come il tempo esista solo in semitoni.

Informazioni

Comunicato stampa

Mercoledì 13 aprile 2022 a partire dalle ore 18.00 la Fondazione Giuliani inaugura la mostra personale di Richard Aldrich Studio su come il tempo esista solo in semitoni, che resterà aperta fino al 25 giugno 2022.

La mostra, curata da Adrienne Drake, è la prima grande personale in Italia e la terza in una istituzione europea dell’artista americano, classe 1975, e presenta circa 26 opere, realizzate tra il 2000 e il 2022.

Aldrich, uno degli artisti maggiormente apprezzati negli Stati Uniti, si distingue per la sua poetica, in cui emerge la sua formazione musicale e letteraria

Le sue opere, realizzate spaziando dalla pittura alla scultura, dalla fotografia alle installazioni, raccontano l’interesse dell’artista per lo scorrere del tempo e, come spiega la curatrice, “il modo in cui gli oggetti possono essere utilizzati per esplorare il concetto di tempo per la comprensione di noi stessi e del mondo che ci circonda”.

Nel percorso creato dall’artista le opere non sono raggruppate in ordine cronologico, i lavori nuovi sono accostati a quelli meno recenti, in una successione che alterna astrazione e figurazione, “una rete rizomatica di connessioni tra le opere – continua Drake - che vanno da un'esplorazione aperta nella storia della pittura, a riferimenti alla cultura pop, all'esperienza personale, contribuendo a costruire una narrazione della mostra, per quanto sfuggente”.

Come spiega lo stesso Aldrich, il titolo della mostra è nato dall’idea che le idee stesse siano costruite sopra altre idee. Il mio obiettivo è quello di indagare cosa succede nello spazio tra la nascita di un’idea, di un progetto e la sua realizzazione, i semitoni appunto.

Con questa grande mostra, Fondazione Giuliani per l’arte contemporanea, nata nel 2010 per volontà di Giovanni e Valeria Giuliani, rinnova ancora una volta la sua attenzione al panorama internazionale dell’arte contemporanea, portando in Italia uno dei grandi artisti concettuali di questi ultimi anni, che vanta al suo attivo numerose mostre.



Richard Aldrich (Hampton, Virginia 1975, vive e lavora a New York) è un artista e pittore concettuale contemporaneo. Tra le sue mostre più recenti, Richard Aldrich, Gladstone Gallery, Bruxelles (2020); Richard Aldrich, Misako & Rosen, Tokyo (2019); Richard Aldrich, Stuart Shave Modern Art, Londra (2019); Enter the Mirror, Bortolami, New York (2018); Richard Aldrich, Adrian Rosenfeld Gallery, San Francisco (2017); Fun House, dépendance, Bruxelles (2017); MDD, Museum Dhondt-Dhaenens, Deurle (2016); Eight Paintings, Misako & Rosen, Tokyo (2016); Time Stopped, Time Started, Gladstone Gallery, New York (2016); Ten Years of Richard Aldrich from The Collection of Bob Nickas, White Columns, New York (2015); New Work: Richard Aldrich, San Francisco Museum of Modern Art, San Francisco (2011); Richard Aldrich and the 19th Century French Painting, Contemporary Art Museum St. Louis, St. Louis (2011). Nel 2010 il suo lavoro è stato incluso nella Whitney Biennial.