Revolutija da Chagall a Malevich da Rapin a Kandinsky

Bologna - 07/12/2017 : 13/05/2018

In occasione della ricorrenza del Centenario della Rivoluzione Russa, oltre 70 capolavori assoluti provenienti dal Museo di Stato Russo di San Pietroburgo testimoniano la temperie culturale di un periodo vibrante e irripetibile.

Informazioni

Comunicato stampa

In occasione della ricorrenza del Centenario della Rivoluzione Russa, oltre 70 capolavori assoluti provenienti dal Museo di Stato Russo di San Pietroburgo testimoniano la temperie culturale di un periodo vibrante e irripetibile

La mostra, curata da Evgenia Petrova - Vice Direttore del Museo di Stato Russo - e Joseph Kiblitsky – del medesimo museo – propone opere di Natan Altman, Natalia Goncharova, Kazimir Malevich, Vasilij Kandinsky, Marc Chagall, Valentin Serov, Aleksandr Rodčenko e molti altri, ricostruendo i movimenti culturali della Russia d’inizio Novecento dal primitivismo al cubo-futurismo, per approdare al suprematismo e al costruttivismo, in bilico tra l’espressionismo figurativo e il puro astrattismo.

Russia, identità e rivoluzione. A Bologna

MAMbo ‒ fino al 13 maggio 2018. Da Chagall a Malevič, da Repin a Kandinskij, la mostra bolognese ripercorre non solo la storia rivoluzionaria della Russia, ma delinea anche l’evoluzione della sua identità artistica.