Resurrectio/fragments

Caserta - 31/10/2015 : 30/11/2015

Una mostra che si articola come una istallazione di risonanze tra linguaggi dell’eccedenza memoriale dell’arte.

Informazioni

  • Luogo: UNUSUAL ART GALLERY
  • Indirizzo: via Maielli, 45 - Caserta - Campania
  • Quando: dal 31/10/2015 - al 30/11/2015
  • Vernissage: 31/10/2015 ore 18
  • Generi: arte contemporanea, collettiva
  • Orari: 17,00/20,00

Comunicato stampa

Negli spazi di Unusual Art Gallery a Caserta, con inaugurazione il 31 ottobre, alle ore 18,
14 artisti espongono in “RESURRECTIO/fragments. Tracce dell’immemorabile”, una mostra che si articola come una istallazione di risonanze tra linguaggi dell’eccedenza memoriale dell’arte. Le pluralità delle esperienze espressive si incrociano in una relazione di alterità, dove il differente è il riflesso dell’opera critica del linguaggio. Il linguaggio si snoda fino alla “devianza” di una “memoria dimenticata”. Nello sprofondamento dell’abisso “concettuale” affiora risorgendo nelle manifestazioni ri-velatrici e segrete del tempo esposto nei dispositivi spazio-immaginali dell’arte



Nata da un “Laboratorio di esposizione dell’arte” svolto nel 2014 tra i percorsi di superficie e sotterranei dell’Abbazia di San Pietro a Ruoti in Bucine (Arezzo), “Resurrectio, tracce dell’immemorabile”, nella esposizione di Caserta si compone attraverso le opere degli artisti Francesca Capasso, Franco Cipriano, Antonio Davide, Oppy de Bernardo, Adelaide Di Nunzio, Salvatore Manzi, Maram, Pier Paolo Patti, Ivan Piano, Saffronkeira, Luisa Terminiello, Salvatore Vitagliano, Ciro Vitale.

Ideato e curato da ARTLANTE, studi e iniziative per l’arte contemporanea e da Di.St.Urb, distretto di studi e relazioni urbane, l’evento è un allestimento performativo, dove il tempo di costruzione è tempo di epifanie di senso, di relazionalità ambientale e poietica delle opere.

Un itinerario di rivelazioni, tra apparizioni e risonanze - nella circolarità d’immagini, forme, gesti, suoni, scritture, voci e materie - compone un palinsesto di accadimenti nei quali si rappresenta come spazialità del pensiero la trama “polifonica” del gesto artistico; al contempo si attraversa l'ordito invisibile, segreto, delle ombre e degli echi che ne attraversano il senso. Come “stazioni” o “capitoli” avviene una “opera comune” di singolarità che si annodano in un tessuto di mutamenti e analogie, contrasti ed evocazioni, nell’estrema memoria dell’arte dove il linguaggio può intercettare le tonalità dell’immemorabile.