Reena Spaulings – More Michael Paintings

Roma - 27/10/2011 : 14/01/2012

In mostra saranno esposti una serie di dipinti performativi con i quali Reena Spaulings rivisita il concetto di "pennello vivente" di Yves Klein.

Informazioni

  • Luogo: INDIPENDENZA
  • Indirizzo: Via Dei Mille 6 00185 - Roma - Lazio
  • Quando: dal 27/10/2011 - al 14/01/2012
  • Vernissage: 27/10/2011 dalle 18 alle 21
  • Autori: Reena Spaulings
  • Generi: arte contemporanea, personale

Comunicato stampa

Indipendenza Studio è lieta di presentare More Michael Paintings la prima
mostra in Italia di Reena Spaulings.
Reena spaulings è un romanzo scritto dal collettivo Bernadette Corporation. La storia
di Reena Spaulings racconta di una ventenne newyorkese che mentre lavora come
guardia in un museo viene scritturata come modella per una campagna pubblicitaria.
Evento che le cambierà la vita.
It’s a story about a nobody who could be anybody becoming a somebody for
everybody.
Gli autori cercano di vivere all’interno di Reena Spaulings, abbandonando le singole
identità per vivere in un processo comune, un esperimento collettivo


Nel 2004 John Kelsey & Emily Sundblad fondano la galleria Reena Spaulings Fine Art e
parallelamente alle operazioni quotidiane della galleria creano l’artista Reena
Spaulings .
Un gioco di alternanze, di doppia identità gallerista ed artista; l’opera di Reena
Spaulings mina le divisioni professionali del lavoro e delle gerarchie, e si interroga
sulla nozione di autore e artista.
In mostra saranno esposti una serie di dipinti performativi con i quali Reena Spaulings
rivisita il concetto di "pennello vivente" di Yves Klein.
Klein usava i corpi di modelle come pinceau vivant, allo stesso modo Reena Spaulings
usa Michael Sanchez, critico, dottorando in storia dell'arte e amico della galleria.
I dipinti restituiscono una certa personale specificità al gesto di Klein, affrontando il
tema dell’astrazione al giorno d’oggi; astrazione intesa non come risultato finale di un
dipinto, ma come oggetto, business della pittura dal momento iniziale a quello finale
della realizzazione.
Parte dei dipinti saranno inseriti all'interno di un impianto di tubi in acciaio.
Comunemente usati per gli impianti idraulici e a gas, i tubi si trasformano in un
oggetto d'arte in relazione allo spazio e allo spettatore.
Una serie di surf di marmo saranno prodotti in collaborazione con un collezionista
d’arte, titolare di una società di marmi. La compravendita e lo scambio di materiali
specifici con opere d’arte è parte integrante del lavoro di Reena Spaulings, che così
trova il modo di “estrarre” materiali e immagini dalle relazioni in cui è implicato.
Alla mostra saranno presenti John Kelsey, Emily Sundblad, Jutta Koether e Michael
Sanchez.