Reale Franco Frangi – Aperture

Bergamo - 12/11/2011 : 15/12/2011

Nella nuova personale presso la Galleria Marelia di Bergamo, viene esposta una selezione di opere a partire dagli anni novanta ad oggi tra cui una scultura di grandi dimensioni esposta al Museo Reina Sofia di Madrid nel 1997 e alcuni bozzetti preparatori.

Informazioni

  • Luogo: GALLERIA MARELIA
  • Indirizzo: via Torretta, 4 | 24125 - Bergamo - Lombardia
  • Quando: dal 12/11/2011 - al 15/12/2011
  • Vernissage: 12/11/2011 ore 18
  • Autori: Reale Franco Frangi
  • Generi: arte contemporanea, personale

Comunicato stampa

Reale Franco Frangi (Milano, 1933) è tra i fondatori del Movimento Madi Italia,
raggruppamento nazionale italiano dell’omonimo Movimento Internazionale
fondato da Carmelo Arden Quin nel lontanto 1946 a Buenos Aires.
Il gruppo italiano, che nasce nel 1990 presso la galleria milanese Arte
Struktura, ha lo scopo di coordinare a livello nazionale l’attività espositiva del
movimento. Nelle teorie di base del Madi, ovvero nella rottura dei canoni
dell’arte geometrica classica, Frangi ritrova il proprio operato iniziato nel 1969.
Dal 1991 è presente a tutte le manifestazioni del gruppo Madi in Italia e
all'estero, continuando in parallelo, il percorso artistico personale


Nella nuova personale presso la Galleria Marelia di Bergamo, viene esposta una
selezione di opere a partire dagli anni novanta ad oggi tra cui una scultura di
grandi dimensioni esposta al Museo Reina Sofia di Madrid nel 1997 e alcuni
bozzetti preparatori.
Dal testo di Matteo Galbiati in catalogo:
Forma e colore si fanno portatori di un valore nuovo e intellettivo, e nel pensiero
affondano la loro radice umanamente cognitiva. A questo punto Reale F. Frangi ci
dimostra quanto l’opera sia indispensabile luogo dei processi fisici e mentali dell’agirepensare
umano. Estrae, da quella geometria fittizia ed astratta, una dimensione
squisitamente umana e sensibile. Umana e sensibile perché percepibile e dialogante
con i nostri sensi, con la nostra posizione nel mondo, con l’espressione della nostra
esperienza e con la rilevanza della nostra memoria. Frangi ci consegna opere che
2
segnano dei percorsi, tracciano gli itinerari esplorativi che, dallo sguardo, arrivano
dentro al profondo delle esperienze, passando per gli esercizi pre-acquisiti e preordinati
della memoria.
Il linguaggio di Reale F. Frangi parla ancora della storia del suo pensiero, affidandosi
sempre ad un’opera che diventa tanto efficace quanto più si rastrema negli elementi
segnici basilari, riconducibili al suo stadio prefigurale. Un linguaggio aperto e
comprensibile il suo, perché è allo stadio primo nascente ed è anche così strettamente
legato alla sua verifica nello spazio del mondo. Là dove si può ravvisare, nello sguardo
e nella contemplazione umana, la forza continua per far riflettere sull’in-dicibile.