Raffaele Cioffi – Soglie 2018-2020

Lissone - 28/02/2021 : 25/04/2021

Raffaele Cioffi espone per la prima volta al MAC di Lissone, la città dove ha sviluppato gli ultimi anni di ricerca.

Informazioni

  • Luogo: MAC - MUSEO D'ARTE CONTEMPORANEA
  • Indirizzo: Viale Elisa Ancona, 6 20851 - Lissone - Lombardia
  • Quando: dal 28/02/2021 - al 25/04/2021
  • Vernissage: 28/02/2021 no
  • Autori: Raffaele Cioffi
  • Curatori: Alberto Barranco di Valdivieso
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: da lunedì a venerdì 16.00-19.00 giovedì 16.00-21.00
  • Biglietti: INGRESSO LIBERO previa prenotazione da effettuarsi telefonicamente ai numeri 039 2145174 /039 7397202 o inviando una mail all’indirizzo: [email protected]

Comunicato stampa

Raffaele Cioffi espone per la prima volta al MAC di Lissone, la città dove ha sviluppato gli ultimi anni di ricerca. L’esposizione, curata da Alberto Barranco di Valdivieso, è il coronamento di una attività trentennale presso gallerie private e istituzioni pubbliche, in Italia e nel mondo



La mostra “Soglie 2018_2020” presenta lavori inediti degli ultimi due anni e, soprattutto, grandi tele realizzate appositamente per gli spazi del Museo, opere che aprono un capitolo nuovo nel percorso dell’artista; un lavoro di grande accuratezza, che esprime esiti di una raggiunta maturità intellettuale, pur conservando l’istinto sensuale per la disciplina pittorica che da sempre alimenta il suo impegno.
L’artista manifesta, oggi più che mai, la capacità di declinare il linguaggio di una pittura che si dilata nel suo spazio suggerendone l’estensione oltre lo stesso supporto, secondo paradigmi che superano l’articolazione della “pittura in sé”. Cioffi rimane entro quello spazio di esperienza, seguendo un metodo di lavoro coerente, senza fare proprio il distacco emozionale e “narrativo” della scuola aniconica. L’artista sceglie, piuttosto, una direzione evocativa e poetica fatta di colore e di luce. Le sue composizioni, dai movimenti cromatici fibrillanti e porosi, costruite con una complessa tecnica di sovrapposizione dei pigmenti e con un movimento del pennello pivotante e nervoso, permettono di coinvolgere l’osservatore attraverso una esperienza di profondità e intensità iper-dimensionali. Le particelle di colore, che sembrano dissolversi in un moto perpetuo e metafisico, si rivelano allo sguardo per gradi successivi, disegnando misteriose “soglie” oscillanti e fulcri ottici in continua pulsazione verso vettori che oltrepassano il piano fisico della tela. Una ricerca, quella di Cioffi, che volutamente non si ferma alla semplice immanenza dell’oggetto pittura ma esprime il desiderio appassionato, feroce, doloroso, finanche romantico, di trascendere la nostra dimensione reale, la dimensione nella quale esiste l’opera ed esiste l’osservatore.

La ricerca artistica di Raffaele Cioffi testimonia l’esistenza di ulteriori possibilità di immaginazione e di comprensione, oltre le nostre paure, indotte o autoindotte. Le sue “macchine pittoriche”, i suoi portali, agiscono tramite il meccanismo – ancora in gran parte misterioso – che l’arte provoca nell’essere umano, non solo nella sua mente razionale ma nella sfera istintiva più profonda, in quelle zone segrete che sono i veri accessi alla libertà dalle catene della “verità tangibile”. Per Cioffi la pittura è il diaframma liberatorio e la spinta motrice verso dimensioni che, da sempre, sono presenti dentro di noi.

In occasione della mostra verrà editato un catalogo a cura di Alberto Barranco di Valdivieso con i testi di Claudio Olivieri e Roberto Casiraghi.


Raffaele Cioffi nasce a Desio (Milano) nel 1971, vive e lavora a Milano-Lissone.Si laurea all’Accademia di Belle Arti di Brera con Luciano Fabro ma chiarisce l’orientamento della sua ricerca con maestri quali Claudio Olivieri e Mario Raciti. Nel corso degli anni espone in mostre personali e collettive, in Italia e all’estero, presso istituzioni pubbliche e private, tra cui: Young Museum di Mantova Revere; Museo di Arte Moderna di Varese; Museo Nazionale di Villa Pisani a Venezia-Stra; 54° Biennale di Venezia a Torino; Villa Bagatti Valsecchi a Varedo Monza.