Prospettive – sulle Orme dell’Irrazionale

Treviso - 10/03/2013 : 03/04/2013

Ciascuno degli artisti presenterà una serie di opere nelle sale della prestigiosa Casa dei Carraresi che declinano certamente diverse matrici poetiche, ma che si incontrano e dialogano insieme con un gusto raffinato. Sei vite interessanti, sei modi diversi di intendere l’arte contemporanea, sei orizzonti da scoprire.

Informazioni

  • Luogo: CASA DEI CARRARESI
  • Indirizzo: Via Palestro 33/35 31100 - Treviso - Veneto
  • Quando: dal 10/03/2013 - al 03/04/2013
  • Vernissage: 10/03/2013 ore 11
  • Curatori: Maurizio Pradella
  • Generi: arte contemporanea, collettiva
  • Orari: lunedì-martedì-giovedì: 9-19/ mercoledì: 9-21 /venerdì-sabato-domenica: 9-20

Comunicato stampa

Domenica 10 marzo 2013 alle 11:00 alla Casa dei Carraresi di Treviso (via Palestro
35), s’inaugura la mostra collettiva contemporanea “PROSPETTIVE – sulle Orme
dell’Irrazionale” con la partecipazione di sei artisti: Franco Degrassi, Giuseppe Giraldo,
Qing Yue, Rosalba Ruzzier, Piero Slongo e Gala Tyurina. L’artista Qing Yue presentera’ la
performance “Invisible” con una sfilata di una quindicina di abiti dipinti dalla stessa e un ballo
finale



Maurizio Pradella, curatore della mostra, ha selezionato ciascun artista per evidenziare come
metodologie differenti possano collaborare tra di loro creando un insieme di prospettive, che, in
quanto differenti, fanno emergere chiaramente le reciproche peculiarità.

Enea Chersicola, critico, spieghera’ il senso della mostra che porta il sottotitolo “sulle orme
dell’irrazionale” sottolineando che, per accedere alle innumerevoli possibilità che un’opera ci
offre, è necessario abbandonare gli ormeggi sicuri della razionalità e vagare nei mari tempestosi
dell’irrazionale, osservare orizzonti che sfuggono agli schemi della ragione per poi raggiungere, alla
fin fine, la riva, quella del sentimento, delle sensazioni, delle emozioni.

Ciascuno degli artisti presenterà una serie di opere nelle sale della prestigiosa Casa dei Carraresi
che declinano certamente diverse matrici poetiche, ma che si incontrano e dialogano insieme con
un gusto raffinato. Sei vite interessanti, sei modi diversi di intendere l’arte contemporanea, sei
orizzonti da scoprire.