Progetto Pompei

Milano - 03/05/2015 : 31/07/2015

Mostra collettiva dal titolo “Progetto Pompei”, ideata da Andrea Ingenito e curata da Serena Ribaudo, nata dall’esigenza di rivisitare un sito archeologico famoso in tutto il mondo mettendone in evidenza le matrici storiche e universali.

Informazioni

Comunicato stampa

Domenica 3 maggio alle ore 11:00 inaugurerà presso la galleria AICA | Andrea Ingenito Contemporary Art, in via Massimiano 25, la collettiva dal titolo “Progetto Pompei”, ideata da Andrea Ingenito e curata da Serena Ribaudo, nata dall’esigenza di rivisitare un sito archeologico famoso in tutto il mondo mettendone in evidenza le matrici storiche e universali. Presentato in anteprima nazionale alla quinta edizione di MIA Milan Image Art Fair 2015, nella sua prima fase esclusivamente fotografica, il progetto continua ora il suo iter di crescita, andando ad inglobare variegate ed eterogenee espressioni artistiche

I protagonisti indagheranno, ciascuno secondo la propria personalissima cifra e il proprio mezzo espressivo, la memoria di un luogo, la sua unicità, la sua più intima essenza.

L’antico che incontra il contemporaneo: immagini visionarie quelle di Suzanne Moxhay e Barbara Nati, fotografie che raccontano il sempre attuale passato di uno dei più rappresentativi luoghi d’interesse storico, culturale, antropologico ancora esistenti. Scatti entro i quali gli elementi pragmatici della realtà pompeiana, che ben conosciamo, sono trasposti in atmosfere oniriche, utopiche, talvolta apocalittiche e, per questo, fino ad ora ignote.
Una duplice prospettiva è offerta al nostro sguardo dai preziosi dittici del fotografo ragusano Sandro Scalia. Dal basso verso l’alto, dall’azzurro cielo al soleggiato suolo, dai rivestimenti parietali a quelli pavimentali: scorci racchiusi in due diversi punti di vista, per un’unica visione d’insieme, attraverso un sol colpo d’occhio.

L’aspetto materico si manifesta tramite il linguaggio scultoreo, quello dell’artista siciliano Giacomo Rizzo. Dando voce ad una metodologia estremamente correlata alle note vicende di Pompei e che pervade buona parte di un fare artistico particolarmente dedito all’archeologia della natura, lo scultore realizza ed espone per l’occasione un calco di roccia.

Attraverso il percorso artistico e la presenza di questi protagonisti sarà evidenziata ancora una volta l’importanza di un’eccellenza artistica, già dichiarata Patrimonio Mondiale dell’Umanità dall’UNESCO nel 1997.

L’inizio di un viaggio, dunque, con la prospettiva di una sempre maggiore valorizzazione e diffusione dell’accurato progetto espositivo, attraverso tappe nazionali ed internazionali.