PoseidonInFlora #2

Terlizzi - 20/12/2013 : 24/02/2014

La mostra unisce grandi e pluridecorati artisti di fotografia subacquea, che liberamente hanno sviluppato, attraverso svariate forme e tecniche d’arte, i temi.

Informazioni

Comunicato stampa

Nei prestigiosi spazi della Pinacoteca “Michele de Napoli” a Terlizzi si inaugura venerdì 20 dicembre 2013 alle ore 19,00 la mostra POSEIDONinFLORA 2, a cura di Giuseppe Pignataro su progetto di Michelangelo Matacchione, organizzata dal Comune di Terlizzi e dall’Associazione “Deeplife Scuba Team”, in collaborazione con @DI Dive Information e con la scuola dell’infanzia “Via Tripoli”


“La mostra POSEIDONinFLORA parte integrante del progetto NEL BLU DELLA PUGLIA – spiega il curatore, Giuseppe Pignataro - si propone l’obiettivo di congiungere la passione per il mare, stendardo iconografico dell’associazione Deeplife e degli artisti di fotografia subacquea, con lo spiccato interesse per le cose terrene, con particolare attenzione agli operati sviluppati da un attento sentimento verso la flora e i fiori, filone scelto ai fini della valorizzazione del territorio di Terlizzi, di cui i fiori sono simbolo. La mostra unisce grandi e pluridecorati artisti di fotografia subacquea, che liberamente hanno sviluppato, attraverso svariate forme e tecniche d’arte, i temi. I criteri di scelta e selezione delle opere che saranno esposte si sono basati su valutazioni fatte in merito all’attinenza esplicita o di libera interpretazione dei contenuti e dei temi da cui il titolo. POSEIDONinFLORA si presenta come una sintesi hegeliana di amore, passione, dedizione e/o trasporto verso i fiori e il mare”.
La mostra si articola in due sezioni: la prima dedicata alla fotografia subacquea (espongono: Silvia Boccato, Paolo Fossati, Isabella Maffei, Michelangelo Matacchione, Adriano Morettin, Giuseppe Pignataro, Stefano Proakis, Mimmo Tritto, Davide Vezzaro, Alessio Viora); la seconda incentrata sui lavori realizzati durante il percorso di educazione ambientale marina NEL BLU DELLA PUGLIA in collaborazione con il Primo Circolo Didattico “Don Pietro Pappagallo” e con la scuola dell’infanzia “Via Tripoli” ove i bambini in stretta collaborazione con la Deeplife hanno imparato a conoscere gli organismi, il rapporto forma/funzione in relazione alla necessità delle specie in termini di alimentazione, i comportamenti di difesa e predazione, la biodiversità della nostra fascia costiera, l’adattamento alla variazione delle caratteristiche chimiche fisiche e biologiche che vengono a susseguirsi nell’ambiente naturale, a sperimentare il mare ed il suo corretto impiego al fine di diffondere la politica di salvaguardia e di protezione delle aree di valore naturalistico soggette ad una sempre più crescente pressione antropica.
La mostra sarà visitabile dal martedì alla domenica 10,00-13,00, venerdì e sabato 16,00 – 21,00, domenica e festivi 18,00 -21,00.

Informazioni: Pinacoteca “Michele de Napoli”
Corso Dante 9, Terlizzi (BA)
Tel. 080.3542836
www.pinacotecadenapoli.com
[email protected]

Referenti organizzativi e curatori: Michelangelo Matacchione cell. 3456023560, Giuseppe Pignataro cell. 3285934373.


ARTISTI

SILVIA BOCCATO
“Sono un essere errante con il suo percorso fotografico che come altri è passato da svolte importanti ma che ancora non sa a cosa porterà. So invece con certezza che non mi voglio fermare; voglio andare avanti per la mia strada, studiare, sperimentare, condividere, ricercare innovazione e libertà espressiva, cercare me stessa.. Vorrei che la fotografia subacquea fosse considerata vera Arte Fotografica al pari di tutte le arti dove oltre la scrittura con la luce ci sia anche l’elemento acqua. Non è necessario andare ai tropici o immergersi negli oceani, basta mettere la testa sotto il pelo dell’acqua ed osservare cosa accade. Indago gli universi fluidi immersa nell’altra realtà, quella vera. Dalla natura degli animali alla natura degli uomini, cerco quello che gli altri non vedono, cerco la poesia di un mondo sottosopra. Forse il mio soggetto preferito non è altro che L’ACQUA: l’acqua che bagna, distorce , riflette, specchia, crea immagini virtuali, imprevedibili, inaspettate, non controllate, l’acqua che capovolge la realtà, dove i pesci sono nel cielo e gli uomini volano liberi dal peso della gravità in un mondo al contrario”.
www.siviaboccato.com , http://www.nikonphotographers.it/silviaboccato ,http://silviaboccato.wordpress.com/ , http://www.fashionunderwater.com/
Campionessa del mondo e italiana di Fotografia Subacquea, Silvia Boccato è fotografa free-lance specializzata in fotografia in ambienti acquatici.
Da sempre nel mondo dello sport, divide la sua attività di Professore di Educazione Fisica con la passione per la fotografia subacquea. Si dedica in questi ultimi anni alle competizioni agonistiche di fotografia subacquea, dove in breve tempo conquista i vertici mondiali senza perdere di vista la ricerca di innovazione espressiva .
Il suo amore per la natura la porta all’Università “La Sapienza” di Roma, segue il Corso di Laura in Scienze Naturali. I suoi reportage a tutto campo sono pubblicati su FareVela, Mediterraneo, Sub, Il Subacqueo. Nel 2008 cura la rubrica mensile “Sott’acqua” su FareVela.
I suoi scatti premiati ai più prestigiosi concorsi nazionali ed internazionali i tra i quali conquista l’ambito Plongeur d’Or e il Bronze al 35° Festival Mondial de L’Images Sous Marine di Antibes in Francia.
Molteplici i riconoscimenti nei maggiori concorsi internazionali quali il Moscow International Photo Festival “Golden Dolphin” (Russia) dove si aggiudica il podio per tre anni consecutivi, International Photographic Competition dell’Underwater Photography Society di Los Angeles, XXX Mostra Internazionale “Città di Faenza”, Fete de L’image Sous-Marine di Strasbourg (Francia), nelle varie edizioni del Marmara International Festival di Istambul (Turchia), Festival International du Film Marititime di Toulon (Francia), Concorso internazionale “Hello Water” di Bolzano, Festisub Festival de l’image Sous-marine in Svizzera, Gran Premio FIPSAS di Fotografia Subacquea. Nelle competizioni in estemporanea, nel 2009 si aggiudica il titolo italiano ai Campionati Italiani di Fotografia Subacquea della Federazione Italiana FIPSAS; vince il 6° Concours International de Photographie sous-marine de Monaco premiata dal Principe Alberto II, premi di categorie all’ Open International Fotosub delle Isole Medes e dell’Isla de El Hierro. Nel 2011 conquista la medaglia d’Oro per l’Italia ai Campionati del Mondo di Fotografia subacquea della CMAS in acque turche. Oggi viene chiamata in qualità di giurato nelle più importanti competizioni internazionali.
Il suo personale percorso di ricerca di emozioni fluide la portano oggi ad esplorare il campo del fashion e dei ritratti umani nell’elemento liquido dove il segno della natura e la natura degli uomini si fondono in una perfetta osmosi.

PAOLO FOSSATI
Paolo Fossati è nato a Torino il 13 luglio 1958, segno zodiacale cancro, elemento acqua. Fin da piccolo l'acqua è stata la sua principale fonte d'attrazione. La prima maschera gli è stata regalata a sei anni, a nove anni il primo fucile subacqueo; fortunatamente lo ha usato poco. Nel 1982 ha conseguito il primo brevetto Ara Base della FIAS ed ha iniziato ad immergersi con l'autorespiratore. Il ritmo è stato subito intenso, tanta era la passione. Nel 1985 consegue la laurea in medicina veterinaria ed arriva la prima Nikonos IV senza flash, nel 1986 il primo flash subacqueo, SB 101 Nikon. Da allora è stata una continua ricerca dell'attrezzatura ottimale, moltissimi i cambiamenti per adeguare le apparecchiature alle nuove tecnologie.

Dal 1989 al 1993 si dedica alle gare di caccia fotografica vincendo il Campionato Italiano nel 1990 all'Argentario, partecipa a concorsi di fotografia subacquea nazionali ed internazionali vincendone molti. Dopo questa parentesi agonistica, che ritiene fondamentale per la sua formazione di fotografo subacqueo e durante la quale conosce molti amici con i quali è attualmente in contatto, inizia una collaborazione con la rivista Mondo Sommerso. Segue il contatto con altre testate giornalistiche e, nel 1994, l'accordo con la rivista AQVA, che lo avvia al mondo del professionismo. Nello stesso anno ha conseguito i brevetti SSI fino a Divecontrol Specialist.

Attualmente collabora con tutte le riviste di attività subacquee italiane e con numerose case editrici. In modo parallelo continua a svolgere l'attività di veterinario, che lo occupa principalmente come direttore sanitario di un canile in cui cerca di dare una possibilità di vita migliore a tanti animali randagi. L'impegno e la passione che mette in entrambi i lavori sono complementari e non potrebbe rinunciare a nessuno dei due. L'interesse principale continua ad essere la biologia marina, soprattutto mediterranea, attraverso la quale cerca di diffondere un messaggio di rispetto e d'amore nei confronti dell'ambiente marino

ISABELLA MAFFEI
Nasce a Varese nel 1973,dove vive tutt’ora. Nuota sin dall’infanzia e compie le prime esperienze subacquee con maschera e boccaglio a 16 anni; il passo è breve, due anni dopo consegue il suo primo brevetto subacqueo a Dahab in Egitto, tornata in Italia si è sempre immersa nel Lago Maggiore, Ceresio e nei fiumi della Valle Verzasca e Maggia (CH). La passione e l’esperienza la portano a diventare istruttore , tutt’ora gestisce il suo centro di immersione “Deep Avenue” a Mendrisio , una cittadina nella Svizzera Italiana.
L'avvicinamento alla fotografia subacquea , ha avuto inizio dalla necessità di lasciare, ai novelli subacquei formati nel suo centro immersioni, un ricordo di quella meravigliosa esperienza che è il primo respiro sott'acqua, ma un approccio "commerciale" si sviluppa presto in una autentica passione.
Da tempo collabora con riviste di settore, unendo la passione della fotografia a quella della scrittura. “Il mio essere fotografo subacqueo è una forma di comunicazione, un linguaggio visivo universale che ha l’ambizione di raccontare, descrivere, senza bisogno di parole, la perfezione della natura sommersa. Mi piace l’idea di scattare fotografie dinamiche, dove l’osservatore sia catturato e trasportato all’interno dell’immagine; mi piace al punto da non riuscire più a considerare una fotografia statica e bidimensionale, in questa direzione volgerà il mio lavoro futuro. Ogni volta che mi immergo, la mia Nikon è con me, come prolungamento del mio braccio, l’amore per la subacquea aumenta di giorno in giorno con l’unica differenza che non guardo più i “Giardini di Poseidone” da una maschera ma dal mirino della mia reflex.

MICHELANGELO MATACCHIONE
Master Instructor PSS è nato a Bari il 09/08/1965 e dalla sua nascita vive nella sua splendida Terlizzi. Da sempre ha avuto una grande passione per il mare ed in particolar modo per il mondo subacqueo (oggi più di 800 immersioni in tutto il mondo ne sono la prova). Per tale e fortissima ragione verso la fine degli anni 90 ha deciso di iscriversi ad un corso subacqueo. Ben presto la suggestione e l’incanto dei fondali lo hanno portato al professionismo vero, infatti ora dirige un Centro Formazione Istruttori a Terlizzi con brevetti riconosciuti in tutto il mondo. Fotografo dilettante in esterno con macchina a pellicola e poi digitale, ha da subito unito la passione per la fotografia con quella per la subacquea permettendogli di andare alla scoperta del meraviglioso universo sottomarino, portandolo a visitare i mari di tutto il mondo ma esprimendo il suo innato senso artistico nel suo mare Mediterraneo. Oggi continua a trasmettere le sue emozioni grazie a una Nikon D90 scafandrata Isotta con Flash inon Z240 e ottiche micro Nikkor 60 mm e 10,5 fishe eye. Ha partecipato più volte a concorsi fotografici ove ha riportato piazzamenti di prestigio. Ultimamente è stato più volte richiesto per shooting fotografici subacquei da parte di modelle di moda.
“Noi subacquei, e di questo dobbiamo esserne consapevoli, siamo una categoria di persone privilegiate, alle quali viene offerto qualcosa di più che agli altri, dato che abbiamo la fortuna di vedere ciò che gli altri possono soltanto immaginare, o conoscere indirettamente attraverso racconti, filmati e riprese fotografiche. Tutti possono ammirare una bella alba, uno splendido tramonto, le cime innevate di superbe montagne, i capolavori d’arte che l’uomo, nei secoli, ha creato a testimonianza della sua presenza e anche la fantastica vita animale e vegetale che rende meravigliosa la Terra. Pochi, però, anzi pochissimi rispetto all’intera umanità, hanno la possibilità di andare direttamente sott’acqua e avvicinare di persona quel fantastico mondo che la mano invisibile del Creatore ha voluto celare sotto la massa immane degli oceani, forse per nascondere un’infinità di segreti che solo a pochi per volta possono essere svelati, così da renderli ancora più misteriosi e interessanti all’ occhio umano, sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo e di stimolante.”


ADRIANO MORETTIN
Nato a Trieste, città di mare e di grandi tradizioni marinare, ho sempre avuto una fortissima attrazione verso questo elemento e soprattutto nei confronti di ciò che si cela sotto la sua superficie. La grande attrazione e curiosità verso il sesto continente, che mi accompagna tuttora, mi ha spinto ad ottenere tutti i brevetti di sommozzatore sportivo fino a diventare istruttore subacqueo.
Ma la svolta, che mi ha fatto innamorare ancora più intensamente del mare e dei suoi abitanti, è avvenuta circa vent’anni fa quando per la prima volta ho preso in mano una macchina fotografica subacquea. Da allora la fotografia subacquea è diventata parte integrante della mia vita e non posso immaginare l’una senza l’altra.
Questa grandissima passione mi ha permesso di conquistare due titoli italiani nella Caccia Fotografica Subacquea e soprattutto di primeggiare con le mie foto nei più prestigiosi concorsi di fotografia subacquea a livello mondiale, fino ad ottenere il titolo più ambito per un fotografo subacqueo: il Plongeur d’or nel portfolio al Festival Mondial de l’Image sous Marine di Marsiglia nel 2009.
La fotografia subacquea mi ha portato ad immergermi in vari mari del pianeta ed in particolare nei mari indonesiani, dove la natura si è veramente sbizzarrita nel plasmare un mondo sottomarino fantastico ed eccezionale per la moltitudine di esseri viventi così particolari e variegatamente colorati che lo compongono, tanto da confondere il mortale che ha la fortuna di poterli ammirare.

GIUSEPPE PIGNATARO
Nasce a Bari nel 1965 e attualmente risiede a Valenzano in provincia di Bari. Inizia ad appassionarsi alla fotografia subacquea nel 1981 conseguendo nello stesso anno il suo primo brevetto subacqueo, oggi è istruttore 2 stelle CMAS e istruttore di fotografia subacquea.
Viaggiare e fotografare, in questo spirito visita gli angoli più interessanti del nostro globo ma la sua grande passione è il “Mare Nostrum” ed in particolare i fondali della sua amata Puglia ai quali dedica la maggior parte delle ore di immersione.
Premiato ai più prestigiosi concorsi nazionali ed internazionali, tra cui Biennale internazionale di Lugano, concorso internazionale Vodan (Slovenia), concorso internazionale Image 99 (Birmingham), Festival internazionale Marmara (Turchia) e 30° Festival internazionale della fotografia subacquea di Antibes “sez. Malacologia”. Dal 1997 al 2000 fa parte della Nazionale Italiana di fotografia subacquea.
Campione italiano a squadre nel 1995. Oggi la sua esperienza la impiega in qualità di giurato in concorsi e competizioni agonistiche estemporanee di fotografia subacquea Nazionali e Internazionali, e in qualità di docente in corsi di fotografia e workshop.
Documenta il mare in tutte le sue molteplici forme spaziando dalla fotografia ambiente a quella macro, con una predilezione per quest’ultima, realizzando immagini in cui l’esaltazione dei colori, unita ad una attenta e personale ricerca compositiva, offrono una suggestiva visione del mondo marino.
Dal 1990 pubblica calendari grazie alla collaborazione con le più rinomate aziende Grafiche. Nel 2008 realizza il progetto @DI, un modo per comunicare e condividere la passione per il mare in terra di Puglia. "D'Acqua" è il titolo della sua nuova mostra che è in tour in terra di Puglia. Attrezzature: Utilizza apparecchi fotografici digitali Nikon D700 con ottiche Micro Nikkor 60mm e Micro Nikkor 105mm e lenti Subsee per tutte le fotografie macro, Nikkor 17-35mm, 15mm e 10,5mm fisheye per fotografie ravvicinate ed ambiente. L’ineccepibile qualità e sicurezza di tali apparecchiature è affidato alle custodie Seacam, mentre il meraviglioso mondo di colore è stato reso visibile dai flash Z 240 della Inon, Seaflash 150 TTl della Seacam e YS110 della Sea&Sea con braccetti della linea Carbolight.
www.at-di.it , [email protected]

STEFANO PROAKIS
Stefano PROAKIS nasce a Roma nel ’60, svolge l’attività di grafico e fotografo, con specializzazione in quella subacquea. Nel ’76 con i primi corsi d’immersione, nasce la passione per la fotografia subacquea che, già qualche anno prima, coltivava a livello terrestre avendo ereditato passione e mezzi paterni.
Istruttore federale d’immersione della F.I.P.S.A.S. (Federazione Italiana Pesca Sportiva ed Attività Subacquee) e dal ’92 anche di fotografia subacquea.
Awards: Nel 1993 inizia a praticare l’agonismo in estemporanea della fotografia subacquea, qualificandosi subito per la finale dei Campionati Italiani di quell’anno. Fà parte del Club Azzurro di fotografia subacquea dal ’99 ad oggi.
Campione Provinciale e Regionale (di Roma e del Lazio) per diversi anni consecutivi;
Campione Italiano di fotografia subacquea a squadre 1999;
Campione Italiano di fotografia subacquea a squadre 2008;
Campione Italiano di fotografia subacquea Individuale reflex 2008;
Campione Italiano di fotografia subacquea a squadre 2010;
Campione Italiano di fotografia subacquea Individuale reflex 2012;
Vice Campione del Mondo di Fotografia Subacquea a Cayo Largo – Cuba 2013
Medaglia d’oro nella categoria “Wide Angle with Diver”, medaglia d’argento nella categoria “Close Up with Theme); medaglia di bronzo nella categoria “Wide Angle”.
“Amo questo sport, trovando l’agonismo della fotosub molto formativo per un fotografo subacqueo alle prime armi; sia sul piano tecnico che su quello personale. Questo perché ritengo il confronto con gli altri fotografi molto dinamico, diretto e veloce per la crescita e l’esperienza, fondamentali in questa attività.”
Oltre a questa grande passione, avendo una sensibilità per la natura, si occupa anche di fotografia naturalistica e di viaggi; cercando di unire le due cose: “acqua“ e “natura”. Collabora con alcune agenzie e studi fotografici. Ultimamente si dedica alle fotografie subacquee dei bambini in piscina.
Ha pubblicato articoli ed immagini su Il Subacqueo, Mondo Sommerso, Almanacco di Fotografare, speciale QuiTouring, ecc.

MIMMO TRITTO
Nato a Bisceglie il 22/05/1968 . Grazie alla passione per il mare trasmessa da mio padre si da piccolo, inizio il mio percorso subacqueo con la pesca in apnea alla sola età di 15 anni. Nel ’89 ho avuto la possibilità di acquistare la mia prima attrezzatura da sub (erogatore e bombola) così per caso da una persona che se ne voleva disfarne. La tentazione di buttarmi in acqua era tanta, ma non avendo nessun tipo di informazione ho ritenuto opportuno iscrivermi ad al mio primo Corso Sub. E fu cosi che nel ‘89/ ’90 ho conseguito il mio primo Brevetto Subacqueo Open Water Diver ANIS !!
Negli anni avvenire la passione per il mondo marino subacqueo aumentava sempre piu. Passando attraverso tutte le conoscenze dei vari corsi successivi (ADVANCED, RESCUE, DIVEMASTER ecc.) nel 1995 ho deciso di intraprendere la carriera istruzionale con la mia Didattica di sempre SSI. Il mio obiettivo era quello di trasmettere alla gente, che lo desiderava, quelle emozioni che ognuno di noi prova quando visita i fondali marini, senza necessariamente pescare qualcosa. Prima con il corso Divecon (guida subacquea) e poi con l’Assistant Istructor (aiuto istruttore) nel ’96 divento finalmente un Istruttore Subacqueo SSI.
Il mio approccio con la fotografia subacquea avviene nel 2002 con l’acquisto della mia prima macchina fotografica subacquea compatta Motomarine X-10 con Flash dedicato e varie ottiche aggiuntive, una spesa davvero onerosa x quel tempo!!
Nel 2005 piccolo salto di qualità con il passaggio alla mia prima Reflex Nikon F90X scafandrata con custodia Sea&Sea . Erano l’inizio dell’era digitale ma ho preferito la tradizionale pellicola diapositiva x continuare la mia esperienza da provetto FotoSub.
Con l’evoluzione del digitale nel 2008 decisi di passare al digitale. Fu cosi che lasciai la pellicola per avventurarmi con la mia Reflex Digitale Nikon D200 sempre in custodia Sea&Sea. Il passo fu considerevole. Avevi la possibilità di vedere al momento i tuoi scatti senza dover aspettare le stampe e pertanto correggere quasi tutti gli errori.
Fino a questo momento tutto il mio lavoro e la mia esperienza, da autodidatta, hanno portato discreti risultati fotografici. Ma avvertivo la necessità di migliorare e magari avere qualche informazione in piu da gente magari con una certa esperienza alle spalle. Fu cosi che grazie ad un veterano della fotografia subacquea vicino di casa (pugliese) Giuseppe Pignataro, l’evoluzione della fotografia subacquea ha avuto davvero inizio. Prima con un corso di assoluto valore tecnico, accompagnato dalla sua esperienza e passione, ha fatto si che oggi ho la possibilità di confrontarmi con tanti altri FotoSub.
Nel 2013 la decisione di passare dal formato Dx al formato FX. Ed eccomi qui con la mia “nuova” Nikon D700 con uno scafandro SEACAM.
Questo è solo l’inizio per l’evoluzione è in corso!!! Fotografare ormai è parte integrante di qualsiasi tipo di immersione che io faccia. Riuscire a portar via un ricordo dal mare, racchiuso in un file è senza ombra di dubbio una grandissima soddisfazione.
Attrezzatura: Macchina Fotografica NIKON D700; Flash n.2 Inon Z240. Obiettivi: Nikon 105 mm. macro VR; Nikon 60mm macro; Zoom Nikon 17/35 Nikon; Fish Nikon 16mm. Esperienza subacquea: Divecon Istructor SSI; Immersioni oltre 800; Riconoscimenti : Gold 500Istructor SSI

DAVIDE VEZZARO
Resident: Melide (tiny town near the border with Italy), Switzerland. Born 28th October 1971. Diving certification OWDInstructor. Diver since 17 years (2002).
Although he was born far away from the sea, in the small town of Lugano in the tiny Canton of Ticino, the photographer was able, and in fact still does, to benefit from the clear, freezing Alpine lakes and rivers near his home, refining his own photographic and scuba diving techniques in the waters. These are places where the extreme conditions of the water would seem to put anybody off, but with patience and insistence slowly reveal never-ending designs, reflections and lights to the sensitive, alert visitor, which can preserve the passion over time, witness to a varied and continuously developing artistic career.
Born with the desire to explore the world's most remote places and transmit the emotions that such places create and leave after each immersion, the photographer became a witness to all he saw, especially for those people who were not lucky enough to explore the deep-sea beds. As a silent reporter, he recorded all the details in photographs and in words. From the very beginning, he was attracted by the biodiversity of the submarine world and constantly searched for new images. The enthusiasm for these two aspects brought him to combine them, working towards the creation of his first underwater works.
A keen fan of wide angle photography and macro-photography, his photos capture the dynamic aspect of each moment, providing a sense of movement and continuity to each photo. In recent years, he has developed a preference and aptitude for extreme wide-angle shots, with which he has managed to reveal the most hidden and innermost scenarios of underwater life. His dynamic images provide a perception of the slightest movement, such as the algae floating in the current or the lazy gait of a tortoise. The mix of light, technology and angle of the photo is essential for a "magical" shot. These three elements, which the author spends a large part of his research on, provide results that reveal transparency, chiaroscuro, depth of field and Sharpness to an expert eye. The evelopment of personalized sub-aqua optics distinguishes his filming style.
AWARDS 1999-2003
1999
20th Underwater Photographic
2000
20th Underwater Photographic Competition - "Maestri del fuoco Faentini" - 3rd place Macro
Vodan International Photo Contest (SL) - 3rd place Macro
2001
BG Wildlife Photographer of the year (UK) – Finalist, Underwater session
25th. Kamera Louis Boutan (D) - 3rd Place Macro slides
SeaSpace International Underwater Photographic Competition (USA) - Honorable mention Wide angle
Tauchen International Wettbewerb, (D) - 1st place Macro
VI International Underwater Photographic Competition "Diaframma Sub" - 1st place B&W Photography and 2nd place Biological Photography
2002
Fête internat. de l’image sous-marine (F) - 1st place Portfolio of 10 slides
Celebrate the Sea Photo&Video Competition (Singapore) - Highly Commended Portfolio - Special David Doubilet Award
29th World Festival of Underwater images, Antibes (F) - “Plongeur de bronze” Portfolio of 10 slides
2003
Celebrate the Sea Photo&Video Competition (Singapore) - 1st place Wide Angle and 3rd place Macro Highly Commended Portfolio - Special David
Doubilet Award
30th World Festival of Underwater images, Antibes (F) - “Plongeur d'argent" Portfolio of 10 slides
PUBLICATION: Since left the underwater photo competition world, I am now working on reportages for some European and East magazines (AQVA, Sub-AQVA, Mondo Sommerso, Voyage, Skippers, and more)

ALESSIO VIORA
Che l’acqua fosse nel suo destino era chiaro sin dalla nascita, nel 1965 sulle rive del lago d’Orta in Piemonte dove non poteva sin dalla più tenera età resistere alla tentazione di esplorare fondali e stringere contatti con la vita sottomarina. Dal 1986 inizia a prendere sul serio le immersioni conseguendo la prima stella CMAS e da allora continua a praticare l’attività subacquea .
Dal 1983 inizia a scattare fotografie approfittando di un viaggio negli Stati Uniti e da allora non ne ha ancora avuto abbastanza. E’ nel 1992 con l’acquisto della prima Nikonos III che si avvicina alla fotografia subacquea il cui interesse sempre crescente coltiverà sino al 2000, anno in cui partecipa al primo concorso fotografico a tema in cui risulta subito premiato . Ad oggi il suo palmarès conta oltre 140 riconoscimenti sia italiani che internazionali .
Da subito ha feeling con le ottiche macro ma predilige il grandangolare spinto per la ripresa di grandi soggetti e per dare luminosità alle immagini. L’entusiasmo che si diffonde anche grazie agli amici che condividono le stesse passioni è contagioso e lo porta a partecipare a tutti i maggiori concorsi del pianeta e a continuare a viaggiare per esplorare sempre nuove destinazioni , senza mai perdere la curiosità del neofita e l’instancabile interesse per nuove culture, luoghi e persone.
Che sia un fiume di montagna, un oceano lontano o il lago vicino a casa ogni occasione è buona per immergersi e fare sempre nuove esperienze. L’avvento del digitale apre poi nuove , stimolanti sfide che andranno in futuro ad ampliare la già ampia possibilità di riprese subacquee con sempre maggiori variabiliAttualmente si sta dedicando con maggiore attenzione alla macro in acqua dolce che riserva sempre gradevoli sorprese.


L'associazione Sportiva Dilettantistica DEEPLIFE è un centro permanente di vita associativa a carattere volontario e democratico apartitico e apolitico la cui attività è espressione di partecipazione, solidarietà e pluralismo. L'amore per il mare, la prevenzione e il rispetto per l'ambiente, la professionalità hanno stabilito delle finalità NON A SCOPO DI LUCRO, tra le quali la tutela e la valorizzazione della natura e dell'ambiente, prevalentemente acquatico e in particolare subacqueo, sanciti dal rapporto di affiliazione con WWF e MAREVIVO DIVISIONE SUB; la valorizzazione, la promozione e la diffusione della ricerca scientifica svolta direttamente da fondazioni ovvero da esse affidate a Università, enti di ricerca e altre fondazioni che la svolgono direttamente; la promozione, diffusione e la pratica di ogni attività sportiva (soprattutto subacquea), culturale, turistica, ricreativa e del tempo libero; l'organizzazione e la rappresentanza di manifestazioni a carattere sportivo e/o ricreativo con manifestazioni specifiche di biologia marina o di fotografia digitale; l'organizzazione di corsi subacquei con emissione di regolari brevetti sino al livello INSTRUCTOR della prestigiosa didattica PSS (Professional Scuba Schools) per tutte le età con elevata professionalità senza alcuno spirito di competizione. La DEEPLIFE si pone per obiettivi: il risveglio di un acceso interesse verso il centro storico, l’architettura e gli spazi del paese; l’esaltazione delle tipicità e delle tradizioni di Terlizzi, attraverso il matrimonio tra la materia dell’associazione e il simbolo locale dei fiori; il coinvolgimento e il recupero del progetto “Spiagge e Fondali Puliti 2013” in collaborazione con la scuola dell’infanzia Via Tripoli di Terlizzi; Tra gli obiettivi del progetto primeggia l’importanza del contributo che ogni singolo artista può offrire alla società, nonché la realizzazione di un concreto dialogo tra Arte e Realtà Territoriale. --