Pola Wickham – Harem: Opere Nuove

Roma - 14/05/2013 : 28/05/2013

Harem è una serie di quadri che fa da sfondo a una serie di mostre che Pola Wickham sta sviluppando da più di sette anni.

Informazioni

Comunicato stampa

Harem è una serie di quadri che fa da sfondo a una serie di mostre che Pola Wickham sta sviluppando da più di sette anni.
Nel lavoro di Pola Wickham l’Harem denota, non uno spazio politico o sociale, ma piuttosto un mondo privato. Un mondo nascosto, domestico ed esotico, esclusivamente femminile, dentro il quale le donne trovano la libertà di esprimersi. Una semplice parola che implicherebbe una problematica, poiché le abitanti dell’Harem normalmente si trovano sotto la giurisdizione esclusiva di un singolo maschio

Tuttavia l’idea di un contesto esclusivamente femminile è il vero nodo del pretesto: l'immaginario che offre a Pola Wickham l'idea della possibilità di sovversione in senso formale e tematico. Harem diventa uno spazio interiore e immaginario, riservato e custodito gelosamente. Paradossalmente rappresenta il sentirsi libera di elaborare idee formali all'interno di un mondo-gabbia.

“Il mio lavoro si muove su una linea sottile tra ciò che è bello e colto come pittura, e ciò che è maldestro e goffo come immagine, questo a volte lo rende difficile da incasellare e categorizzare. Ho sempre pensato che questo fosse un tratto positivo della mia opera nonostante le difficoltà che comporta.
La mia formazione si è basata su un’educazione molto tradizionale rispettosa della storia dell’arte. Ho studiato i vecchi maestri e gli’Impressionisti, ho studiato e approfondito tutto il ventesimo secolo, dal Cubismo alla Pop Art, facendo attenzione all’Espressionismo Astratto e a tutto ciò che nacque da quel movimento. Tuttavia ci sono artisti contemporanei ai quali mi sento più legata in termini di pittura... persone come Mamma Andersson, Peter Doig, Beatrice Milhazes, Elena Sisto, Julie Mehretu, Al Held e la lista sarebbe ancora lunga... Mi piace guardare il lavoro degli altri; sono sempre alla ricerca d’ispirazione, ho bisogno di sentire un’appartenenza, perché la vita nello studio può essere solitari e isolata.
Suppongo che per tante persone il termine “cutting edge” non può più riferirsi alla pittura, ma la pittura è ancora viva, e non solo quella tradizionale, narrativa.
Esiste una pittura contemporanea figurativa che si confronta con il mezzo stesso della pittura, che ragiona su come si trasforma una tela in un soggetto... un lavoro che si sviluppa con artisti come Fairfield Porter e Alex Katz fino ad arrivare a Luc Tuymans e Peter Doig. Comunque il contesto in cui vengono esposte le opere può fare tutta la differenza.”

POLA WICKHAM nasce a Londra nel 1969. Ha studiato pittura a Aix-en-Provence e a New York e ha ottenuto un Master alla Facoltà di Belle Arti dell’Università della Yale University. Ha esposto la sua opera negli Stati Uniti e in Europa, in mostre individuali e collettive, e i suoi dipinti fanno parte di collezioni pubbliche e private entrambe le parti dell’Atlantico.
Una volta terminati gli studi, si è trasferita a Barcellona, dove tra il 1999 e il 2006 ha lavorato come artista e docente. Nel 2006 si è trasferita a Roma, dove continua con la sua attività creativa.