Plural Unique 2

Piacenza - 24/10/2015 : 06/11/2015

Il titolo stesso della mostra è un'espressione di sintesi: linguaggi, culture, tradizioni che si fondono insieme accordandosi in un'unica lirica emozionale.

Informazioni

  • Luogo: NEXT GALLERY
  • Indirizzo: Palazzo Somaglia, via Taverna 66 - Piacenza - Emilia-Romagna
  • Quando: dal 24/10/2015 - al 06/11/2015
  • Vernissage: 24/10/2015 ore 18
  • Generi: arte contemporanea, collettiva
  • Orari: dal Martedì al Sabato 17.00-19.00

Comunicato stampa

La NEXT Gallery, galleria internazionale di Piacenza, presenta la seconda parte del progetto “PLURAL UNIQUE”.
Il titolo stesso della mostra è un'espressione di sintesi: linguaggi, culture, tradizioni che si fondono insieme accordandosi in un'unica lirica emozionale.
Nel percorso espositivo si confrontano espressioni e forme di comunicazione di cinque Paesi diversi: Germania, Australia, Inghilterra, Spagna e Italia.

“Nulla sembra essere così com'è”, questo è il tema che attraversa tutte le opere della fotografa tedesca Marlen Peix

Come risultato del suo processo creativo, Marlen Peix crea fotografie che sono innegabili rappresentazioni del reale, ma superano le aspettative dello spettatore e della realtà.

La pittrice australiana Lynn Jaanz esplora la condizione umana e la complessità della vita attraverso l'uso di colori, curve e incroci che ritraggono i diversi percorsi dell'umanità alla ricerca di senso e di pace.

Il lavoro della pittrice inglese Joy Moore è espressionista, astratto nella forma, ma comunque figurativo. Il suo obiettivo è quello di dipingere il potere e l'essenza della natura e del paesaggio e non la pura visione di esso.

Anche il pittore spagnolo Miguel Nunez Torres affronta il tema della natura, ma con un'altra ottica. Nel suo lavoro, infatti, studia la mentalità umana in relazione alla natura, inquadrata in un contesto sociale, culturale e morale. Il suo obiettivo principale è quello di introdurre l'osservatore in un mondo che è tanto immaginario quanto reale.

Emanuele Biagioni è un pittore sincero che ha fatto dell'arte figurativa il congeniale linguaggio della propria visione del mondo. La fresca spontaneità con cui affronta la città come tema irrinunciabile è il risultato di una ricerca che si fa sempre più attenta e consapevole col progredire della sua maturità artistica.