Pino Deodato – Certo Certissimo anzi probabile

Pietrasanta - 05/07/2014 : 27/07/2014

Mostra site specific di Pino Deodato. Le opere del maestro Deodato saranno esposte anche nella sede della Galleria a Forte dei Marmi.

Informazioni

Comunicato stampa

Sabato 05 luglio alle ore 19.00, la Galleria Susanna Orlando Studio a Pietrasanta inaugura Certo, Certissimo, anzi probabile, la mostra personale - site specific di Pino Deodato, a cura di Ivan Quaroni.
Pino Deodato, con il suo personale linguaggio semplice ed essenziale, affronta temi complessi e contenuti profondi che si esprimono sia nella leggerezza delle sculture sia nel mondo onirico delle sue tele. Il suo lavoro narra la vita, invita a riflettere sulla verità, sulla meraviglia


La mostra site specific, Certo, certissimo, anzi probabile, da una nota frase di Ennio Flaiano, presenta quaranta nuovi lavori tra terrecotte, disegni, dipinti ed un'installazione pittorica su parete che daranno vita ad un ambiente totale, dove la ricerca della verità e lo stupore verso l'universo saranno i temi dominanti. Protagonista centrale è per tanto la figura di San Tommaso, che per antonomasia incarna colui che è alla continua ricerca della conoscenza, della verità, della realtà. Deodato, inoltre in questa mostra abbandona la sua consueta tavolozza di colori morbidi ed eterei affidandosi al bianco e nero, simboli a loro volta di decisioni certe. La galleria si popolerà di uomini ideali, impegnati in viaggi reali ed immaginari tesi nella ricerca della verità, curiosi di nuove scoperte, con la mente ed il corpo impegnati a trovare risposte ai loro dubbi esistenziali, alle loro domande, alla loro stessa esistenza.
La mostra, visitabile fino al 27 luglio, avrà una doppia location; oltre al site specific nella sede della Galleria di Pietrasanta le opere del maestro Pino Deodato saranno esposte anche nella sede di Forte dei Marmi.
Cenni Biografici:
Pino Deodato (Nao di Jonadi-Vibo Valentia, 1950) dopo gli studi nella sua città natale, nel 1969 si trasferisce a Milano, studia all'Accademia di Brera e fin da subito inizia una brillante carriera espositiva.
Tra gli anni Settanta e i primi anni Ottanta, oltre a maturare il suo personale linguaggio artistico, espone in numerose in città italiane (Quadriennale d'arte nazionale di Roma, Mostra al Castello G. Murat di Pizzo Calabro, Palazzo Gagliardi di Vibo Valentia). In quegli anni realizza anche murales con tematiche sociali. Dalla metà degli anni Ottanta le sue opere sono presenti in numerose gallerie italiane e all'estero. Contemporaneamente gli vengono commissionati lavori da parte del CONI ( Foro Italico, Roma), dal Museo Paolo Pini a Milano, e dai Comuni di Torino e Sedriano. Negli anni Novanta la sua la sua espressione artistica si fa più delineata, caratterizzata da una sorta di realismo magico attraverso cui Deodato narra la storia dell'uomo.Tra gli ultimi progetti espositivi la personale “Il circo dell'arte” nella chiesa sconsacrata di San Matteo a Lucca per la Claudio Poleschi Arte Contemporanea.Pino Deodato vive e lavora a Milano