Pietro Motisi – Cemento

Gibellina - 17/05/2014 : 06/06/2014

Un progetto fotografico che mira alla realizzazione di una vera e propria mappa, un percorso personale fatto di sensazioni e percezioni sulla Sicilia.

Informazioni

Comunicato stampa

Come ogni anno Belìce/EpiCentro della Memoria Viva_CRESM contribuisce e partecipa alla Notte dei Musei che quest'anno è stata fissata per Sabato 17 Maggio. Proprio per l'occasione verrà inaugurata, alle ore 17.00, la mostra fotografica "CEMENTO" di Pietro Motisi, a cura di Giuseppe Maiorana e Giulia Scalia

CEMENTO è un progetto fotografico che mira alla realizzazione di una vera e propria mappa, un percorso personale fatto di sensazioni e percezioni sulla Sicilia.
L’intenzione di Motisi è quella di instaurare un rapporto tra osservatore e soggetto che permetta di rappresentare l’abuso, talvolta illecito, che si è perpetrato nell’isola


Insieme a tale intenzione c’è anche una forte attenzione nel concretizzare la questione della rappresentazione del paesaggio. Il Paesaggio è così inteso come unicità e risorsa d’inesauribile energia materiale e immateriale, come identità.


PIETRO MOTISI (Palermo 1982)
Si laurea in fotografia nel 2012 alla University of Wales, Newport (UK) frequentando il corso Documentary Photography. Il suo interesse per la fotografia nasce nel 2002, inizialmente focalizzato sul teatro e la fotografia di scena. Lavora a commissioni per diverse compagnie teatrali di rilievo come Theatre du Radeau, La Fura Dels Baus, Soggettile teatro, Franco Scaldati, Vincenzo Pirrotta, Mimmo Cuticchio, Massimo Verdastro e per riviste di settore come Inscena, diretta da Nuccio Messina. Nel 2006 e nel 2008 vince il premio “Occhi di Scena” per la fotografia teatrale, organizzato dalla casa editrice Titivillus e da Teatrino dei Fondi. Nel 2008/2010 collabora con il Dipartimento dei Beni Culturali dell’Università degli Studi di Palermo, fotografando per ricerche in campo antropologico. Espone in personali e collettive con UWN - Newport, Hand in Glove, The Lost Prairie, galleria X3, Der Greif. Compie una residenza d'artista offerta dal Goethe Institute di Palermo in occasione del 25° anniversario della caduta del muro, realizzando un diario fotografico del suo viaggio ed un progetto che sarà parte di una mostra collettiva in ottobre 2014 a Palazzo Ziino, Palermo. Oggi svolge il suo lavoro d’autore sviluppando progetti a lungo termine che hanno come tema prevalente il rapporto tra Identità e paesaggio. Nel maggio 2012 vince, con il suo progetto CEMENTO, il Reginald Salisbury travel award. Nel marzo del 2014 vince, con il suo ultimo lavoro sulla Sicilia ‘sudlimazione’ il concorso ‘Urban Landscapes’, indetto dalla galleria P46 ed organizzato con la collaborazione della piattaforma online Glossom.