Perspective on War

Trieste - 17/03/2016 : 17/04/2016

L’illusione della Grande Guerra attraverso l’esperienza prospettica distorta. Artisti contemporanei raccontano la prospettiva illusoria e Ingannevole.

Informazioni

  • Luogo: SPAZIO ALTROVE
  • Indirizzo: Piazzetta Tor Cucherna 8/A - Trieste - Friuli-Venezia Giulia
  • Quando: dal 17/03/2016 - al 17/04/2016
  • Vernissage: 17/03/2016 ore 18,30
  • Generi: arte contemporanea, collettiva
  • Biglietti: ingresso libero

Comunicato stampa

Vivere la guerra da un mirino o da una feritoia, guardare i campi di battaglia da una trincea, la prospettiva dell’ambiente circostante inevitabilmente alterata dalla guerra, che distorce e modifica non solo l’ambiente, ma anche la capacità dell’uomo di percepire lo spazio intorno a sé.
Il tema dell’illusione prospettica è al centro della mostra “Perspective on War”, al via il prossimo 17 marzo presso lo spazio Altrove, in piazzetta Tor Cucherna a Trieste

Cuore pulsante della mostra, è il contributo di artisti internazionali affermati: Denis Van Baren, artista franco-tedesco che affronta la tragedia di Verdun attraverso la distorsione di linee di fuga e scale cromatiche in un lavoro fotografico e pittorico; Gordon Belray, artista canadese famoso per i suoi collage digitali, che per l’occasione ha lavorato su fotografie dei campi di battaglia della Somme; Zemir Velatovac, artista Bosniaco rifugiato, che ha vissuto la guerra dei Balcani, che descrive nel suo lavoro orizzonti bellici trasfigurati, appiattiti e finti, nebbiosi e ingannevoli; Andranik Aroutiounian, erede della diaspora Armena, che interpreta la prospettiva come pericolosamente militarizzata anche nel contesto civile; Viktor Freso, che propone un cambiamento di prospettiva sul potere militare (totalizzante nell’arco del Primo Conflitto); Marco Dalbosco, la cui opera altamente partecipativa permetterà all’utilizzatore di sperimentare con i suoi occhi il cambiamento di prospettiva della Grande Guerra. A questi si aggiungeranno gli emergenti Mattia Cesaria, con la sua coinvolgente installazione video/sonora e la fotografa Elena Rucli.

La mostra Perspective on War fa parte della rassegna di arte diffusa B#Side War dell’associazione IoDeposito, che ogni anno organizza in numerose aree del Friuli Venezia Giulia, dell’Istria e del Veneto, eventi artistici e culturali sul tema della Grande Guerra, e che rappresenta un caso unico nel panorama internazionale: la città di Trieste, che già nella precedente edizione ha ospitato Citizen-Gate (opera d’arte installativa, relazionale e interattiva, che a marzo del 2015 ha connesso le città di Trieste e di Pirano creando un vero e proprio varco spazio-tempo e catalizzando 4.700 fruitori in 48 ore), torna nuovamente ad ospitare la vivace rassegna B#Side War. “Abbiamo riflettuto su come la prossimità fisica e gli aspetti percettivi di un’esposizione possano avere un ruolo nell’avvicinamento delle persone alla storia e al tema della Grande Guerra e dei suoi retaggi“ Afferma Chiara Isadora Artico, Presidente di IoDeposito “D’altra parte, vogliamo cogliere la sfida che la rassegna artistica si è data per l’edizione di quest’anno: trasmettere la memoria del primo conflitto mondiale attraverso il potere estetico che scaturisce dalla percezione spaziale, visiva e sonora”. “Ci siamo ispirati ad alcuni casi che abbiamo visto nel mondo, tra i quali la pluripremiata galleria ScaiTheBatHouse di Tokyo e numerosi micro-spazi espositivi di Williamsburg, New York: spazi in cui la ristrettezza (15-25 metri quadri) viene sfruttata ad arte dai curatori, al fine di favorire un avvicinamento alle opere d’arte che ha quasi il potere di ‘assorbire’ il visitatore, mettendo in luce certi punti di vista e certe percezioni visive e spaziali altrimenti insondabili, ed è così che abbiamo scelto per l’esposizione triestina lo spazio Altrove. La mostra ha un filo conduttore chiaro, la storia delle guerre del ‘900 e i suoi riverberi nell’attualità contemporanea sono virati attraverso l’arte, tenendo ben saldi i legami tra le cose”.
Perspective on War è finanziata dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, ed è sostenuta dal Consiglio d’Europa, del Consiglio Regionale, dalla Provincia di Trieste e dal Comune di Trieste.