Panchine d’Autore in Galleria

Torino - 21/11/2014 : 22/11/2014

Le panchine d'autore di Auchan Torino decorate dagli artisti del Museo d'Arte Urbana.

Informazioni

Comunicato stampa

Le panchine d'autore di Auchan Torino decorate dagli artisti del Museo d'Arte Urbana

Il 21 novembre inaugurazione della mostra e taglio della torta per festeggiare il venticinquesimo anniversario della Galleria Commerciale Auchan


Alcuni tra i nomi più significativi a livello nazionale e internazionale della street art e del neo pop esprimono la propria creatività per dare nuova vita alle panchine della Galleria Commerciale Auchan in occasione del venticinquesimo anniversario dalla sua apertura, grazie alla collaborazione con il MAU, Museo di Arte Contemporanea di Torino



Dopo aver toccato le piazze di Borgo Campidoglio, con la creazione di una vera e propria storia dell'arte del Novecento, il progetto “Panchine d'autore” arriva in Galleria, per allietare visitatori e clienti e costituire un momento di svago, ma anche di stimolo culturale.

Fino al 21 novembre, infatti, gli artisti Ale Puro, Angelo Barile, Margherita Bobini, Alessandro Calligaris, Corn 79, Gec, Luca Leonardi, Max Petrone, Monkeys Evolution, Mr. Fijdor, Opiemme, Sisterflash, Wense e Xel, coordinati da Vito Navolio, sono impegnati in un work in progress video-documentato per realizzare 17 panchine, tra le quali una a tema per festeggiare i 25 anni della Galleria.

Venerdì 21 e Sabato 22 novembre, in concomitanza con l'anniversario e con il taglio della torta, le opere diventeranno una mostra, inaugurata con il patrocinio della Circoscrizione 6 del Comune di Torino e della Regione Piemonte, ed inserita nel cartellone di Contemporary Art Torino Piemonte edizione 2014.

Il MAU è un Museo di Arte Contemporanea all'aperto nato nel 1995, il cui nucleo centrale, costituito da 142 opere realizzate da 90 artisti quasi tutte su edifici privati, è sito nel Borgo Vecchio del quartiere Campidoglio, riconosciuto dal Comune di Torino e dalla Regione Piemonte. Compito del MAU è quello di proporre una didattica allargata sull'arte contemporanea, aperta e condivisa dai cittadini, che mostrano di apprezzarla, al di fuori dei contenitori classici.