Palazzo Pretorio di Prato – #tiportoinmostra

Prato - 26/11/2020 : 03/12/2020

UN CICLO DI APPUNTAMENTI SETTIMANALI DEDICATI AL DOPO CARAVAGGIO

Informazioni

  • Luogo: MUSEO DI PALAZZO PRETORIO
  • Indirizzo: Piazza del Comune, 1 - Prato - Toscana
  • Quando: dal 26/11/2020 - al 03/12/2020
  • Vernissage: 26/11/2020 no, solo evento online
  • Generi: serata – evento

Comunicato stampa

Il Museo di Palazzo Pretorio di Prato non si ferma e organizza un ciclo di incontri settimanali legati alla mostra “DOPO CARAVAGGIO.IL SEICENTO NAPOLETANO NELLE COLLEZIONI DI PALAZZO PRETORIO E DELLA FONDAZIONE DE VITO.” che si potranno seguire sui canali social del Museo.

Apre gli appuntamenti #tiportoinmostra la Conferenza “Il restauro in corso del dipinto Giacobbe e il gregge di Labano” di Livia Gordini che sta conducendo il complesso restauro dell’Opera, sotto la direzione di Cecilia Frosinini, responsabile del laboratorio di restauro dei dipinti dell’Opificio delle Pietre Dure di Firenze


Nel corso della Conferenza si darà conto delle metodologie di restauro e dei risultati parziali raggiunti ad oggi.
In diretta su Facebook/youtube del Museo di Palazzo Pretorio giovedì 26 novembre ore 14:30.

“Il canto della sirena: echi napoletani nella Toscana dei Medici”, è invece il racconto di Luca Scarlini sul Barocco fiorentino e napoletano. Giovedì 3 dicembre ore 14:30 su Facebook/youtube del Museo di Palazzo Pretorio


-------------------------------------------------


Giacobbe e il gregge di Labano
Le raccolte di Palazzo Pretorio conservano un’importante testimonianza dell’interesse collezionistico per Ribera: il dipinto seicentesco con Giacobbe e il gregge di Labano, che replica, anche nelle dimensioni, la famosa tela dipinta dallo spagnolo per l’Escorial di Madrid; giunto in pessimo stato di conservazione esso è attualmente oggetto di un complesso restauro da parte dell’Opificio delle Pietre Dure di Firenze, i cui esiti renderanno possibile una corretta lettura dell’opera e della sua autografia, da individuare, presumibilmente, se non nel maestro, in un collaboratore del suo stretto ambito.