Orto in Fabbrica

Prato - 13/05/2018 : 13/05/2018

In occasione di WOM Market, STUDIO CORTE 17 presenta una nuova edizione di jardins ouvriers .

Informazioni

  • Luogo: SC17 - STUDIO CORTE 17
  • Indirizzo: Via Genova 17 - Prato - Toscana
  • Quando: dal 13/05/2018 - al 13/05/2018
  • Vernissage: 13/05/2018
  • Generi: serata – evento

Comunicato stampa

Jardins ouvriers
In occasione di WOM Market, STUDIO CORTE 17 presenta una nuova edizione di jardins ouvriers .
In continuità con il progetto di riqualificazione della Corte di Via Genova, il giardino operaio costruito da Chiara Bettazzi presenterà un ampliamento attraverso l'inserimento di nuove piante all'interno dell'orto; in questa specifica occasione, saranno messi in vendita in Corte una serie di contenitori per la natura allestiti all’interno dello spazio.
Nuovi contenitori a metà tra sculture e oggetti di design, realizzati mediante la composizione di cose di uso quotidiano, collezionate nel corso del tempo

Oggetti oggi rifunzionalizzati e ispirati agli orti che gli operai, fin dal 1800, costruivano nei terreni attigui alle industrie, attraverso l'uso di materiali di scarto delle fabbriche stesse o della propria quotidianeità .
ORTO IN FABBRICA nasce nel Giugno 2016. Si presenta oggi, come un presidio verde realizzato all’interno di casse in legno per la filatura, provenienti da alcune fabbriche del territorio. A metà tra un orto urbano e un giardino industriale è situato davanti a Studio Corte 17. Il progetto ha suggerito la trasformazione del piazzale in giardino e nell’Aprile 2017 sono stati piantati alcuni alberi nella corte ex industriale di via Genova. Quest’operazione si sposa con la ricerca di nuove soluzioni culturali e va incontro all’idea di condivisione dell’area, da parte delle diverse realtà presenti. Da questo è scaturita la collaborazione con gli esperti dell’associazione Komorebi – Ambiente Nutrizione Benessere che, attraverso il corso “Natura e città a confronto”, nella primavera del 2017 hanno tenuto un ciclo di lezioni all’aperto all’interno del giardino, volte a promuovere il superamento della concezione del giardino come entità puramente ornamentale a favore della progettazione di vere e proprie oasi per la biodiversità, orticola e selvatica: varietà antiche di ortaggi e frutti da riscoprire unite a piante selvatiche che forniscano cibo alle persone ma anche rifugio e sostentamento per la piccola fauna selvatica come insetti, uccelli e altri animali.

APPROFONDIMENTI

La ricerca di Studio Corte 17 si esprime nel tempo attraverso una costante indagine di nuove pratiche artistiche sperimentali e attenti studi del paesaggio industriale della città di Prato. Il progetto nasce all’interno dello spazio industriale ex Lanificio Bini (oggi chiamata Corte di Via Genova ). Dal 2005 al 2008 si propone come studio personale di Chiara Bettazzi, trasformandosi nel tempo in un vero e proprio progetto che ha visto la corte passare da luogo industriale abbandonato a spazio condiviso da giovani creativi. Da questa esperienza è nata l’idea di fondare dal 2008, Corte Via Genova. Oggi SC17 è una realtà culturale, attenta alle contraddizioni del paesaggio e alla ricerca costante di formati ibridi di condivisione, che si concretizzano in progetti connessi all’arte contemporanea e all’archeologia industriale. Tra gli ultimi progetti ricordiamo: Industrial Heritage map, archiviazione di vecchie fabbriche ancora presenti tra Prato e l’area della Val di Bisenzio. Nel 2015 crea la prima edizione di TAI – Tuscan Art Industry “I giorni del contemporaneo nell’archeologia industriale Toscana”. Manifestazione annuale che promuove l’uso di vecchi opifici del territorio attraverso l’arte contemporanea, lavorando a contatto con gli archivi storici. Dal 2016 crea Orto in fabbrica, all’interno della Corte di via Genova.


SC17 / Orto in fabbrica - Corte via Genova
WOM MARKET IN CORTE VIA GENOVA
Accoglierà tra i più svariati espositori di abbigliamento vintage e streetwear, complementi di arredo, oggettistica, collezioni, creazioni di designer emergenti. Si propone come cardine di più diverse associazioni che entrano a contatto tra loro, creando relazioni e interconnessioni con le persone. Per questo WOM è ricerca e innovazione, è economia circolare e sostenibilità, è creatività e apprendimento.