Operae 2014

Torino - 10/10/2014 : 12/10/2014

Per il 2014 sarà lo spazio di Torino Esposizioni a ospitare i protagonisti di Operæ, il festival dedicato al design autoprodotto e indipendente.

Informazioni

  • Luogo: TORINO ESPOSIZIONI
  • Indirizzo: Corso Massimo D'azeglio 11 - Torino - Piemonte
  • Quando: dal 10/10/2014 - al 12/10/2014
  • Vernissage: 10/10/2014 ore 15
  • Generi: design, serata – evento
  • Orari: 10 ottobre: dalle 15 alle 23 11 ottobre: dalle 10 alle 20 12 ottobre: dalle 10 alle 20
  • Biglietti: Costo del biglietto: 5 euro (ingresso gratuito riservato a ragazzi fino ai 18 anni, studenti universitari, disabili e accompagnatori, soci del Touring Club, titolari di Carta Entusiasmo e di Carta del Circolo del Lettori)
  • Sito web: http://operae.biz
  • Email: info@operae.biz
  • Patrocini: Operæ è curata e prodotta da Bold srl con il contributo della Camera di commercio di Torino, della Compagnia di San Paolo e della Regione Piemonte. Con il patrocinio del Padiglione Italia di Expo 2015, del Comune di Torino, Politecnico di Torino e Università degli studi di Torino. Sponsor: Reale Mutua e Iren Sponsor tecnici: CEIP, ORDO, Trotec, Print4life, Top-ix, Yellowbasket.it, MCL Officine poligrafiche, Sant’Anna, La Drogheria In collaborazione con Società Consortile OGR – CRT Family Media Partner: Giovani Genitori Da un’idea dell’Associazione Torino Design Week

Comunicato stampa

Dal 10 al 12 ottobre a Torino Esposizioni si svolge Operæ, il festival del design indipendente, che giunge alla quinta edizione con un successo crescente di visitatori (18.022 nel 2013) e designer partecipanti.
Operæ è curata e prodotta da Bold srl con il contributo della Camera di commercio di Torino, sponsor fin dalla prima edizione, della Compagnia di San Paolo e della Regione Piemonte



Il festival propone il design come avamposto di una tradizione manifatturiera che oggi cerca di ripensarsi e di ricostruirsi anche grazie alla presenza di nuove figure professionali come i designer indipendenti, flessibili e preparati che arrivano al festival da tutta Italia e dall’estero. Un collegamento tra modelli del passato e slanci verso il futuro che rappresenta il fil rouge di Operæ: spunto di riflessione proposto non solo agli addetti ai lavori ma anche al grande pubblico.

In questo senso, non è casuale la location scelta, che ogni anno Operæ cambia valorizzando alcuni dei luoghi più significativi della città. Dalla Borsa Merci, passando per la Cavallerizza Reale fino alle Officine Grandi Riparazioni: una sequenzialità che quest’anno approda a Torino Esposizioni; uno spazio che, come i precedenti, rappresenta un vero e proprio attore della narrazione, un luogo di progetto per il progetto. Inaugurato il 15 settembre 1948, il grande padiglione fieristico realizzato da Pier Luigi Nervi costituisce, infatti, uno dei simboli architettonici di Torino.

Tanti gli espositori che si approprieranno dello spazio: designer provenienti da tutta Italia così come da Francia, Germania, Regno Unito e Cina, protagonisti di un nuovo saper fare che integra creatività ed esigenze di mercato, si confronta con le nuove tecnologie e guarda a nuovi modelli produttivi.

A loro si affiancano gli editori indipendenti selezionati da FRUIT mostra-mercato che arricchisce la proposta di libri, fanzine e magazine basati su modalità non convenzionali di mischiari illustrazione, grafica e fotografia.

Il calendario culturale. La Compagnia di San Paolo ancora una volta sostiene gli appuntamenti di Operae rivolti a esplorare i confini del presente del saper fare interrogando il passato e guardando al futuro, ai nuovi modelli e alle nuove tecnologie. A discuterne, sono invitati imprenditori, docenti, scrittori, creativi, critici del design e designer affermati.

Si affianca per l’edizione 2014 il Padiglione Italia Expo 2015 che, avendo in palinsesto molte attività dedicate al design, patrocina l’evento e lancia a Operæ una call dedicata ai designer under 35 di tutta Italia.

I workshop. Parallelamente si sviluppano i workshop rivolti a studenti e professionisti con i quali esplorare le potenzialità di materiali come legno, resina o carta in compagnia di designer come, tra gli altri, Francesco Faccin e Pietro Corraini, così come quelle di produzioni con macchine laser e stampanti 3D guidati dagli esperti maker di Opendot, il nuovo makerspace di Milano, insieme con i tecnici di Trotec azienda specializzata in macchine laser. Altrettanto numerosi sono laboratori creativi per bambini dai 3 agli 11 anni, cui Operae dedica annualmente un’area riservata e tante attività.

Piemonte Handmade. Operae 2014 accoglie inoltre la mostra Piemonte Handmade, un progetto dell’Assessorato alle Attività produttive della Regione Piemonte, iniziativa cofinanziata dal Fondo di Sviluppo e Coesione. Una narrazione che si sviluppa come uno sguardo ravvicinato su 20 imprese artigiane piemontesi. I visi degli artigiani, i loro laboratori, gli oggetti che usano quotidianamente sono raccontati nella mostra fotografica esposta all’interno del Festival.

Business Meeting. Crescente è l’attenzione che Operæ dedica alla creazione di una piattaforma di contatti e relazioni tra i designer e gli altri attori della filiera che, in questa edizione, si ritrovano tutti invitati a conoscersi e interagire: designer da un lato, distributori, aziende e anche artigiani dall’altro.

La Camera di commercio di Torino, sponsor di Operæ fin dalla prima edizione, in collaborazione con Unioncamere Piemonte e nell’ambito della rete europea EEN (Enterprise Europe Network), organizza per venerdì il workshop dal titolo: "Made in and Design: a strong and winning connection”, un’occasione per presentare esperienze europee di valorizzazione di produzioni tipiche locali attraverso il design. Sabato 11 sarà invece la volta della quarta edizione di TO Design 2014, un’iniziativa di btob rivolta alle aziende interessate a lavorare con designer emergenti per generare nuove occasioni di business. Ai btob sono attesi 100 partecipanti da 11 paesi, che daranno vita ad un calendario complessivo di quasi 400 incontri. Numerosi i casi di successo realizzati nelle precedenti edizioni di TO Design: il più recente ha visto i designer dello Studio Lana e Savettiere progettare il nuovo rubinetto “tweet” della ditta piemontese Ritmonio, presentato al Salone del Mobile di Milano lo scorso aprile e da luglio già regolarmente in vendita. Un progetto che in un’ottica di sistema territoriale ha visto anche la collaborazione del Politecnico di Torino, partner insieme alla Camera nel progetto europeo EDEN (Eco Design Network). Anche in questa edizione di Operæ, infine, la Camera di commercio riserverà uno spazio al progetto MARCA con la presentazione di due prodotti frutto del connubio fra designer e aziende manifatturiere torinesi.

Grazie al Progetto Integrato di Filiera (PIF) Creative Industries - Design+Luxury, gestito da Ceipiemonte su incarico di Regione Piemonte, Unioncamere Piemonte, Camere di commercio del Piemonte e della Valle d’Aosta, anche quest’anno gli espositori di Operæ saranno coinvolti in una sessione di incontri con operatori professionali della distribuzione internazionale.

Parallelamente, la Camera di commercio di Torino in collaborazione con Unioncamere Piemonte, attraverso l’Enterprise Europe Network invita una selezione di aziende italiane e internazionali a incontrare e conoscere i progettisti del territorio e quelli che espongono a Operæ per generare nuove sinergie e collaborazioni.

Nell’ambito del porgetto Piemonte Handmade (di cui sopra), i designer espositori sono invitati anche a incontrare e dialogare con gli artigiani e i maestri della arti piemontesi coinvolti nel progetto fotografico allo scopo di generare virtuosi dialoghi e collaborazioni.

La Compagnia di San Paolo infine è presente inoltre a Operæ con un proprio progetto specifico, il Circolo del design che si sviluppa sotto forma di una serie di appuntamenti sul tema “condividere, progettare, produrre”.