One Torino #1 – Ways of working

Torino - 09/11/2013 : 12/01/2014

La mostra, a cura di Julieta González, indaga questioni legate alla soggettività e all’identità nel contesto della produzione industriale e del posto di lavoro.

Informazioni

Comunicato stampa

La mostra curata da Julieta González alla Fondazione Merz indaga questioni legate alla soggettività e all’identità nel contesto della produzione industriale e del posto di lavoro.

Ways of Working: the Incidental Object è il primo capitolo di un progetto in via di svolgimento che esamina il modo in cui gli artisti si sono rivolti al tema del lavoro, della manodopera, dell’alienazione e della produzione, dal ventesimo secolo sino ai giorni nostri, generando nel processo nuove pratiche – modi e metodi di lavoro, appunto – e approcci diversi all’oggetto

Partendo dai diversi approcci al lavoro e all'economia di una selezione di artisti storici ed emergenti, Ways of Working pone domande relative al fallimento delle utopie socio-economiche del recente, e non solo recente, passato.

In questo primo capitolo, come indica il titolo, è l’oggetto ad assumere il ruolo di protagonista.

La mostra è costruita come una mappa che traccia le affinità tra i lavori di artisti di diverse generazioni e si articola intorno a tre diverse linee di pensiero: due derivano direttamente dal doppio investimento produttivista sull’oggetto utilitario e sulla forma non obiettiva; la terza area di indagine riguarda la nozione introdotta da John Latham di “persona incidentale”, trasferita nel regno degli oggetti, di cui viene esplorato lo status di agente e quello performativo.

La mostra presenta un gruppo opere seminali degli anni ’60 e ’70 di artisti leggendari quali Stuart Brisley, che nel cortile della Fondazione ripropone la monumentale installazione Poly Wheel del 1970, composta da 212 sedie Robin Day; Enzo Mari con la sedia democratica costruita con le istruzioni di Autoprogettazione; Mario Merz, Charlotte Posenenske con una serie di Reliefs, e Mladen Stilinović con l’installazione Exploitation of the Dead.

In dialogo serrato con queste opere storiche sono presenti interventi di artisti più giovani quali Felipe Mujica, che propone un nuovo progetto, appositamente prodotto per la mostra, composto da stendardi modulari che ri-configurano lo spazio del cortile; Mai-Thu Perret, Tobias Putrih, entrambi presenti con video e video-installazioni; Falke Pisano, con la complessa installazione Figures of Speech (Formation of Crystal) del 2009, Gabriel Sierra, presente con due dia-proiezioni e con una scultura che si rifà direttamente a Enzo Mari, Superflex, con l’installazione partecipativa Copy Light Factory (2005), e Andrea Zittel, di cui è esposta una serie delle sue famose A-Z Personal Panel Uniforms (1995-98), uniformi da lavoro realizzate con un unico pezzo di tessuto e confezionate in modo radicalmente semplice ed economico.