Numerage: la verità nascosta

Milano - 27/11/2015 : 13/12/2015

La mostra si pone come prosecuzione ideale del lavoro di ricerca iniziato con “Numerage: la verità nascosta”, di cui presenta in questa sede i lavori più rappresentativi. A questi si affiancherà una nuova serie, dove il numero s’innesta nelle forme interrotte di un mandala.

Informazioni

Comunicato stampa

La mostra di Adriano Attus, “NUMERAGE: #WEARENOTNUMBERS”, dal 27 novembre al 13 dicembre, si pone come prosecuzione ideale del lavoro di ricerca iniziato con “Numerage: la verità nascosta”, di cui presenta in questa sede i lavori più rappresentativi. A questi si affiancherà una nuova serie, dove il numero s’innesta nelle forme interrotte di un mandala.
Interventi interattivi e nuove impreviste variazioni sul tema faranno da scenografia alla tensione alta della ragione contro il falso, dove la forma diventa continua invenzione e trasformazione attraverso i numeri.
Attus ci invita, in conclusione, a impugnare un fantastico timone tramite i numeri


In questa cornice si compone l'alfabeto concettuale che fa da premessa all'intervento site specific pensato dall'artista per coinvolgere il pubblico in un'opera di decostruzione ricostruente, attraverso un segno, quindi un codice, infine un significato: WEARENOTNUMBERS.

L’intervento site-specific si concretizza in una composizione costituita da 144 pannelli in cartoncino stampato e forato i cui elementi - organizzati in dodici strisce da dodici pannelli ognuno - saranno tenuti insieme da anelli metallici apribili.
Davanti alla composizione a colori sarà posizionata una seconda composizione di 144 pannelli bianchi omologa alla tavola sottostante i cui pannelli sono realizzati in copie singole dall'artista mediante stampa a inchiostro con timbro.
Durante la serata il pannello fronteggiante sarà smaterializzato dai visitatori come un moderno mandala disvelando la composizione a colori sottostante.

Il visual, secondo la specificità delle mostre del Mudec Art Wall che prevede la realizzazione di un pezzo ad hoc per il Design Store, è stato utilizzato per realizzare un foulard in seta disponibile in tiratura limitata. (100 pezzi in quattro fantasie - 50 foulard quadrati dimensioni 90 cm di lato + 50 foulard-pochette di 45 cm di lato)

La mostra è realizzata in collaborazione con Galleria l'Affiche.


_____________
Mudec Art Wall è uno spazio, all’interno del Bistrot del Museo, dedicato all’arte contemporanea, con brevi istantanee del lavoro di artisti viventi. Un osservatorio sulle proposte cutting edge sviluppato in collaborazione con gallerie d’arte italiane e internazionali: un’estensione del Mudec Design Store, già riferimento per il design di ricerca, intersezione fra più linguaggi espressivi.