Chris Hood – Sparks

Firenze - 08/05/2021 : 12/06/2021

Il programma espositivo dello spazio indipendente NOVO di Eduardo Secci presenta la prima personale di Chris Hood in galleria. La mostra “Sparks” riunisce la nuova serie di opere dell’artista americano.

Informazioni

  • Luogo: EDUARDO SECCI FIRENZE NOVO
  • Indirizzo: Piazza Goldoni 2 - Firenze - Toscana
  • Quando: dal 08/05/2021 - al 12/06/2021
  • Vernissage: 08/05/2021 ore 16
  • Autori: Chris Hood
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: lunedì - sabato, 10.00 - 13.30 / 14.30 - 19.00
  • Uffici stampa: THE KNACK STUDIO

Comunicato stampa

A Firenze, dall’8 maggio al 12 giugno 2021, il programma espositivo dello spazio indipendente NOVO di Eduardo Secci presenta la prima personale di Chris Hood in galleria. La mostra “Sparks” riunisce la nuova serie di opere dell’artista americano.

"La mente non è un vaso da riempire ma un fuoco da accendere." (Plutarco, I secolo d.C.)

Questa semplice ma essenziale idea che il nostro cervello abbia bisogno di uno stimolo per innescare una riflessione, piuttosto che l'atto passivo di interiorizzare un pensiero preconcetto, sembra il principio guida di Sparks

Infatti, l'accensione è protagonista della serie di Chris Hood, sia a livello figurativo che concettuale. Da un lato, il tema della scintilla emerge vividamente dalle superfici apparentemente piatte di Hood, trasformando la tela in una finestra. Tuttavia, quando si osserva più attentamente lo schema della serie, i diversi elementi ritratti sorgono all'interno della loro miscela enigmatica rivelando il processo unico di Hood di dipingere dal rovescio utilizzando più strati di vernice.
Le fiamme, il fuoco e il tentativo prometeico di catturarli sono giustapposti alla controcultura americana e ai mass media, attirando così l'attenzione sui desideri umani innati. La tensione percettiva e l'ambiguità voluta sono proprio ciò che accende la mente di chi si pone di fronte all'opera. Tra i lavori esposti, il tema della scintilla è declinato ogni volta in modo unico e diverso. In alcuni casi è la luminosità dei colori a suggerire l'eccitazione, in altri le palette più profonde rendono la tela più galleggiante pur rivelando un potenziale di distrazione. In altre opere, è l'elemento naturale che viene sussunto dalla superficie del quadro. A rimanere costante è il gioco tra astrazione e figurazione, una caratteristica che sfida la percezione mentre mette in discussione la nostra comprensione delle immagini e il ruolo stesso della pittura nel mondo contemporaneo.
"Ho una preferenza per i cliché e i truismi. Possono essere fluidi nella loro capacità di descrivere qualcosa di profondamente reale ed essere contemporaneamente senza significato nella loro ovvietà. Nel mio lavoro sfrutto la tensione tra cliché disparati e archetipi complicati da una tensione tra spazio digitale e fisico. [...] Attraverso veli di colore, segnali e immagini esploro temi eterni legati all'alba di un nuovo millennio.", dichiara Hood.





Chris Hood, nato nel 1984 ad Atlanta, vive e lavora a Los Angeles.
Anche se figurativi, i dipinti, sculture e disegni dell’artista americano riflettono una comprensione della natura astratta in cui l'immaginario personale e sociale si scontrano con il XXI secolo. Combinando tecniche tradizionali con i linguaggi dei territori digitali, il suo lavoro presenta spesso immagini tratte dalla controcultura americana, dalla storia dell'arte e dai mass media, rese astratte dalla traduzione. Tracciando paralleli con i suoi interessi nella psicofisica, i dipinti sono gettati in uno spazio liminale con una tecnica unica di reverse-stain che riposa le sue composizioni in una tensione ambigua e percettiva. Paragonandoli a pubblicità sbiadite o a magliette rovesciate, Hood investe la fisicità evocativa dei suoi dipinti con temi di identità, memoria e perdita. Le opere che ne risultano alludono a sfide con l'idea di prospettiva statica mentre puntano a questioni più ampie riguardanti il ruolo delle immagini e della pittura contemporanea.
Tra le sue mostre recenti ricordiamo: Known Unknowns, Saatchi Gallery, Londra (2018); Novel Gazers, Lyles & King, New York (2017); Fort Greene, a cura di Adrianne Rubenstein, Venus Over Los Angeles, Los Angeles (2016); Chris Hood & Zach Reini, a cura di Domenico de Chirico, Brand New Gallery, Milano (2016).



NOVO è lo spazio indipendente di Eduardo Secci dedicato alla sperimentazione artistica e ai media contemporanei. Nato nel 2021 dall’urgenza di un dialogo tra l’arte e i linguaggi della nuova contemporaneità, NOVO è un incubatore di idee che incoraggia il lavoro di giovani artisti e la loro futura crescita. (www.novo.ooo)

Eduardo Secci è stata fondata nel 2013 a Firenze e da giugno 2021 ha sede anche a Milano. Entrambi gli spazi presentano un doppio programma, che alle mostre della galleria affianca le proposte espositive di NOVO, il progetto indipendente votato alla ricerca e alla sperimentazione di giovani artisti.