Nicola Samorì – Le Ossa della Madre

Tivoli - 19/02/2022 : 19/04/2022

LE OPERE DI NICOLA SAMORÌ NELLA STRAORDINARIA VILLA D'ESTE A TIVOLI.

Informazioni

  • Luogo: VILLA D'ESTE
  • Indirizzo: Piazza Trento 1 - Tivoli - Lazio
  • Quando: dal 19/02/2022 - al 19/04/2022
  • Vernissage: 19/02/2022
  • Autori: Nicola Samorì
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: dal martedì alla domenica dalle ore 8.30 alle 19.45, lunedì apertura alle ore 14.00

Comunicato stampa

Le VILLÆ presentano Le Ossa della Madre di Nicola Samorì. La mostra, organizzata con la Galleria Monitor, nasce da Level 0, format di ArtVerona che promuove la collaborazione tra musei, artisti contemporanei e gallerie. In tale contesto Andrea Bruciati, direttore delle VILLÆ, ha invitato l'artista Nicola Samorì (Forlì 1977) a confrontarsi con le suggestioni della dimora del cardinal Ippolito II d’Este.
Alle decorazioni delle sale della Villa si unisce idealmente un lapidario in cui la narrazione pittorica è generata dalle "deformità" della pietra

Onici, marmi e brecce, dipinti o al grezzo, custodiscono un campionario di geodi, fessure e passaggi di tono, veri e propri segni guida per l’artista: la lastra scelta “sceglie” a sua volta l’immagine adatta a interagire con la sua malformazione. Come narra Ovidio (Metamorfosi I) a proposito di Deucalione e Pirra, progenitori dell’umanità, le pietre subiscono una metamorfosi divenendo corpi, le ossa della madre. Nella Sala di Noè è collocato Solstizio d’Inferno, dipinto su onice dove la visione apocalittica del cielo - preludio al nubifragio su una legione di corpi in tumulto - non è costruita con la pittura, ma preesiste nelle screziature del marmo.

Samorì compie un’operazione di camouflage dove gesto dell’artista e materia si confondono. Nel Salone della Fontana, accanto a una sequenza di ventiquattro pietre che fa da contraltare al Convito degli Dei dipinto sulla volta, compaiono quattro busti marmorei: si tratta di volti apparentemente conformi alla tradizione scultorea, che a un secondo sguardo rivelano ferite e mutilazioni, rappresentando un omaggio e al contempo una provocazione nei confronti del busto antico.

Una scenografia fossile. La mostra di Nicola Samorì a Villa d’Este

Nicola Samorì porta a Villa d’Este, a Tivoli, una riflessione visiva che getta le radici nel mito, ricorrendo alla plasticità della materia