Nick Cave – Santità e Sacrilegio

Torino - 01/02/2013 : 01/02/2013

“Oltre ogni paragone, oltre ogni genere”. Uno dei personaggi più importanti del rock, forse l’unico musicista che è riuscito nell’impossibile compito di incarnare due epoche in contrapposizione: gli anni ’70, in cui si stabiliscono le regole per creare icone da culto di massa e l’epoca successiva, quella che segue all’esplosione iconoclasta del punk.

Informazioni

  • Luogo: TEATRO ASTRA
  • Indirizzo: Via Rosolino Pilo 6 - Torino - Piemonte
  • Quando: dal 01/02/2013 - al 01/02/2013
  • Vernissage: 01/02/2013 ore 21
  • Autori: Nick Cave
  • Curatori: Massimo Giovara
  • Generi: performance – happening, serata – evento
  • Biglietti: Biglietti 9-13 -18€
  • Sito web: http://www.musica90.net

Comunicato stampa

Torna anche in questa Stagione di Musica 90 il progetto di Massimo Giovara dedicato all’esplorazione della letteratura mondiale attraverso le icone del rock in due reading-concerto intensi e appassionati. Gli scrittori e le fonti da cui alcuni tra i massimi personaggi dello starsystem musicale hanno tratto ispirazione, affiancati dalle canzoni che ne sono scaturite e i materiali tratti dall’attività letteraria parallela degli stessi musicisti.



Con Massimo Giovara e Domenico Brioschi

Musicisti: Paolo Serazzi

Luci: Francesco Dell’Elba; Fonico: Tino Paratore

Da: Nick Cave, John Milton, La Bibbia, Cormac McCarthy





“Oltre ogni paragone, oltre ogni genere”. Uno dei personaggi più importanti del rock, forse l’unico musicista che è riuscito nell’impossibile compito di incarnare due epoche in contrapposizione: gli anni ’70, in cui si stabiliscono le regole per creare icone da culto di massa e l’epoca successiva, quella che segue all’esplosione iconoclasta del punk. Questa dote gli deriva da una parabola di vita anomala e tipica dell’outsider. Australiano, si trasferisce presto in Europa, nella città che più di ogni altre ha rappresentato una zona franca di sperimentazione, Berlino, dove stabilisce numerose collaborazioni e fonda i Bad Seeds. Autore che non si prende troppo sul serio, “fonda” una poetica di forte innovazione e profondità, in bilico tra ossessione religiosa, donne, disperazione umana e commovente.







La sua autenticità di scrittore si presenta in tutta la sua forza anche nei suoi romanzi: E L’asina vide l’angelo, devastante affresco della fanatica provincia americana e La morte di Bunny Munro, allucinata odissea di un meschino rappresentante alcolizzato ossessionato dalla “vagina di Avril Lavigne”. La puntata di Icone, dedicata a Nick Cave, è una fuga su una macchina noleggiata verso la periferia più nera della nostra consapevolezza, mentre l’autoradio rotta trasmette, a suo piacimento, una vecchia ballata americana. Il deus ex machina musicale della serata è Paolo Serazzi, mentre alla guida si alternano la pirotecnica voce di Domenico Brioschi e quellla di Massimo Giovara.