Nel segno di Hartung

Napoli - 12/12/2014 : 31/01/2015

In mostra circa 15 opere di Hartung, tra il 1957 e il 1989, che ripercorreranno il percorso creativo dell’artista. Gli acrilici esposti percorrono le esperienze dell’artista dagli eleganti segni degli anni 60 alle esplosioni di materia della fine degli anni ’80, quando nella casa-studio di Antibes, ora diventata splendida sede della Fondazione, il Maestro aveva ritrovato una nuova verve espositiva.

Informazioni

Comunicato stampa

Dal 12 dicembre 2014 al 31 gennaio 2015 si terrà alla Galleria Andrea Ingenito Contemporary Art di Napoli la mostra Nel segno di Hartung a cura di Andrea Ingenito.
In mostra circa 15 opere di Hartung, tra il 1957 e il 1989, che ripercorreranno il percorso creativo dell’artista. Gli acrilici esposti percorrono le esperienze dell’artista dagli eleganti segni degli anni 60 alle esplosioni di materia della fine degli anni ’80, quando nella casa-studio di Antibes, ora diventata splendida sede della Fondazione, il Maestro aveva ritrovato una nuova verve espositiva. Molte delle tele sono state esposte in importanti mostre pubbliche

In esposizione anche una serie di rare opere in litografia della fine degli anni ’50 e una serie di acquaforti e acquatinta del 1970.
L’artista
Protagonista indiscusso dell’Arte astratta e informale europea, Hans Hartung (1904-1989), tedesco di nascita naturalizzato francese, ha incontrato tutte le avanguardie del XX Secolo, pur mantenendo una posizione di costante indipendenza da quelle che, di volta in volta, si sono manifestate, più o meno prepotentemente sulla scena, codificate sotto denominazioni ormai solidamente storicizzate come Neoplasticismo, Cubismo, Astrattismo lirico. Mix equilibratissimo di “genio e regolatezza”, l’espressione artistica di Hans Hartung ha ricevuto da vari decenni a questa parte i più ampli consensi internazionali ma, con ogni probabilità, deve ancora ricevere esaustiva disamina critica e ulteriori riconoscimenti da parte del mercato dell’Arte.