Nei luoghi della bellezza

Noto - 28/04/2014 : 04/05/2014

Nel progetto “Nei Luoghi della Bellezza” poeti, artisti, musicisti, intellettuali, saranno presenti per sviluppare un articolato confronto fra i diversi linguaggi espressivi, con attività e proposte per creare nuovi dialoghi, interazioni e contaminazioni, all’insegna di una ricerca sperimentale e innovativa.

Informazioni

Comunicato stampa

“Andate a Noto, datemi retta...questo è un luogo che se uno ci capita, resta intrappolato e felice, chi lo muove più.”
Gesualdo Bufalino

www.comune.noto.sr.it - infotel 329 0614759


Ricami in pietra, balconi decorati da putti e mascheroni, grate panciute in ferro battuto su maestose facciate di chiese, conventi, palazzi che si colorano d'oro alla luce del tramonto, costituiscono l'ineguagliabile scenario di Bellezza del barocco di Noto.
Nel “Giardino di pietra dorata” forme e segni emanano stupore e suggeriscono racconti e intrecci che invitano alla realizzazione di poetiche visioni

Ciò che il tempo e la storia hanno donato al territorio sottolineano, ancora una volta, di quanta Bellezza e Poesia è stato ed è capace l'essere umano.
L'arte, nella sua espressione più alta, pensata in funzione etica ed estetica, diventa veicolo di ispirazione ed aspirazione alla Bellezza. E' in funzione dell'uomo e all'insegna della Bellezza, che la stratificata identità del luogo si proietta verso orizzonti futuri con apertura, ricerca e consapevole e doverosa tutela.
Noto, Patrimonio Mondiale dell'Umanità, incantevole luogo di Bellezza e Poesia, è Luce dell'Armonia.


Nei Luoghi della Bellezza

1. Note progettuali

A Noto, punto di riferimento con l'unicità del suo straordinario barocco, si rinnova l'appuntamento culturale primaverile che ruota sul tema della Bellezza, protagonista assoluto, pensato in funzione etica ed estetica, giunto alla maturità della sua struttura progettuale e dei contenuti.
Il progetto “Nei Luoghi della Bellezza”, rende la città Luogo di produzione culturale, di incontro e confronto, con un coinvolgimento sempre più attivo dei cittadini che partecipano come fruitori o parte integrante di interventi e laboratori per questa idea fortemente associativa nel promuovere e favorire la cultura e l'arte, che si vuole sempre più radicata nel tessuto del territorio.
In questo contesto, poeti, artisti, musicisti, intellettuali, saranno presenti per sviluppare un articolato confronto fra i diversi linguaggi espressivi, con attività e proposte per creare nuovi dialoghi, interazioni e contaminazioni, all’insegna di una ricerca sperimentale e innovativa.
Grande attenzione sarà rivolta ai giovani ed agli studenti, con attività dedicate che coinvolgeranno ogni scuola, senza perdere di vista lo scambio reciproco fra le specifiche competenze degli autori e gli interessi e le passioni delle diverse fasce d'età di un pubblico eterogeneo.
Il percorso culturale, si snoderà in una serie di eventi in Luoghi significativi o inusuali, con la volontà di metterne in luce altri, per continuare a valorizzare la grande Bellezza della città, permettendone una singolare fruizione, attraverso la profondità della cultura e sviluppare contemporaneamente consapevolezza sul valore, la necessità e il dovere di tutela del territorio.
La presenza di importanti autori potrà contribuire a orientare maggiormente l'interesse dei media su Noto, per consolidare la centralità già assunta dalla città come prestigiosa ambasciatrice di cultura e Bellezza nel mondo.
Il progetto partendo da Noto, punto di riferimento, potrà rafforzarsi nella relazione con altre Città e con le "Città Tardo Barocche del Val di Noto”, del sito UNESCO, nella condivisione dell'iniziativa culturale per la valorizzazione dei Luoghi della Bellezza, sia con il coinvolgimento che con l'estensione di eventi alle altre città della “World Heritage List” UNESCO, Patrimonio Mondiale dell'Umanità, espressioni della medesima armonia culturale.
A Noto, dunque, per comunicare l'importanza e la forza dell'autentica e profonda Bellezza, affinché i nostri sguardi continuino a restituire Bellezza al mondo e le nostre azioni proiettate nel futuro, siano finalizzate a proteggere e “Costruire Bellezza e Armonia”.



2. Struttura dell'evento

2.1 Nei Luoghi del Giardino di Pietra

Per dire Bellezza - Noto 2014
Progetto di Luisa Mazza in collaborazione con Tiziano Broggiato
L'evento prevede il coinvolgimento dei bambini e degli adolescenti delle scuole primarie e medie, per consolidare la consapevolezza del concetto di Bellezza, grande valore da preservare e coltivare per il futuro.
L'evento è alla sua seconda edizione e, in particolare, saranno invitate le scuole delle Città Tardo Barocche del Val di Noto, del sito UNESCO.
I piccoli allievi suggeriranno ai grandi poeti Maria Attanasio, Tiziano Broggiato, Nicola Bultrini, Sebastiano Burgaretta, Milo De Angelis, Antonio Di Mauro, Davide Rondoni, Angelo Scandurra, Alberto Toni, parole e tematiche sulla Bellezza, da selezionare e sviluppare, per realizzare componimenti poetici da leggere il giorno conclusivo di questo percorso, in un incontro a Noto. I bambini partecipanti, a fine incontro, potranno liberare tutti i pensieri e le parole da loro proposti affidandoli a palloncini bianchi, con un suggestivo e significativo lancio collettivo.
Le poesie potrebbero essere raccolte, in seguito, in un libro i cui eventuali proventi saranno utilizzati per donare e costruire ulteriore Bellezza.
Insieme alla richiesta di un rinnovato coinvolgimento dell'Unicef, sarà invitato il Presidente dell'Unicef Italia.


La Bellezza della parola nei Luoghi di Poesia
Poeti di grande talento interverranno con le loro letture, espressioni di svariate sensibilità e tematiche, in vari momenti della manifestazione per evidenziare la grande attenzione che il progetto riserva al linguaggio poetico.

Saranno presenti i poeti:

Maria Attanasio
Tiziano Broggiato
Nicola Bultrini
Sebastiano Burgaretta
Grazia Calanna
Milo De Angelis
Antonio Di Mauro
Davide Rondoni
Angelo Scandurra

Si evidenzia la collaborazione del poeta Tiziano Broggiato all'intero progetto ed in particolare agli eventi poetico-letterari.


Il barocco si mostra tra storia e contemporaneità
a cura di Francesca Gringeri Pantano
Visite guidate per scoprire tra i fascinosi Luoghi cittadini, alcuni solitamente non disponibili alla visione del pubblico.

La seconda tappa, partendo da piazza Municipio, ci condurrà a Palazzo Impellizzeri, uno dei più significativi palazzi nobiliari di Noto, per introdurci nel cuore dell'Archivio di Stato che ha sede nel medesimo palazzo.




2.2 Mostre Installazioni

Bellezza, verità e stupore

Il corpo solitario

collettiva fotografica
a cura di Giorgio Bonomi
La collettiva fotografica scaturisce dall'omonima pubblicazione del noto critico d'arte sull'autoscatto. La mostra già realizzata in importanti sedi espositive di altre città, si rinnova di volta in volta con le opere di artisti sempre diversi, alcuni dei quali saranno inseriti nel secondo volume dell'opera ancora in fase di studio ed elaborazione. Il curatore, Giorgio Bonomi, presenterà la mostra contemporaneamente al singolare lavoro di ricerca sull'argomento già avviato da alcuni anni.


Luisa Mazza - Isola
Installazione - testo e presentazione di Massimo Scaringella
L'installazione sperimentale è di grandi dimensioni; giocherà sul concetto di spazio-luce misurandosi con i luoghi carichi di storia e poesia per creare nuovi dialoghi tra i segni ed i contenuti della Bellezza.



Viviana Nicodemo - Verità e stupore nei Luoghi della Bellezza
La fotografa nei giorni della manifestazione, contribuirà con i suoi scatti a impreziosire la documentazione visiva dell'iniziativa e contemporaneamente a rendere omaggio alla città cogliendone gli aspetti più suggestivi per continuare a prendere atto, valorizzare e stupirsi della Bellezza che ci circonda. Le immagini potranno essere utilizzate per un video e/o contemporaneamente per una mostra dedicata.




2.3 Incontri



La Bellezza è in noi

Bellezza tra musica e poesia. Incontro/intervista a cura del critico letterario Roberto Galaverni con il pianista jazz Danilo Rea ed il poeta Milo De Angelis in relazione ai “Percorsi di Bellezza” che hanno alimentato il talento e la dimensione privata.





La forza della Bellezza
L'amministrazione comunale incontrerà i rappresentanti delle altre città del sito UNESCO “Le Città Tardo Barocche del Val di Noto” e dell'UNESCO, espressioni della medesima armonia culturale, per un confronto sull'opportunità di iniziative per la valorizzazione dei Luoghi del Barocco, Patrimonio Mondiale dell'Umanità, e sulla possibilità di realizzare insieme eventi nell'ambito del progetto “Nei Luoghi della Bellezza”, appositamente pensati, con la condivisione dell'Unesco. L'incontro si arricchirà di interventi poetici sulla Bellezza.


Dov'è la Bellezza
a cura di Antonio Presti
Riflessioni su ciò che il tempo e la storia donano al territorio e di quanta Bellezza e Poesia è capace l'essere umano. L'intervento sull'argomento sarà di Antonio Presti, impegnato da anni in Italia e nel mondo a creare una coscienza legata alla cultura ma soprattutto ad uno spirito etico, che si forma attraverso inconsueti percorsi di Bellezza.


Parola alla scrittura

Gli autori invitati alla manifestazione parleranno delle loro ultime pubblicazioni. Nicola Bultrini con “La specie dominante”, poesia, ed. Aragno e Davide Rondoni con “Gesù. Un racconto sempre nuovo”, narrativa, ed. Piemme, verranno presentati da Roberto Galaverni.

Carlo Truppi, con "Ruga", narrativa, ed. SE, sarà presentato da Lucia Trombadore.



2.4 Costruire Bellezza con Attività Creative

Istanti di Bellezza per Documentare un evento

seconda edizione
Coordinamento Paolo Vendetti e Salvatore Belfiore

Il laboratorio/concorso fotografico è alla seconda edizione. I ragazzi delle scuole superiori saranno invitati a fotografare in digitale, i vari momenti della manifestazione, compresi quelli di preparazione. I loro scatti, nei giorni dell'evento, verranno proiettati come significativo resoconto delle iniziative in atto. Alla fine della manifestazione, una commissione selezionerà le immagini più significative per premiare le migliori. Il laboratorio-concorso sarà arricchito dagli interventi dei fotografi Gaetano Bufalino, Eddy Lucchesi, Michele Castobello e dal contributo straordinario di Viviana Nicodemo.


Per Fare teatro
Momenti di Straordinaria Bellezza
a cura di Sabina Pangallo, coordinamento Erminia Gallo
Aperto agli attori di tutte le compagnie teatrali di Noto, il laboratorio potrà concludersi con vari reading nei diversi momenti della manifestazione e/o con una rappresentazione finale. Le numerose compagnie teatrali presenti a Noto, rendono il laboratorio un significativo momento di aggregazione e di condivisione di un progetto di importante valenza culturale sviluppando un unico argomento, ma articolato e filtrato dalla sensibilità e dalla creatività degli attori coinvolti. Si potrebbe proseguire nella direzione delineata dalla lettura di “Remedios la Bella”, nella precedente edizione del laboratorio, con la guida esperta ed originale di Sabina Pangallo, per aggiungerne altre, ruotanti sul tema della Straordinaria Bellezza.


Illuminare Barocco

a cura di Ornella Fazzina e Michele Romano

Gli allievi delle Accademie e dei Licei artistici, svilupperanno ed amplieranno l'installazione già proposta lo scorso anno al Museo Regionale del Barocco di Noto. Per una notte, magiche scatole/lanterne illuminate dai decori di segni e disegni rubati all'architettura barocca aggiungeranno suggestione ed importanza ad un Luogo della città. Per rendere l'impatto visivo più potente, proseguendo nella direzione del coinvolgimento e della comunicazione, saranno invitati studenti di Licei e Accademie di altre città.


Suoni del Barocco
a cura di Rina Rossitto
Con una grande partecipazione di coristi e musicisti, l'evento ci accompagnerà per strade, cortili, palazzi, creando un suggestivo percorso di sonorità e visioni barocche.


Completa il racconto
a cura di Tiziano Broggiato
Per le scuole superiori e per l’intera cittadinanza verrà proposto un racconto scritto dal poeta Tiziano Broggiato, per tre quarti del suo svolgimento. Si chiederà di completarlo secondo la propria intuizione o fantasia. Verranno selezionati alcuni elaborati e premiato il migliore.



Nel segno del Barocco

Agli allievi delle scuole primarie e medie verrà proposto di realizzare un disegno, partendo dai segni barocchi della curva e della spirale. Gli elaborati selezionati da una commissione esposti su un unico pannello e tutti gli altri, potranno essere visionati in una sede loro dedicata.


4.Autori

Gli Artisti
Luisa Mazza
15 Artisti collettiva “Il corpo solitario”

I Poeti
Maria Attanasio
Tiziano Broggiato
Nicola Bultrini
Sebastiano Burgaretta
Milo De Angelis
Antonio Di Mauro
Davide Rondoni
Angelo Scandurra

I Critici d'Arte
Giorgio Bonomi

Ornella Fazzina

Michele Romano
Massimo Scaringella



La regista
Sabina Pangallo

La Fotografa
Viviana Nicodemo

Il Critico Letterario
Roberto Galaverni



Il Pianista jazz
Danilo Rea

La Storica dell'Arte
Francesca Gringeri Pantano

Il promotore d'arte e cultura
Antonio Presti

I musicisti
New Baroque Ensemble

5. Contributi artistici e organizzativi
Salvatore Belfiore
Gaetano Bufalino
Michele Castobello
Mario e Ninella Figura
Erminia Gallo
Eddy Lucchesi
Nelluccia Mancarella
Rina Rossitto
Corrado Spataro
Paolo Vendetti
Il “Coro P. Altieri” di L. Galizia
Il “Coro Sciami” di Susan Duncan
Le compagnie teatrali di Noto
Le scuole di Noto
Le scuole delle Città Tardo Barocche del Val di Noto del sito UNESCO
I dirigenti scolastici
E altri in fase di definizione



6. NOTE BIOGRAFICHE


GLI ARTISTI

Luisa Mazza è nata a Noto, vive e lavora a Roma. Ha esposto presso gallerie e sedi museali: a Genova nel 2005 e 2007 presso Ellequadro a Palazzo Ducale, a Firenze nel 2009 per la Fondazione Atchugarry nei Musei di S. Maria Novella e del Bigallo, a Vercelli nel 2010 nei musei Borgogna e Leone (eventi collaterali al Guggenheim), e a Milano, Roma, Shanghai, Arezzo, Napoli, Parigi, Yiwu, Perugia... Nel 2007, ha vinto il concorso del Ministero delle Infrastrutture per un'opera di grandi dimensioni, ha partecipato alla 54^ Biennale di Venezia ed è stata una delle tre protagoniste della mostra itinerante “L'apparenza ambigua”, a cura di Giorgio Bonomi. Ha realizzato installazioni di dimensioni considerevoli per alcune manifestazioni, fra le quali “L'altra metà del cielo”, “Il Giardino della Bellezza”, “Contemplarte” ed è autrice e curatrice di iniziative culturali.

Viviana Nicodemo, milanese, dopo gli studi classici, si diploma alla Civica scuola Paolo Grassi di Milano, corso attori. Ha recitato con vari registi (M. Navone, N. Garella, G. Sepe, A. Zucchi, N. Mangano, S. Pelczer) e ha fatto diverse letture poetiche (Rimbaud, Dickinson, Rilke, Campana, Pozzi, Pavese, Bertolucci, Pagliarani, Loi, Cucchi, De Angelis). Nel 2008 fonda con Sofia Pelczer l’associazione TeatroSguardoOltre, che ha una fitta collaborazione con biblioteche del Comune di Milano, con La festa del teatro e altre istituzioni. Ha pubblicato nel 2007 il libro fotografico Necessità dell’anatomia (Ed. Spirali), con versi di Milo De Angelis. Ha girato alcuni video legati alla poesia del ‘900, tra cui Un nome della via (dvd di 30 min. allegato a Colloqui sulla poesia di De Angelis - ed. La vita felice), Cento giorni dopo l’infanzia, Cantica. Sue installazioni visive sono state utilizzate in spettacoli teatrali e performance. E’ dell’ estate del 2009 la mostra fotografica, Via dell’ inizio, nel palazzo Ducale di Pavullo nel Frignano, a cura di Paolo Donini. L'anno scorso ha pubblicato alcune sue foto nel libro Minime da una fine di Liliana Zinetti (edizioni CFR, Sondrio, 2013).


I POETI

Tiziano Broggiato è nato a Vicenza, dove tuttora risiede, nel 1953. Le sue più recenti raccolte di poesia sono: Parca lux (Marsilio, Venezia, 2001) Premio Montale 2002 e Premio dell’Unione Lettori Italiani per: un libro di poesia per la scuola 2002, Anticipo della notte (Marietti, Milano, 2006) e Dieci poesie (Almanacco dello Specchio n°3, Mondadori, Milano, 2007). Ha curato le antologie: Canti dall’universo – Dodici poeti italiani degli anni ottanta (Marcos y Marcos, Milano, 1988) e Lune gemelle (Palomar, Bari, 1998). Nel gennaio 2013 è uscito il suo ultimo libro di versi: Città alla fine del mondo.

Nicola Bultrini è nato nel 1965 a Civitanova Marche (MC), vive e lavora a Roma. Ha pubblicato le raccolte di versi La coda dell’occhio (Marietti, 2011), I fatti salienti (Nordpress Ed., 2007). La raccolta Occidente della sera è presente nell’VIII° Quaderno Italiano di Poesia Contemporanea (Marcos y Marcos, 2004). Sue poesie e scritti critici e traduzioni sono pubblicati su varie riviste. Scrive per i quotidiani “Il Tempo” e “L’Avvenire” e la rivista “Poesia�. Svolge inoltre ricerche storiche sulla Prima Guerra Mondiale, nell’ambito delle quali ha pubblicato per Nordpress Edizioni diversi volumi, tra cui : La grande guerra nel cinema (2008); Pianto di pietra – la grande guerra di Giuseppe Ungaretti (2007).

Milo De Angelis Tra le voci più significative della poesia italiana contemporanea, Milo De Angelis vive a Milano dove insegna in un carcere. La sua prima raccolta di poesie risale al 1976 (Somiglianze). E’anche traduttore dal francese di Racine, Baudelaire, Maeterlinck, Blanchot, Drieu La Rochelle, e dal greco e dal latino di Eschilo, Virgilio, Lucrezio, dell'Antologia Palatina e di Claudiano. La sua opera è tradotta in parecchie lingue. L’ultima, un’antologia della sua poesia uscita in Grmania per la Hanser Verlag di Michael Kruger. Con Tema dell'addio ha vinto il Premio Viareggio 2005, mentre con Quell'andarsene nel buio dei cortili ha vinto il Premio Stephen Dedalus 2011.

Antonio Di Mauro è nato nel 1950 ad Aci Bonaccorsi, in provincia di Catania. Ha collaborato al volume Il Novecento della Letteratura Italiana diretta da Enzo Siciliano (Curcio Editore, 1988) e ha redatto la sezione Letteratura dell’Annuario 1990 della Grande Enciclopedia Universale Curcio 1). Ha pubblicato inoltre saggistica letteraria sulle riviste “Testuale”, “I Quaderni del Battello ebro”, “Nuovi Argomenti”, etc. Il suo libro Acque del fondale edito nel 2003 da Jaca Book è quello ritenuto finora il suo più significativo. Come anticipazione di un nuovo libro, un poemetto, Pietà del figlio, è uscito sull’Almanacco dello Specchio 2008, nuova serie, Mondadori 2008, e inoltre è stato musicato dal compositore siracusano Joe Schittino.

Davide Rondoni, nato nel 1964 a Forlì. Dirige la rivista di poesia e arte ClanDestino, in Rai Sat 2000 cura e conduce programmi di poesia e dibattito culturale. Le sue raccolte poetiche più recenti: Avrebbe amato chiunque, 2003, Compianto, vita, 2003, Il veleno, l' arte, 2004, L' acqua visitata dal fuoco, 2005, Vorticosa, dipinta, 2006. Narrativa: I santi scemi, 1996. Tra i saggi ha scritto La parola accesa, 2006, Il fuoco della poesia. In viaggio nelle questioni di oggi, 2008. Ultime antologie: La poesia è il tempo, 2007, Mettere a fuoco Dio, 2007, Apocalisse amore, 2008, Dante, Commedia, 2001, Il pensiero dominante. Antologia della poesia italiana 1970-2000, 2001.

Angelo Scandurra è nato ad Aci Sant’Antonio e vive a Valverde di Catania. Promotore del “Gruppo Teatro Nuovo” e direttore della rivista “Il Girasole”, nel 1986 ha fondato “Il Girasole Edizioni”, che accoglie testi di poesia, narrativa e saggistica di autori italiani e stranieri. Fra le sue opere pubblicate ricordiamo le opere narrative Appunti per un colloquio forzato (La Vita Felice, Milano 2000, 2ª edizione 2001, dalla quale è stato tratto il testo teatrale Per un colloquio forzato), Quadreria dei poeti passanti (Bompiani, Milano sett. 2009, 2ª edizione nov. 2009) e, per la poesia, Proposta per incorniciare il vuoto (Sciascia, Caltanissetta-Roma 1979), Fuori dalle mura (Sciascia, 1983 - finalista premio Viareggio), L'impossibile confine (Piero Manni, Lecce 1989 - Premio Cilento-Pinto. Finalista Premio Viareggio-Rèpaci), Trigonometria di ragni (Scheiwiller, Milano 1993), Criteri di fuga (Passigli, Firenze 1998, 2ª ed. 1999) e Il bersaglio e il silenzio (Passigli, 2003).


I CRITICI D'ARTE

Giorgio Bonomi. È nato a Roma nel 1946, dove si è laureato in Filosofia, vive a Perugia. Dopo un periodo di studi e scritti di filosofia politica, tra cui il libro Partito e rivoluzione in Gramsci, ed. Feltrinelli 1973 e vari articoli in periodici (“il Manifesto”, “Les Tempes Modernes”, “Problemi del Socialismo” ed altri), si è dedicato all’arte contemporanea come critico, curatore di mostre, saggista e fondando e dirigendo, da più di venti anni, la rivista “Titolo”. Ha diretto il Centro Espositivo della Rocca Paolina di Perugia dal 1994 al 1999; è stato il Direttore della Biennale di Scultura di Gubbio negli anni 1992, 1994, 2006, 2008; dal 2004 al diretto una Fondazione sulla Pittura analitica con sedi a Chiavari e Milano. Ha curato circa duecento mostre in Italia e all’estero, tra le quali ricordiamo: a Perugia Plessi; Beuys. Difesa della Natura; Le soglie della pittura: Francia-Italia 1968-1998; Oltre la superficie; a Colonia Arte astratta italiana dal 1960 al 1997; a Verona e Steyr Il corpo assente; a Rottweil 3 X Monochrom: Fontana, Manzoni, Pinelli; a Chiavari, Gallarate, Praga e Londra Pittura 70. Pittura pittura e astrazione analitica.
Tra le pubblicazioni a stampa, citiamo La collezione Burri (con Chiara Sarteanesi), Gesp Editrice, 1995; Introduzione all’arte contemporanea (a cura), Gesp Editrice, 1996; Promuovere l’alluvione: Fluxus e dintorni (con Enrico Mascelloni) Parise Editore 1997; Storia delle Biennali di Gubbio e Museo della Scultura contemporanea, ed. Silvana 2006; Maria Mulas, ed. Skira, 2007; La disseminazione, Rubbettino Editore; Il corpo solitario. L’autoscatto nella fotografia contemporanea, Rubbettino Editore.

Michele Romano, critico d’arte indipendente, responsabile della GAN galleria civica d’arte contemporanea di Noto (SR) e cocuratore con Ornella Fazzina della collana d’arte contemporanea Hdemia Text. Laureato in Discipline delle Arti al D.A.M.S. di Bologna è docente di Storia e critica d’arte presso le Accademie di Belle Arti di Viterbo, Catania e Noto (SR). Ha pubblicato: Caravaggio contemporaneo (Lettera22 edizioni 2010), Mario Minniti un caravaggesco a Siracusa (Electa Napoli 2004), La scultura del contemporaneo (E.Romeo editore 2008), Filippo Paladini in Sicilia (Galleria Regionale di Palazzo Bellomo 2007), La ceramica e la sperimentazione contemporanea in Sicilia (Mazzotta 2008). Ha scritto saggi critici per diverse riviste specializzate in arte contemporanea: Tema Celeste, Segno, Hdemia New L’ink, Le fate.

IL PROMOTORE D'ARTE E CULTURA

Antonio Presti, nato a Messina, è il presidente della “Fondazione Antonio Presti – Fiumara d’Arte”, impegnato da anni in Italia e nel mondo a creare una coscienza legata alla cultura ma soprattutto ad uno spirito etico, che si forma proprio attraverso un rapporto differente con la bellezza. Tra le iniziative la creazione del parco di sculture monumentali nella Valle dei Nebrodi in Sicilia “Fiumara d'Arte”, dell'Atelier sul Mare, un albergo-museo a Castel di Tusa, in provincia di Messina e la realizzazione del "Chilometro di tela", che ha chiamato a raccolta, durante i numerosi anni della sua realizzazione, numerosissimi artisti. . A Catania ha creato la "Devozione alla Bellezza", con il “Cero di S.Agata”, la Casa-d'Arte Stesicorea, l'evento di poesia “Il treno dei Poeti”, e ancora "Museo della Luce" rivolto al quartiere periferico di Catania “Librino”, dove Presti chiamerà a collaborare alcuni tra i più importanti fotografi del mondo, che avranno l'incarico di fotografare l'anima del quartiere: “la gente”.

IL PIANISTA JAZZ

Danilo Rea si diploma al Conservatorio di Santa Cecilia, con il massimo dei voti. Appena maggiorenne esordisce come musicista jazz con lo storico Trio di Roma; sono gli anni 70 e Danilo Rea accompagna come pianista i più importanti cantautori italiani: Mina, Gino Paoli che gli restano fedeli negli anni, fino ad oggi. Da subito suona e collabora con i più grandi del jazz come Chet Baker, Lee konitz, John Scofield, Steve Grossman, Bob Berg, Michael Brecher, Joe Lovano, Phil Woods, Art farmer ecc...Recentemente ha eseguito concerti a due pianoforti con eccezionali pianisti internazionali: Brad Meldahu, Danilo Perez, Michel Camilo e Luis Bacalov. Ma sono i suoi concerti di piano solo con le sue improvvisazioni, che spaziano su qualsiasi repertorio, che lo hanno portato ad esibirsi in tutto il mondo: nel 2006 è stato protagonista di un concerto memorabile al Guggenheim Museum di New York e successivamente con “Concerto per Peggy”, in occasione del 60 anniversario della Collezione Peggy Guggenheim a Venezia. Nel 2009 al Teatro la Fenice di Venezia ha chiuso la 68° stagione della Camerata Musicale Barese con un concerto al Teatro Petruzzelli. Oltre al jazz prosegue anche un intenso rapporto anche con la musica classica, di cui ha già pubblicato diversi dischi di improvvisazione sulle arie liriche. Recentemente ha inciso “Tributo a Fabrizio De André” ed è in concerto in duo con Gino Paoli con il quale ha pubblicato 2 dischi negli ultimi due anni (Due come noi che...e Napoli con amore). Novità: nel prossimo mese di maggio è prevista l'uscita del nuovo album del trio pluripremiato Doctor 3.

Il CRITICO LETTERARIO

Roberto Galaverni è nato a Modena nel 1964. Critico letterario, scrive per il «Corriere della Sera» con particolare riguardo alla poesia. È collaboratore dei programmi di RadioTre Rai. Tra le sue pubblicazioni, ricordiamo: Nuovi poeti italiani contemporanei (Guaraldi, 1996), Contemporary Italian Poets («MPT», Londra, 1999) I luoghi dei poeti (Palomar, 2001), Dopo la poesia. Saggi sui contemporanei (Fazi Editore, 2002), Passaggio sul mare (Archinto, 2002), Il canto magnanimo (con Massimo Raffaeli; peQuod, 2005), Il poeta è un cavaliere Jedi. Una difesa della poesia (Fazi Editore, 2006), Italo.log, antologia di poesia italiana contemporanea (con Theresia Prammer; www.satt.org/italo-log , Berlino, 2009-2010).


LA STORICA DELL'ARTE

Francesca Gringeri Pantano, storica dell’arte, è nata il 21.11.1946 a Lentini e vive ad Avola e Noto Marina. Direttore dell’Accademia di Belle Arti “M. Minniti” di Siracusa e cofondatrice, a Noto, dell’Accademia di Belle Arti “Val di Noto”, è impegnata soprattutto nella ricerca storico-artistica del Settecento in Sicilia. Ha approfondito lo studio sulla tematica del Voyage e realizzato, progettandone i contenuti culturali ed espositivi, il Museo dei Viaggiatori in Sicilia di Palazzolo Acreide. Ad Avola ha allestito il Museo “Palmento e Frantoio Midolo” e le esposizioni museali quali Il Mercato e la sua gente, presso la Biblioteca Comunale, ed I volti del Teatro nel Teatro Comunale. Ha curato eventi d’arte a Gibellina, La Valletta, Parigi, Tolosa, Marsiglia, Melbourne, etc. E’ coautrice, per i volumi di architettura e pittura, del Dizionario degli artisti siciliani. E’ autrice di numerosi testi fra i quali, per la casa editrice Sellerio, La città esagonale e Jean Houel: Voyage a Siracusa e, per le edizioni D. Sanfilippo, L’ Isola del Viaggio. Riconoscimenti al suo lavoro sono i premi Pitrè-Salomone Marino, Historiae Siciliae, Ciane, Immagine Donna.

I MUSICISTI

New Baroque Ensemble Di recente costituzione, il gruppo fiatistico unisce alcuni tra i più stimati musicisti del siracusano e del ragusano, congiunti dalla passione comune per la musica da camera. La ricerca stilistica dell’ensemble si muove su un fronte ampio di letteratura musicale che spazia dalla musica da camera a quella contemporanea. Già apprezzato dal pubblico e dalla critica, l’ensemble annovera musicisti che hanno al loro attivo molteplici esperienze concertistiche. Svariati anche i premi conseguiti dai musicisti del New Baroque Ensemble, ai concorsi nazionali ed internazionali tra cui ricordiamo: T.I.M. di Roma, A.M.A. Calabria, “Sanguinetto” di Verona, Festival di Valencia (Spagna), Concorso Musicale Mondiale di Kerkrade (Olanda), Concorso Internazionale “Flicorno d’Oro” di Riva del Garda, ecc.