Morago

Alessandria - 12/11/2011 : 10/12/2011

Nella sua ricerca artistica egli muove da un primo figurativo verso un post-informale ricco di suggestioni. Stratifica nella sua pittura, attraverso un gesto lirico, rapido, energico, esperienze e visioni che producono nello spazio interiore dell’osservatore una visione empatica della realtà, e che permettono di leggere la poesia di un equilibrio instabile e contratto di architetture del colore strutturate in un paesaggio onirico.

Informazioni

Comunicato stampa

Alessandria, 7 novembre 2011 - la galleria LVS architecture/ART, Via Legnano 28, Alessandria, ha il piacere di presentare la mostra di Morago.

Morago (acronimo di Morandin Agostino), artista di fama internazionale, è nato a Fontanelle di Oderzo nel 1947 e ha frequentato l’Accademia di Belle Arti a Venezia. Dal 1971 al 1995 ha insegnato e collaborato sul piano editoriale con l'UNESCO a Parigi e con l'Università la Sapienza e la Santa Sede a Roma. Negli anni le sue opere vengono esposte nei più importanti musei e gallerie d'Europa

Nel 1994 la Comunità Europea lo nomina artista, unico rappresentante per l'Italia presso il suo nuovo Palazzo del Consiglio a Bruxelles.

Nella sua ricerca artistica egli muove da un primo figurativo verso un post-informale ricco di suggestioni. Stratifica nella sua pittura, attraverso un gesto lirico, rapido, energico, esperienze e visioni che producono nello spazio interiore dell’osservatore una visione empatica della realtà, e che permettono di leggere la poesia di un equilibrio instabile e contratto di architetture del colore strutturate in un paesaggio onirico. La matrice irrazionale propria della corrente astratta (l’istinto, l’intuizione, il sentimento e l’immaginazione come strumenti privilegiati per la conoscenza della realtà) sembra quasi sposarsi ad un razionale ordine di costruzione dell’immagine. Ne consegue pertanto una forte tensione emotiva ed idealistica, esternata attraverso l’innata padronanza del colore e della materia a compendio di una piena maturità estetica e concettuale.

Conosciuto nel panorama italiano e internazionale, è stato selezionato dal Ministero degli Esteri, insieme ad artisti quali Paladino, Vistosi, Pistoletto, Pomodoro, Savinio a presentare le proprie opere all’Expo Universale di Aichi/Tokyo. Ha esposto in prestigiose sedi internazionali, come la Fondazione Cini a Venezia, in occasione della mostra seminario Art: Tolerance and Intolerance, accanto ad artisti quali Cesar, Vedova, Kabakov, all’Herbert von Karajan Centrum di Vienna nel 1998, al Museè d’art moderne a Tolosa nel 2000, al Centre d’Art et de la Culture de Marne a Parigi nel 2003, all’istituto per la Cultura di Tokyo. Nel giugno 2008 il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha insignito Morago del titolo di "Commendatore al Merito della Repubblica" per gli alti risultati artistici del Suo lavoro apprezzato in Italia e nel mondo.