Min Joonhong – Urban Methodology

Milano - 28/01/2016 : 12/02/2016

Si tratta di una esposizione di 12 opere, tra disegni e installazioni, che propongono “una personale rappresaglia” nei confronti delle città, così come la definisce lo stesso Min Joonhong.

Informazioni

  • Luogo: CONSOLATO DELLA REPUBBLICA DI COREA
  • Indirizzo: Piazza Cavour, 3 20121 - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 28/01/2016 - al 12/02/2016
  • Vernissage: 28/01/2016 ore 18
  • Autori: Min Joonhong
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: Lunedì - Venerdì ore 9.00 - 12.00│14.00 - 17.00
  • Biglietti: ingresso libero

Comunicato stampa

Dopo Londra, New York e Seoul approda a Milano la mostra Urban Methodology

Schemi geometrici contro l’ansia della metropoli:
al via la mostra Urban Methodology del coreano Min Joonhong


La Galleria del Consolato Generale della Repubblica di Corea di Milano punta sui talenti emergenti:
il 28 gennaio si inaugura la personale del giovane artista coreano Min Joonhong


Milano, 15 gennaio 2015 - Anno nuovo e grande ripresa della Galleria del Consolato Generale della Repubblica di Corea all’insegna ancora una volta dei giovani e del talento artistico coreano

La Galleria inaugura infatti il 2016 con la mostra “Metodologia Urbana-Urban Methodology” dell’artista coreano Joonhong Min, dal 28 gennaio al 12 febbraio, ingresso libero. (Inaugurazione: giovedì 28 gennaio alle ore 18.00).

Si tratta di una esposizione di 12 opere, tra disegni e installazioni, che propongono “una personale rappresaglia” nei confronti delle città, così come la definisce lo stesso Min Joonhong. L’artista, che attualmente vive a Londra, crea le sue opere attraverso un intreccio di schemi geometrici che provengono dall’immaginario visivo degli edifici delle nostre metropoli e nella pienezza e consistenza del tratto grafico “risolve” il senso di ansia e costrizione che la routine della vita urbana delle grandi metropoli genera in lui. Un recupero di materiali in disuso, trovati per strada, oggetti un tempo utilizzati da qualcuno e poi abbandonati diventano oggetto di analisi e assemblaggio sotto nuove forme, simboli del progresso urbano e al contempo del consumo e della superficialità. Quella di Joonhong Min è un’intensa attività creativa, concepita come libertà da tutti i pensieri così come i bambini che “si seppelliscono nel colorare i propri libri”.

Il lavoro di Min in mostra a Milano non è dunque un processo che porta ad un risultato ma il risultato stesso, capace di silenziare la sua ansia cronica. “Siamo felici di iniziare questo nuovo anno con questa mostra- spiega il Console Generale Chang Jae-bok. L’attenzione del nostro consolato è da sempre rivolta ai giovani e promettenti artisti. L’artista Min Joonhong è capace di regalarci, con la propria sensibilità e prospettiva, uno sguardo personale e originale sulla realtà contemporanea. Ci auguriamo che la sua mostra contribuisca a rafforzare l’interesse e la curiosità