#migrazione #speranza #willkommen

Roma - 04/02/2016 : 09/04/2016

Una mostra fotografica di Nanni Schiffl-Deiler e giovani profughi.

Informazioni

Comunicato stampa

Saluti di Andrea Santoro, Presidente del Municipio IX, Laura Crivellaro, Assessore alle Politiche Culturali del Municipio IX, Cristina Selloni, Direttrice Istituzione Sistema delle Biblioteche e Centri Culturali.

Tavola rotonda con la fotografa Nanni Shiffl-Deiler, Alessandro Triulzi, Presidente dell’Archivio delle Memorie Migranti, Sintayehu Eshetu, traduttore dei testi etiopici del volume Bibbia e Corano a Lampedusa, Carlotta Sami, portavoce per il Sud Europa dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (Unhcr).

Modera Luigi Spinola, Direttore di pagina 99 e conduttore di Radio Tre Mondo



Segue proiezione del corto “To whom it may concern” di Zakaria Mohamed Ali (AMM, 2012, 15').


L‘Europa sta vivendo il più imponente flusso migratorio che ci sia mai stato da alcuni decenni a questa parte. Già solo quest’anno quasi 800.000 persone hanno messo a rischio la propria vita per raggiungere l’Europa attraverso il Mediterraneo. Di queste oltre 3.000 sono morte durante il tragitto. I giovani affrontano i rischi per avere la possibilità di costruirsi una vita al sicuro e in libertà. Le condizioni nei loro Paesi di origine, la persecuzione politica o religiosa, gli abusi sessuali o l’impoverimento economico li hanno spinti a farlo.



La fotografa tedesca Nanni Schiffl-Deiler ha messo a disposizione di 8 giovani migranti a Roma una fotocamera aiutandoli ad esprimere a loro modo attraverso di essa la loro quotidianità e i loro sentimenti. La mostra espone il ritratto di ciascun ragazzo realizzato da Nanni Schiffl-Deiler e le fotografie scattate dai ragazzi stessi. I testi sui rispettivi Paesi di provenienza e le citazioni personali dei ragazzi sono messi a confronto con la Dichiarazione universale dei diritti umani.



Gli insegnanti e i loro alunni sono invitati a partecipare alle visite didattiche. Il programma delle visite sarà pubblicato quanto prima dalla Biblioteca Pasolini e sul sito www.goethe.de/roma.

La mostra sarà esposta in diverse biblioteche di Roma e provincia. La prima stazione sarà la Biblioteca Pasolini, dove la mostra potrà essere visitata dal 4 febbraio al 9 aprile 2016.