Même pas peur

Milano - 25/09/2018 : 20/10/2018

L'ornamento è un crimine. Fino a quando non lo è più. Martina Simeti apre la camera blindata del suo nuovo spazio espositivo, un ex laboratorio di argenteria, per presentare una selezione di ‘body ornaments’.

Informazioni

  • Luogo: MARTINA SIMETI
  • Indirizzo: Via Tortona 4 - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 25/09/2018 - al 20/10/2018
  • Vernissage: 25/09/2018 ore 19 solo su invito
  • Generi: arte contemporanea, inaugurazione, collettiva
  • Orari: mercoledì - sabato, h. 15.00 - 19.00 o su appuntamento Wednesday - Saturday, 3 - 7 pm or by appointment

Comunicato stampa

L'ornamento è un crimine. Fino a quando non lo è più. Martina Simeti apre la camera blindata del suo nuovo spazio espositivo, un ex laboratorio di argenteria, per presentare una selezione di ‘body ornaments’ tra cui figurano opere di Sylvie Auvray, Friedrick Becker, Ligia Dias, Aboubakar Fofana, Shilpa Gupta, GianCarlo Montebello, Viola Pisenti, Bernhard Schobinger, Francesco Simeti, Grazia Varisco e Betony Vernon.

E’ un invito a un appuntamento al buio, senza certezze formali, dove il concettuale, il sensoriale e il tecnico si intrecciano in una riflessione sui legami tra ornamenti corporei e arte

Non al fine di individuare un denominatore comune, ma con lo scopo di pensare alle diverse prospettive che portano queste realtà a fondersi in contesti sempre diversi; e riflettere sull'evoluzione delle categorie e dei confini dell’arte.

Pezzi - unici, multipli - limitati o non in numero - esito di produzione primaria o secondaria, questi lavori innescano un dialogo audace e disinibito tra occhi, mente e corpo. Presentati il 25 settembre, dalle 19 in poi, alla preview dello spazio di Martina Simeti in Via Tortona 4, sono un’anticipazione della sua programmazione futura.

Martina Simeti, Via Tortona 4, Milano
ll progetto di Martina Simeti ruota attorno a un nuovo spazio espositivo e di ricerca che ospita mostre e residenze di artisti internazionali il cui lavoro si muove tra dimensione concettuale, applicata e design.
La base permanente del progetto è un ex laboratorio di argenteria, in via Tortona a Milano, punto di partenza anche per collaborazioni e progetti curatoriali esterni.

--

Ornament is a crime. Until it isn’t. Martina Simeti opens the strongroom of her new exhibition space, a former silversmith’s laboratory, to present a selection of ornaments that includes pieces by Sylvie Auvray, Friedrick Becker, Ligia Dias, Aboubakar Fofana, Shilpa Gupta, GianCarlo Montebello, Viola Pisenti, Bernhard Schobinger, Francesco Simeti, Grazia Varisco and Betony Vernon.


This is an invitation to a blind date without formal certainties, where the conceptual, the sensorial and the technical meet in an enquiry on the links between body ornaments and art, not to strive for a common, shared definition. Rather, they invite examination of the differing perspectives from which these realms come together in ever more diverse contexts, and speculation about the evolution of categories and the borders of art.


Unique examples, multiples - limited or not in number - of primary or secondary output, these pieces are always engaged in a bold and uninhibited dialogue between mind, eye and body. They can be seen on 25 September, from 7pm on, at the preview of Martina Simeti’s venue in Via Tortona, 4, where they will be an anticipation of future programming for this space.


Martina Simeti, Via Tortona 4, Milan
Martina Simeti’s project consists in an exhibition space and laboratory. It welcomes international artists - whose work is interdisciplinary and on the edge between conceptual, applied and design - to show, and also to produce during residencies.
A former silversmith laboratory in Via Tortona, Milano serves as the permanent basis for the project, while collaborative and curatorial activities take place both in and beyond its premises.