Melting Point On the road – Asli Kutluay

Altamura - 09/08/2016 : 30/08/2016

Dopo la performance veneziana nel nuovo spazio espositivo "The Magazzino Gallery" di Palazzo Contarini-Polignac, il progetto Melting Point "On the road" giunge in Puglia, ad Altamura, nell'affascinante location della Masseria Jesce, antica stazione di posta sulla via Appia Antica, in una splendida cornice naturale al confine con la Basilicata, dove l'artista turca Asli Kutluay esporrà il proprio lavoro.

Informazioni

  • Luogo: MASSERIA JESCE
  • Indirizzo: Stazione di Posta , SP 41 Via Appia Antica, 70022 - Altamura - Puglia
  • Quando: dal 09/08/2016 - al 30/08/2016
  • Vernissage: 09/08/2016 ore 19
  • Autori: Asli Kutluay
  • Curatori: Vittorio Urbani, Alessandro Fiorentino, Emma Capurso, Donato Laborante
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Patrocini: promosso dall'Associazione culturale "Nuova Icona" di Venezia, e curato da Vittorio Urbani, direttore dell'associazione, Alessandro Fiorentino, storico dell'arte e assistente curatore per Nuova Icona, Emma Capurso, archeologa di Altamura, e Donato Laborante, performer e cantastorie murgiano dell'Associazione culturale Ferula Ferita. Project Manager: Deniz Taner Gokce. L'evento è patrocinato dal Comune di Altamura e dall'Agenzia Regionale Puglia Promozione, con la collaborazione delle Associazioni Ferula Ferita e Murgia Catena.

Comunicato stampa

Dopo la performance veneziana nel nuovo spazio espositivo "The Magazzino Gallery" di Palazzo Contarini-Polignac, il progetto Melting Point "On the road" giunge in Puglia, ad Altamura, nell'affascinante location della Masseria Jesce, antica stazione di posta sulla via Appia Antica, in una splendida cornice naturale al confine con la Basilicata, dove l'artista turca Asli Kutluay esporrà il proprio lavoro dal 9 al 30 agosto 2016.
Il progetto, di carattere itinerante, è al suo secondo appuntamento, approdando questa volta in uno storico luogo di transito, sull'ultimo tratto dell'antica via romana che congiungeva Roma a Brindisi, porta d'accesso per l'Oriente


Asli Kutluay, designer e artista, vive e lavora ad Ankara. Ha sempre dimostrato un forte interesse nel presentare le diversità culturali, i dilemmi e le varietà del mondo. Trasmette le sue osservazioni attraverso storie suggestive trasposte in dipinti, sculture e installazioni.
Questo lavoro, composto da pezzi "non funzionali" di arredamento, parte dalle sue riflessioni sul fenomeno del riscaldamento globale: strutture vicine al punto di fusione e all'incrinatura a causa del cambiamento climatico, che prefigurano lo scenario inquietante in cui tutti noi esseri umani potremmo ritrovarci.
Lo scenario suggerisce inoltre una via di "purificazione" per recuperare ciò che stiamo perdendo sia in termini di ecologia della natura e della mente che in termini di qualità dei rapporti tra gli esseri umani.
Curatori dell'evento Vittorio Urbani, direttore di Nuova Icona - Venezia (Associazione culturale per le arti), Alessandro Fiorentino, storico dell'arte, ed Emma Capurso, archeologa, con la gentile collaborazione delle associazioni culturali Ferula Ferita (fondamentale il supporto di Donato Laborante) e Murgia Catena.
Project manager Deniz Taner Gokce
L'evento è patrocinato dal Comune di Altamura e dall'Agenzia regionale Puglia Promozione.
E dall'allegra compagine dello staff "Forever Young" al motto di "Art can save the world"!