Meeting Architecture #5 – David & Peter Adjaye

Roma - 10/04/2014 : 10/04/2014

In occasione del quinto appuntamento di Meeting Architecture-L’architettura e il processo creativo, la British School at Rome è felice di accogliere nuovamente l’architetto inglese David Adjaye, questa volta insieme al fratello, il compositore Peter Adjaye. L’evento è in collaborazione con il MAXXI - Museo nazionale delle arti del XXI secolo, che ospiterà la serata nella Galleria 1.

Informazioni

Comunicato stampa

EETING ARCHITECTURE
L’architettura e il processo creativo
Ciclo di conferenze, mostre studio e performance

10 Aprile 2014
V appuntamento

DAVID & PETER ADJAYE
Music for Architecture

Ore 19.00: Conversazione fra David & Peter Adjaye
presentata da Pippo Ciorra, con proiezioni di film e performance musicali

MAXXI - Museo nazionale delle arti del XXI secolo
Galleria 1
Via Guido Reni 4 A, Roma

ACCESSO CON IL BIGLIETTO DEL MUSEO FINO AD ESAURIMENTO POSTI
Il biglietto consente un ingresso alle mostre del MAXXI entro il 20 aprile 2014


Per la mia generazione il suono entra nel processo di visualizzazione dello spazio. È un esperimento. Mi interessava capire le reazioni di un compositore ad uno spazio, sentirne l’eco. David Adjaye

In occasione del quinto appuntamento di Meeting Architecture-L’architettura e il processo creativo, la British School at Rome è felice di accogliere nuovamente l’architetto inglese David Adjaye, questa volta insieme al fratello, il compositore Peter Adjaye. L’evento è in collaborazione con il MAXXI - Museo nazionale delle arti del XXI secolo, che ospiterà la serata nella Galleria 1.

L’incontro offrirà la rara occasione di sentir dibattere l’architetto e il compositore sulle loro collaborazioni, che amano definire come musica per architettura, una “biblioteca-laboratorio permanente”. L’appuntamento prevede, inoltre, la proiezione di un’antologia di film e composizioni originali presentati per la prima volta con un live music ensemble.

Una volta David mi disegnò un’immagine del viaggio musicale che voleva e io sono andato e tornato il giorno stesso col pezzo pronto. Peter Adjaye

L’architetto inglese ha spesso lavorato col fratello Peter ai progetti più diversi, dagli edifici, ai padiglioni, ai film sulla sua architettura. Concentrandosi sul processo della loro collaborazione, gli Adjaye discuteranno anche di come questa abbia influenzato la pratica delle loro singole discipline. In particolare, presenteranno alcuni dei “soundscapes” composti da Peter per accompagnare tanti dei padiglioni temporanei di David, tra cui Horizon – esposto dalla British School at Rome e dalla Casa dell’Architettura nel 2009 – e Asymmetric Chamber, in mostra allo Studio Museum, Harlem, New York nel 2005. Sarà analizzato anche il Nobel Peace Centre (Oslo 2005), opera di David per la quale Peter ha progettato le composizioni sonore interattive permanenti della Nobel Field, una delle gallerie. Infine i due fratelli discuteranno della musica composta da Peter per alcuni dei film sugli edifici di David, come per esempio quello sul famoso Stephen Lawrence Centre, Londra 2007.


David Adjaye è direttore della Adjaye Associates da lui fondata nel 2000. Fra altri progetti, la Smithsonian Institution ha affidato allo studio la progettazione, oggetto di un’attenzione mondiale crescente, del National Museum of African American History and Culture a Washington D.C. David Adjaye è Norman R. Foster Visiting Professor presso la Yale School of Architecture.

Peter Adjaye, famoso compositore, musicista, DJ e recording artist, ha esordito come musicista jazz e vive a Londra, dove lavora fin dagli anni Ottanta.

Architecture Programme British School at Rome curato da Marina Engel

Per maggiori informazioni:
The British School at Rome, telefono +39 06 3264939, www.bsr.ac.uk

Ufficio Stampa: Meeting Architecture:
Marta Colombo, telefono: +39 340 3442805,
e-mail: [email protected]
Ilaria Gianoli, telefono: +39 333 6317344, e-mail: [email protected]

In collaborazione con:
MAXXI - Museo nazionale delle arti del XXI secolo, Royal College of Art, Accademia di Francia a Roma – Villa Medici

Col sostegno di:
Bryan Guinness Charitable Trust, Cochemé Charitable Trust, John S. Cohen Foundation

Media Partner:
Architectural Review, Artribune, Nero