Mattia Lullini – The Weird Rainbow

Bologna - 01/10/2014 : 18/10/2014

The Werid Rainbow raccoglierà una selezione dei suoi più recenti lavori e tirature limitate su carta e tela nonché alcune delle sue più nuove installazioni scultoree multi-livellari in legno.

Informazioni

  • Luogo: PORTANOVA12
  • Indirizzo: Via Porta Nova 12 - Bologna - Emilia-Romagna
  • Quando: dal 01/10/2014 - al 18/10/2014
  • Vernissage: 01/10/2014 ore 18
  • Autori: Mattia Lullini
  • Generi: arte contemporanea, personale

Comunicato stampa

The Weird Rainbow (Lo Strano Arcobaleno in italiano) è la prima mostra personale di Mattia Lullini in una galleria della sua città natale dal 2011 e dopo più di due anni passati all'estero (risiedendo tuttora a Göteborg in Svezia). Artista, muralista e grafico ha partecipato nella sua ancora breve carriera a numerosi progetti e mostre in Europa, Asia e Sud America che lo hanno confermato tra i più interessanti nuovi artisti internazionali italiani

La mostra sarà un occasione unica di entrare nell'universo coloratissimo e simbolico dell'artista e di apprezzarne la sua più recente produzione in una selezione di più di venti nuovi lavori tra tele, disegni, serigrafie e installazioni.

LA MOSTRA
Mattia Lullini è una delle più interessanti nuove figure del panorama artistico internazionale italiano all'estero. Lo stile coloratissimo ed onirico dei suoi quadri, muri e installazioni è chiaramente riconoscibile e caratterizzato da un'estetica psichedelica e post-pop.
The Werid Rainbow raccoglierà una selezione dei suoi più recenti lavori e tirature limitate su carta e tela nonché alcune delle sue più nuove installazioni scultoree multi-livellari in legno. La mostra sarà un viaggio all'interno dell'universo estremamente colorato e psichedelico di Mattia Lullini, che attraverso un immaginario di sinuose forme e creature cerca una comunicazione col pubblico per simboli ed atmosfere. L'idea alla base della sua produzione è che l'arte non abbia il solo scopo di raffigurare il fondo delle emozioni umane ma anche di esaltarne l'apice nel suo spesso inarrivabile splendore, cercando con immagini colorate e gioiose di comunicare quel senso di equilibrio e pace che per natura è obbiettivo di ogni essere. La verità è però che la vita degli esseri umani è più vicina ad un intrico che ad una pacifica raffigurazione e che spesso il raggiungimento di questa pace sta nella capacità di trovare un equilibrio ed un senso superiore. Questa è allora una delle possibili chiavi di lettura della complessità di decorazioni e forme caratteristiche dell'artista, nel cui groviglio si può sempre trovare un equilibrio e allo stesso tempo una simbolica immagine superiore.
La mostra sarà inoltre un'occasione unica di visionare alcune delle più recenti evoluzioni dello stile dell'artista che si trova ora al culmine di un percorso di semplificazione dell'apparato decorativo caratteristico della sua produzione dai suoi albori. I lavori saranno infatti nella maggioranza più semplici, quasi privi di decorazioni, mentre l'intrico e la complessità che sono parte fondamentale della sua opera saranno mantenute nel gioco, negli equilibri e nell'intersecarsi di nuove forme solide e volumetriche. Con The Weird Rainbow, Mattia Lullini cercherà, ancora una volta, di tracciare dalla complessità una forma più semplice e riconoscibile, una metafora di quel dialogo che le sue opere cercano di instaurare coi loro fruitori e di quello che l'artista tenta - per loro tramite - con sè stesso.

MATTIA LULLINI
L'artista italiano Mattia Lullini è conosciuto per le sue opere zoomorfe, densamente colorate e legate ad un immaginario psichedelico e post-pop. Descritto come artista dallo stile personale ed istantaneamente riconoscibile, la sua produzione si sviluppa nella direzione di un dialogo e di una forte comunicatività nella direzione dei suoi fruitori e dell'artista stesso. C'è un qualcosa di fortemente contemplativo nella giocosità delle forme da lui rappresentate che attraverso l'intrico ed equilibrio delle forme comunicano in un linguaggio onirico e simbolico. Artista multi disciplinare, il suo portfolio include anche murales di dimensioni monumentali, installazioni multi-livellari in legno, incisioni, serigrafie e libri in edizioni limitata. A lato del suo lavoro personale ha lavorato frequentemente come grafico ed è inoltre parte del progetto artistico-musicale Colorful Mountain e co-fondatore del progetto editoriale Thaumatropical. Ha esibito e dipinto in Brasile, Danimarca, Finandia, Francia, Germania, Italia, India, Svezia e Regno Unito. Correntemente vive e lavora a Göteborg in Svezia.