Matteo Lucca – Il dono

Napoli - 26/03/2022 : 28/05/2022

primo progetto espositivo a firma Gallerie Riunite, con la personale “Il Dono” dell’artista romagnolo Matteo Lucca.

Informazioni

  • Luogo: GALLERIE RIUNITE
  • Indirizzo: Via Cavallerizza a Chiaia, 57 - Napoli - Campania
  • Quando: dal 26/03/2022 - al 28/05/2022
  • Vernissage: 26/03/2022 ore 11.30
  • Autori: Matteo Lucca
  • Generi: arte contemporanea, inaugurazione, personale

Comunicato stampa

Siamo lieti di comunicarvi che sabato 26 marzo, dalle ore 11.30 alle 14.00, verrà inaugurato il primo progetto espositivo a firma Gallerie Riunite, con la personale “Il Dono” dell’artista romagnolo Matteo Lucca.

La sua ricerca artistica si muove attraverso l'utilizzo di diversi approcci espressivi. Insieme alla terracotta e ad approcci performativi, il suo intento è quello di attivare una riflessione sull'umano. Negli ultimi anni concentra il suo lavoro, sull'utilizzo del pane come materia prima per la realizzazione delle sue opere


Da sempre attento al tema del corpo, nelle sue sculture il pane va inteso come simbolo del nutrimento, dell’offerta, ma anche come simbolo di unione, di amicizia e di legami.
L’uomo di pane si dona offrendo il suo corpo, superando il proprio ego, connettendosi all’altro, alla terra e alla natura tutta.
La materia pane, quando prende forma di corpo, racconta l’uomo attraverso i suoi significati e la sua storia. Il corpo, viceversa, si espone e si racconta nella forma della materia. Da questa intersezione nasce qualcosa di altro: il pane non è solo cibo, ed il corpo non è solo un corpo. La loro unione è un incipit di un racconto sulla natura umana, e sull’esistenza complessa, tra lo spirituale e il materiale, nelle variabili imposte dal Caso e dalla sua imprevedibilità.

“Ad oggi le parole chiave del mio approccio sono: affidarsi ed inciampo. quello che mi interessa ora è innescare la miccia di un processo potenzialmente autonomo nel quale in parte affidarmi ed essere osservatore di ciò che accade. L’affidarsi è anche nell’accogliere l’inciampo, l’inaspettato e fare tesoro di questa cosa come valore centrale dell’opera e come luogo di osservazione e comprensione.
Durante il processo il mio ruolo è quello di assecondare il naturale dispiegarsi degli eventi coi quali sono in dialogo. A livelli diversi il mio compito è quello di creare il territorio adatto e predisporre le condizioni.
Nel caso delle opere in pane si tratta per esempio di disporre il pane negli stampi e seguire la cottura, ma quello che accade mentre l’opera lievita e cuoce non dipende più da me”. (Cit. Matteo Lucca)


BIO Matteo Lucca
Laurea in Scultura presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna, 110 e lode, anno 2007.
mostre personali
2018
Aish. Monte di Pietà della Fondazione Cassa dei Risparmi. Forlì.
Aish. Museo MIAB - Museo Iconografico d’Arte Bizzantina. San Cassiano (LE)
2017
Gold Wears down. A cura di Alessandra Carini MAG-magazzeno Art Gallery, Ravenna.
2016
Uomini di Pane. Installazione in natura, San Paolo in Alpe (Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi). segue Galleria Vero Stoppioni, Santa Sofia (FC).
mostre collettive
2020
Due culture e lo spazio. A cura di Qiu Yi. 2° edizione della mostra d’arte contemporanea italiana, museo di scultura, Qingdao, China.
Semita Luminis exhibition. presentata da Isorropia homegallery presso Luisa Catucci Gallery. Mostra bipersonale: Maurizio L’Altrella - Matteo Lucca
Art Monster 2020. Contaminazioni Aliene nell’Umbria contemporanea. a cura di Matteo Pacini. Museo Civico Palazzo Della Penna. Perugia.
2019
Paratissima. a cura di Francesca Canfora. Bologna
Selvatico 14. a cura di Massimiliano Fabbri. museo sforza. Cotignola (RA)
Sciami. A cura di Annamaria Bernucci. MUSAS - Museo Storico Archeologico. Santarcangelo (RN)
Nella mente di chi guarda, Memoria, dignità e identità del quotidiano. A cura di: Marco M. Coltellacci, Laura Solieri, Alessandro Mescoli. Chiesa di San Giovanni Battista, Modena.
Il profumo del pane. A cura di Giovanni Gardini, Luigi Codemo, Giuliano Zanchi, presso le sedi: Chiesa di Santa Maria dell’Angelo, Faenza - GASC | Galleria d’Arte Sacra dei Contemporanei, Milano- Oratorio San Lupo Bergamo
A Monsoon day in Thailand in collaborazione con Sonia Agosti, curata da Alessandro Mescoli e Ilaria dall’Olio, presso lo Spazio Crack, Castel Nuovo Rangone (MO).
2018
Burn it. a cura di Wilko Austermann, presso le sedi: Kunstverein MMIII Mönchengladbach - Krefelder Kunstverein - Weltkunstzimmer. Düsseldorf, Germania.
2017
PoStWar. Isorropia Home Gallery, Milano
progetti
2019
A hand give a hand receives Art Factory Dynamo Camp sessione estiva.
A Monsoon day in Thailand in collaborazione con Sonia Agosti, curata da Alessandro Mescoli e Ilaria dall’Olio, presso lo Spazio Crack, Castel Nuovo Rangone (MO).
The fuckups festival, presso Studio Cromie, Grottaglie (TA)
2015
DO.VE. con associazione culturale Spazi Indecisi. a cura di Patrizia Giambi.
premi
2019
Back to Santa Sofia. 60° Premio Campigna. Galleria Vero Stoppioni, Santa Sofia (FC)
2017
In the earth time. Italian Guest Pavillon, Gyeonggi Ceramic Biennale. South korea. Oraganizzato da MICFaenza, a cura di Irene Biolchini.
opere pubbliche
2018
Oltre il muro. Progetto “galleria a cielo aperto”, a cura dell’associazione culturale Regnoli 41, Forlì (FC).
2007
Testimoni dell’impronta. complesso scultoreo dedicato ai donatori si sangue dell’A.V.I.S. Ospedale Pierantoni Forlì.
2004
Autoforia monumento in bronzo. parco dell’ospedale di Bondeno (FE).
collezioni
Collezione privata presso Hettabretz (BO); collezione “white museum” presso Capri Palace Hotel (NA); collezione Giovani Artisti del Comune di Forlì (FC); collezione presso il Museo d’arte Contemporanea Vero Stoppioni di Santa Sofia (FC); collezione presso Palazzo Merani, Tblisi, Georgia.