Mateo Revillo e Edgar Sarin – La méditerranée

Roma - 12/02/2022 : 15/03/2022

C'è un'intera geografia dedicata all'arte e agli artisti nel mondo. Oggi è contaminata da interessi che non hanno niente da fare né con l'arte né con gli artisti,

Informazioni

  • Luogo: TERZO FRONTE
  • Indirizzo: Via dei Bruzi, 8 | 00185 - Roma - Lazio
  • Quando: dal 12/02/2022 - al 15/03/2022
  • Vernissage: 12/02/2022 ore 18
  • Autori: Mateo Revillo, Edgar Sarin
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: Visite su appuntamento dal 13 Febbraio al 15 Marzo

Comunicato stampa

C'è un'intera geografia dedicata all'arte e agli artisti nel mondo. Oggi è contaminata da interessi che non hanno niente da fare né con l'arte né con gli artisti,
ma piuttosto con il commercio, la finanza o la politica.

È quindi necessario pensare a nuove composizioni

Quali sono i luoghi dell'arte e degli artisti oggi?
Come sfuggono agli spazi che li vincolano, che sono loro assegnati, per conquistare la loro indipendenza in una nuova geografia?

Per questo quarto capitolo di Terzo Fronte, abbiamo invitato gli artisti Edgar Sarin e Mateo Revillo, fondatori del gruppo di ricerca La Méditerranée,
che stanno sperimentando la geografia dell'arte attraverso le loro attività mutevoli.

« La Méditerranée è un gruppo di ricerca orientato alle mostre. La sua ricerca ruota intorno alla teorizzazione di nuove euristiche per le mostre d’arte. Utilizza il modello espositivo come spazio d’azione.

All’apertura, nessuno sa dove la mostra condurrà, mentre lo scopo della mostra si costruisce nel corso del suo dipanarsi; questo riunisce artista e spettatore: lo spettatore si sposta da semplice commentatore ad attore creativo, l’artista viene riaffermato in questo approccio lontano dalla sterilità delle mostre; una disposizione temeraria che solo la sovrastruttura artista/spettatore può superare. »

l lavoro di Edgar Sarin riflette una ricerca formale di armonia politica e ambientale, con l’uomo come catalizzatore. È stato notato per il suo lavoro sulla rovina generativa e per la sua messa in discussione dello spazio espositivo. Qualche anno fa, ha stabilito che si tratta di considerare lo spettatore dal momento in cui smette di esserlo; inscrivendosi così in una stirpe mediterranea della concezione dell’opera d’arte. Il suo lavoro si sviluppa così attraverso la porosità con l’ambiente. Difende un approccio che privilegia l’apprendimento del mondo e della materia – una forma raffinata del gesto creativo – che sviluppa in un corpus scultoreo plurale e preciso.
Nel 2016, Edgar Sarin ha ricevuto il premio Emerige Revelations ed è rappresentato dalla galleria Michel Rein a Parigi e Bruxelles.
Il lavoro di Edgar Sarin è stato esposto al Collège des Bernardins (Parigi), Centre de Création Contemporaine Olivier Debré (CC- COD), Centre d’art contemporain Chanot (CacC), come parte della Nuit Blanche 2018 e alla Konrad Fischer Galerie (Berlino).
Matteo Revillo è un pittore di Madrid nato nel 1993. Ha studiato belle arti all’Università di Oxford. Nel 2016 è stato selezionato per partecipare al Salon de Montrouge ed è tornato a Parigi. Ha poi studiato scienze sociali all’EHESS. I dipinti di Mateo Revillo sostengono un mondo espressivo di spessore minerale. Come la piegatura delle montagne, il suo corpo di lavoro propone una visione energica e materiale di un territorio pittorico espansivo. Attraverso la sua composizione pittorica, spaziale e temporale, è una pittura alla ricerca di un nuovo paesaggio.