Massimo Ricciardo – Like Humans Do

Lucca - 22/02/2014 : 22/03/2014

Massimo Ricciardo (Darmstadt 1979) raccoglie il filo di un proprio racconto di viaggio dal sud al nord, dall’Italia allo Xinjiang, e infine da questa regione estrema, ormai parte della Cina, fino a Lucca - legata ab antiquo alla via della seta e centro di invenzione del primissimo capitalismo medievale.

Informazioni

  • Luogo: PAVILLON SOCIAL
  • Indirizzo: Via A. Mordini 64 55100 - Lucca - Toscana
  • Quando: dal 22/02/2014 - al 22/03/2014
  • Vernissage: 22/02/2014 ore 18
  • Autori: Massimo Ricciardo
  • Generi: arte contemporanea, personale

Comunicato stampa

Le regioni caucasiche sono da millenni aree strategiche fondamentali per la geopolitica mondiale. Non a caso la spedizione degli Argonauti, mito fondante della classicità, era diretta verso il Caucaso.

L’aorta era la Via della Seta, flusso continuo tra Oriente e Occidente. In seguito, la scoperta dell’importanza dell’oro nero, dei giacimenti asiatici e la costruzione delle grandi ferrovie orientali (transiberiana e ottomana), creano le premesse dell’Eurasia, che condurranno ben presto alla prima guerra mondiale, alla caduta della Russia zarista e ai conflitti che ci interessano a tutt’oggi



Massimo Ricciardo (Darmstadt 1979) raccoglie il filo di un proprio racconto di viaggio dal sud al nord, dall’Italia allo Xinjiang, e infine da questa regione estrema, ormai parte della Cina, fino a Lucca - legata ab antiquo alla via della seta e centro di invenzione del primissimo capitalismo medievale.

Ricciardo adesso, dopo aver presentato in altre occasioni il suo lavoro uiguro (http://credcarpet.tumblr.com/), reinventa le sue varie esperienze, sviluppando un nuovo display attorno a un libro di artista e a materiali raccolti in viaggio (tessuti, disegni e altri oggetti). Dunque, non più un lavoro sul viaggio, ma un dopo del viaggio e anche un oltre. Non raccoglie un archivio. Non fa alcun reportage. Ma rimette in strada testimonianze, esperienze di relazione e materiali accumulati nelle varie peregrinazioni.

Sono oggetti che pongono interrogativi, coinvolgendo una trasformazione dei modi di guardare agli altri e di vedere se stessi.

Ricciardo, lavorando a Lucca, rielabora alcune impressioni di viaggio (precarietà, incertezza, perdita progressiva di storia e identità), che certamente non riguardano solo gli uiguri, la loro cultura trasformata di fatto dalla Cina. Quello che accade a Kashgar ormai accade anche a Lucca.
Una comune provvisorietà che si può ravvisare anche in questa parte ormai minore dell’Occidente, pronta a diventare luogo di conquista, futuro parco divertimenti dei nuovi ricchi orientali.