Mark Boulos – All that is solid melts into air

Lugano - 29/01/2016 : 04/03/2016

Le ricerche di Mark Boulos ruotano attorno ai concetti di militanza ed estasi, di rivoluzioni e terrorismi, di miracoli e santi.

Informazioni

  • Luogo: SONNENSTUBE
  • Indirizzo: v. Canonica 12 - Lugano
  • Quando: dal 29/01/2016 - al 04/03/2016
  • Vernissage: 29/01/2016 ore 18
  • Autori: Mark Boulos
  • Curatori: Stéphanie Rosianu, Marta Margnetti
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: Giovedì e Venerdì dalle 18:00 alle 20:00, Sabato dalle 14:00 alle 17:00

Comunicato stampa

Le ricerche di Mark Boulos ruotano attorno ai concetti di militanza ed estasi, di rivoluzioni e terrorismi, di miracoli e santi. I personaggi dei suoi film sono in costante lotta con le strutture che li controllano, come quelle del linguaggio, del genere, di Dio, del capitale e dello stato. I video di Boulos si collocano a metà strada tra documentario e finzione: i fatti non vengono riportati in maniera oggettiva, ma raffigurati attraverso credenze personali. L’artista fa dunque spesso riferimento alla religione e alla mitologia, con immagini che ricordano i dipinti e l’iconografia premoderna

I personaggi, che non fanno parte della finzione, sono condotti attraverso assi femministi e antimperialisti.
Lo spazio Sonnenstube presenta l’opera audiovisiva “All that is solid melts into air”, composta da una doppia proiezione. La prima è realizzata al Chicago Mercantile Exchange durante il primo giorno della crisi finanziaria nel 2008. La seconda proiezione presenta un documentario che l’artista ha girato sul Delta del Niger, all’interno del Movement for the Emancipation of the Niger Delta (MEND), un’organizzazione armata che combatte le imprese petrolifere. Lo spettatore si trova quindi tra i due schermi, in uno spazio vuoto che sta a rappresentare la trasformazione della materia grezza in capitale.

Dalle 23.00 concerto di Lärmheim (http://music.laermheim.ch), posti limitati su prenotazione ([email protected])