Marinella Senatore – Jammin Drama Project

Nuoro - 13/12/2014 : 25/01/2015

Il documentario è un progetto partecipativo che ha coinvolto oltre 450 membri della eterogenea comunità di Harlem nella costruzione collettiva di un canovaccio per un dramma radiofonico, strutturato in 4 capitoli e registrato dal vivo.

Informazioni

  • Luogo: MAN - MUSEO D'ARTE DELLA PROVINCIA DI NUORO
  • Indirizzo: Via Sebastiano Satta 27 - 08100 - Nuoro - Sardegna
  • Quando: dal 13/12/2014 - al 25/01/2015
  • Vernissage: 13/12/2014
  • Autori: Marinella Senatore
  • Generi: serata – evento
  • Orari: 10:00/13:00 - 15:00/19:00 lunedì chiuso
  • Biglietti: Intero: 3,00 euro Ridotto: 2,00 euro (dai 18 ai 25 anni) Gratuito: under 18 e over 65. Gratuito: ultime domeniche del mese Biglietto unico MAN/TRIBU: 4,00 euro

Comunicato stampa

Il museo MAN, nell’ambito della seconda edizione del progetto “Museo Chiama Artista”, promosso da AMACI, è lieto di presentare al pubblico il film "Jammin’ Drama Project", dell’artista e filmaker Marinella Senatore. L’opera sarà visibile nelle sale del Museo MAN a partire dal prossimo 13 dicembre durante gli orari di apertura del museo.

Il documentario è un progetto partecipativo che ha coinvolto oltre 450 membri della eterogenea comunità di Harlem nella costruzione collettiva di un canovaccio per un dramma radiofonico, strutturato in 4 capitoli e registrato dal vivo

La collaborazione tra i partecipanti, fondata sul dialogo tra identità, generazioni e razze diverse, ha dato vita a una jam session di idee, desideri e esperienze, analizzando le dinamiche sociali e le modalità di convivenza in una società multiculturale. Un archivio di narrazioni condivise che ridefinisce il significato di comunità.

“Sento di essere parte di quei processi che vedono l’artista come un attivatore di energie – afferma Marinella Senatore – che ha uno spartito attraverso il quale le persone negoziano, o contestano, la loro partecipazione. Cerco di mettere in atto uno scambio affettivo, che passi di storia in storia. Il racconto stesso diventa scambio e spesso si costruisce una situazione di laboratorio aperto, dove chi lavora impara qualcosa e lo porta con sé assieme al ricordo di essere stato sul set”.

Marinella Senatore (1977) vive e lavora tra Londra e Berlino. Dal 2006 cura progetti di partecipazione pubblica, coinvolgendo intere comunità alla realizzazione di opere collettive nelle quali i ruoli dell’artista come autore e del pubblico come destinatario passivo vengono messi in discussione e rielaborati. Ha esposto i propri lavori (cortometraggi, fotografie,disegni, installazioni) in numerosi musei italiani e stranieri tra i quali la Kunsthalle di San Gallo, il Museum of Contemporary Art di Santa Barbara, il Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea. Nel 2014 le è stato assegnato il Premio MAXXI.

Museo Chiama Artista, è un progetto AMACI (l’Associazione nazionale dei Musei d’arte moderna e contemporanea) nato con l’intento di sostenere attivamente il sistema del contemporaneo nel nostra Paese, favorendo e divulgando le più nuove forme di sperimentazione artistica attraverso la commissione ad artisti italiani di opere successivamente presentate all’interno dei musei associati.

L’edizione 2014, a cura di Ludovico Pratesi e Angela Tecce, vede consolidarsi la collaborazione con il MiBACT attraverso il Piano per l’Arte Contemporanea, strumento che il Ministero si è dato per il finanziamento di proposte volte all’incremento del patrimonio pubblico di arte del nostro tempo.

La scelta di Marinella Senatore, che fonda la sua pratica artistica sulla partecipazione e sulla condivisione del processo creativo, risponde all’ambizione di far entrare l’arte contemporanea nella vita quotidiana dei cittadini, mettendo in primo piano il rapporto tra creatività personale e dinamiche sociali.