Marco Teatro – I colori

Milano - 27/03/2014 : 27/05/2014

Una sterminata carriera stilistica e professionale caratterizza il percorso artistico di Marco Teatro, con una varietà di soggetti e tematiche che a fatica possono essere ricondotte allo stesso autore se non per certi dettagli di tecnica, riconoscibili soprattutto nelle vedute “aeree” (a detta dell’autore: “A volo di uccello”), con quelle prospettive più simboliche che reali, quasi oniriche, sorvolando paesaggi urbani e campestri, altre volte futuristi e immaginari.

Informazioni

  • Luogo: SPAZIO OREA MALIA'
  • Indirizzo: Via Marghera 18 - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 27/03/2014 - al 27/05/2014
  • Vernissage: 27/03/2014 ore 19
  • Autori: Marco Teatro
  • Generi: arte contemporanea, personale

Comunicato stampa

In una Milano pronta ad ospitare il Mi-Art, la fiera in cui moderno e contemporaneo dialogano, Marco Teatro ha deciso di contribuire a quest’onda artistica organizzando una personale e scegliendo una location davvero unica nel suo genere. La mostra, dal titolo “I colori”, verrà infatti inaugurata giovedì 27 marzo, dalle 19, all’interno di Orea Malià, il negozio di parrucchieri truccatori che da sempre crea e detta le tendenze in fatto di capelli, ma che da sempre contribuisce a lanciare e dare visibilità a diversi artisti, emergenti e non

Marco Teatro presenterà una trentina di quadri, una panoramica che non può essere certo esaustiva ma che è sicuramente esemplare delle svariate facce di un artista poliedrico capace di interpretare diverse forme d’arte, quali il writing e la street art, e la pittura. Tracce del Teatro writer e street artist sono facilmente individuabili nei dipinti esposti, che diventano quasi metafisici, nascondendo ad una prima vista il vero soggetto dell’opera: “A volte è lo scorcio di cielo tra i palazzi o in un angolo del quadro, altre volte è lo sfondo. E’ lì dove non guardiamo mai, quello che diamo per scontato, ciò a cui non prestiamo attenzione né diamo valore” spiega Marco Teatro. Paesaggi allagati, strade obsolete, soggetti urbani, insetti giganti e voragini sono soltanto alcuni dei temi ricorrenti nei quadri che Teatro ha deciso di esporre. Oltre alle opere verrà esposta “Favelas”, installazione plastica e multimediale sul tema della metropoli, a metà strada tra arte, architettura, scenografia e riflessione politica. Realizzata dal collettivo Hamster Studio, di cui Teatro fa parte con Davide Ratzo Ratti e Fabrizio Folco Zambelli, Favelas rappresenta una dicotomia concreta e reale che riguarda due differenti stili di vita presenti nelle nostre società: la povertà, sintetizzata nella favela rappresentata nel plastico, e il mondo urbanizzato, nella sua frenesia, nelle sue linee di forza riguardo alla struttura dei palazzi e nei metodi comunicativi.