Marco Pesatori – 2013 La rinascita dopo l’apocalisse

Milano - 29/01/2013 : 29/01/2013

Presentazione del libro "Marco Pesatori: 2013, La rinascita dopo l’apocalisse segno per segno".

Informazioni

Comunicato stampa

Visto che siamo riusciti a leggere le sue previsioni sul 2013, vuol dire che siamo sopravvissuti alla
fine del mondo prevista dai Maya. Apocalisse sulla quale Marco Pesatori, tra i maggiori studiosi europei
di astrologia, visionariamente e non senza ironia, aveva modellato il volume dedicato al 2012.
Marco Pesatori, milanese, è un astrologo-scrittore o astro-sofo. La sua specificità è quella d aver fuso
astrologia e introspezione basata sul metodo junghiano restituendo oroscopi raccontati in una prosa
letteraria che rendono uniche le sue analisi.
Per Pesatori, l’astrologia è la scienza del tempo

“Di un tempo complesso – scrive – in accordo con i
ritmi planetari che non differiscono, questa è la straordinaria scoperta, dai ritmi di tutto ciò che sta
sulla terra. Dentro e attorno a noi. Questo tempo complesso è anche la porta che ci dà la possibilità di
avere l’esperienza di un tempo all’interno del quale tutte le cose sono contenute”.
Le analisi di Pesatori, previsioni sarebbe troppo riduttivo, hanno il pregio di riuscire sempre a
evidenziare l’aspetto positivo delle cose, la bellezza nascosta.
“Siamo sicuri che siamo scampati alla fine? E se l’apocalisse fosse arrivata e noi non ce ne siamo
accorti? E se l’apocalisse fosse proprio il fatto che non ci accorgiamo più di nulla? Il mio libro si apre
proprio con queste considerazioni. Che se state leggendo, adesso, vuol dire che la fine del mondo non
è arrivata. Ma se questo fosse un inganno e se la nostra mente fosse solo una proiezione indotta?
Lasciamo almeno il punto interrogativo e ogni tanto pensiamoci. Perché sorgono basi sotterranee
ovunque? Pensi a quella norvegese Global Seed Vault: dicono che serve a mantenere i semi delle
piantine in caso di catastrofe, ma perché ha una capienza di 80 mila persone? La fine del mondo non è
arrivata, forse, ma noi tutti è ora che apriamo davvero gli occhi. Di più”.
L’oroscopo di Marco Pesatori: visioni, previsioni, citazioni, variazioni, improvvisazioni, sensazioni,
inoltre consigli letterari e musicali.
Come sarà il 2013 per i dodici segni dello Zodiaco? Ecco il tradizionale oroscopo, che tanto tradizionale
non è.
“Il futuro è nella tua mano. Puoi stringerla, e se ti sembra vuota t’inganni”.
Questo è quello che Marco Pesatori scrive in quarta di copertina del suo ultimo libro. Studioso di critica
d’arte e cofondatore di Alfabeta, piace anche agli scettici per la scrittura avvertita e i riferimenti
musicali e culturali: Mingus per la Bilancia, Christa Wolf per i Pesci, Monteverdi per il Toro… Nel suo
libro ogni segno è minuziosamente scansito decade per decade, ascendente per ascendente, mese per
mese.
“Capire-catturare (capio) il futuro è una delle ansie stupide dell’uomo che, se leggesse meglio il
presente che ha davanti agli occhi, rispettandolo e vivendolo fino in fondo, darebbe un limite a
quell’angoscia di morte che la lettura del futuro sottintende”.
Per Marco Pesatori destino e scelta non sono in contraddizione, e il Tempo e lo Spazio sono
ininterrottamente nuovi e sorprendenti.
Marco Pesatori
Marco Pesatori è nato a Milano, sotto il segno del Cancro.
È laureato in Storia della Critica d'Arte con una tesi sul movimento Dada. Negli anni settanta e ottanta
si occupa di poesia e arte contemporanea, con diversi readings e alcune mostre.
Collabora con Gianni Sassi e le varie iniziative della Cooperativa Intrapresa (Milano Poesia, 24 Satie,
riviste Alfabeta — di cui risulta tra i fondatori, SE, La Gola etc.)
Sempre negli anni ottanta inizia ad occuparsi di astrologia in connessione con arte, letteratura e
psicanalisi. Pubblica nel 1986 “Sotto il segno del pallone” (Fabbri-Sonzogno) in collaborazione con Nils
Liedholm.
Negli anni novanta fonda il workshop “Minima Astrologica”, con una raffinata rivista di cui sono usciti
nove numeri.Nel 1990 esce un divertente film con Enzo Bearzot sui “Mondiali '90”.
Parallelamente porta avanti i suoi studi sull'arte, la poesia e la letteratura, la filosofia e la psicanalisi,
in connessione con la disciplina dello Zodiaco.
Amico e collaboratore fin dagli anni ottanta di Lisa Morpurgo, è considerato uno dei maggiori studiosi
di astrologia contemporanei. I suoi scritti, le sue conferenze, seminari e lezioni hanno riportato
l'astrologia in quell'ambito di dignità culturale da cui da secoli era stata allontanata.
Dal novanta in poi pubblica numerosi libri tra i quali segnaliamo “Le voci della luna” (1996 — Ed.
Pendragon), “Astrologia del Novecento” (1999 — FK Ed.), “Segni” (2009 — Baldini-Castoldi),
“Astrologia per intellettuali” (2009 — Neri Pozza), “Astrologia delle donne” (2010 — Neri Pozza).Per
l'editore Feltrinelli sono usciti “2012” e “2013, dopo l'apocalisse”. In preparazione “Urano e la
cerimonia del Tè”.
Ha partecipato a numerosi congressi in tutto il mondo, infinite le conferenze, ha collaborato a diverse
riviste di settore (Sirio, Astra, Linguaggio Astrale, Sestile) tentando sempre di rivoluzionare un modo
stantio e banale di presentare l'astrologia. Cosa impossibile in Italia, per cui immancabilmente le
collaborazioni venivano in seguito interrotte.
Dal 1989 tiene la rubrica Astrologica su “Vogue Italia”. Ha collaborato con “Vogue Japan”.
Famosi i suoi oroscopi del sabato su “D — Repubblica”, per il taglio Dada, poetico, filosofico,
rivoluzionario.I suoi oroscopi quotidiani si trovano sul sito di Vogue e su Repubblica Sera.
Grande successo hanno avuto le sue trasmissioni su RAI Radio2 “Minime astrologiche” e “Astrologica”,
primo esempio al mondo di trasmissione sull'astrologia vera e propria, con infiniti ospiti di grande
spessore culturale. La trasmissione, malgrado gli ascolti eccezionali, è stata chiusa all'improvviso dal
direttore Flavio Mucciante, proprio perché non si è mai piegata alla banalità e ai luoghi comuni con cui
di solito l'astrologia viene presentata.