Marco Casentini – Melodie senza centro

Padova - 22/10/2011 : 30/11/2011

Questo nuovo progetto espositivo, dal titolo Melodie senza centro, a cura di Michael Biasi e Federico Sardella, è concepito per presentare al pubblico italiano i suoi recenti lavori. Già il titolo della mostra racchiude l’essenza del lavoro di Marco Casentini, mettendo in luce due concetti chiave della sua ricerca: da un lato la mancanza di centralità, leitmotiv della sua intera sperimentazione (praticamente presente in tutte le opere) e dall’altro la forte aderenza del suo fare artistico con la creazione musicale.

Informazioni

  • Luogo: MAAB STUDIO D'ARTE
  • Indirizzo: Riviera San Benedetto 15 - Padova - Veneto
  • Quando: dal 22/10/2011 - al 30/11/2011
  • Vernissage: 22/10/2011 ore 18.30 – 21.30
  • Autori: Marco Casentini
  • Curatori: Federico Sardella, Michael Biasi
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: dal mercoledì al sabato 16.30 – 20.00
  • Biglietti: ingresso libero

Comunicato stampa

Prosegue a tutto tondo l’attività di Maab Studio d’arte di Padova; accanto alla tradizionale programmazione, incentrata sulle “grandi firme” dell’arte contemporanea, uno spazio di riguardo viene periodicamente dedicato all’esposizione dei protagonisti del panorama artistico più attuale, mediante un attento lavoro di indagine e ricognizione.

Di ritorno dalla pausa estiva, sabato 22 ottobre la galleria inaugurerà il fitto calendario autunnale con la personale di Marco Casentini, artista italiano di nascita e a tutti gli effetti americano d’adozione, quale degno esponente dell’affermazione della ricerca artistica italiana sul versante internazionale

Negli Stati Uniti, ed in particolare a Los Angeles, Casentini si è fatto notare in questi ultimi anni per le sue doti e le indubbie qualità artistiche, facendosi apprezzare dal grande pubblico, facendo parlare di sé i media ed esponendo in importanti musei, gallerie d’arte e in collezioni pubbliche e private.

Questo nuovo progetto espositivo, dal titolo Melodie senza centro, a cura di Michael Biasi e Federico Sardella, è concepito per presentare al pubblico italiano i suoi recenti lavori. Già il titolo della mostra racchiude l’essenza del lavoro di Marco Casentini, mettendo in luce due concetti chiave della sua ricerca: da un lato la mancanza di centralità, leitmotiv della sua intera sperimentazione (praticamente presente in tutte le opere) e dall’altro la forte aderenza del suo fare artistico con la creazione musicale. L’onnipresente assenza di centro è prerogativa di una condizione esistenziale che infonde un’indispensabile tranquillità all’artista, quale necessario requisito vitale. “Ho iniziato a dipingere un quadro come fosse un concerto: tante voci che si sovrappongono, tanti colori che suonano assieme e che, alla fine, si spera diventino melodia” spiega l’artista nell’inedita intervista di Federico Sardella pubblicata nel catalogo, edito per l’occasione da Maab Studio d’arte. Nelle opere di Casentini ci sono, dunque, tante voci che funzionano all’unisono. I suoi quadri sono essenzialmente intimistici, rimandano all’interiorità di chi li ha concepiti, in una sorta di introspezione all’interno del sé, per raggiungere il fondo, per coglierne gli stati d’animo.

Il lavoro di Casentini è astratto solo in apparenza, essendo legato al paesaggio urbano ed artificiale più di quanto una prima occhiata possa rivelare. La base di partenza della sua ricerca è il dato reale, l’atmosfera urbana, il rapporto diretto con la città: tutto il suo lavoro nasconde perciò il rapporto viscerale con il territorio urbano. E’ per questo che alcuni accostamenti coloristici, o certi spunti, derivano dalle vetrine dei negozi, così come dalle tonalità dei costumi da bagno, dalle insegne pubblicitarie, dai cartelli stradali, dove le scritte diventano immagini; in ogni caso, si tratta di colori contemporanei, attuali, artificiali, svincolati dal passato e proiettati verso il futuro.

Casentini è molto attratto dal colore della città e dalla sua struttura; ed è sempre il colore dei luoghi ciò che in assoluto lo affascina maggiormente. Tale esplosione cromatica si verifica allorché l’artista inizia a frequentare la California; se in precedenza usava una tavolozza decisamente più rarefatta e spenta, è a Los Angeles che viene letteralmente assalito dai colori. In parallelo, l’introduzione di materiali diversi dalla tela inizia circa una ventina d’anni fa, dapprima con l’alluminio, poi col plexiglas.

La sua prima mostra negli USA, a Santa Monica, è composta da opere su alluminio di 20x20 centimetri. Il plexiglas, in particolare, è prediletto per la sua modernità, oltre al fatto di possedere una luce propria, che gli offre la possibilità di sovrapporre più piani, creando una terza dimensione, capace di fare sentire la pennellata, così come di annullarla completamente.

Se il colore è uno dei dati determinanti della sua indagine, in egual misura ogni opera è da intendersi come un frammento di qualcosa di molto più grande, di un corpo che dialoga con lo spazio, con l’architettura.

Brevi cenni biografici
Marco Casentini nasce a La Spezia nel 1961; dal 1976 al 1980 frequenta il liceo artistico di Carrara e nel 1984 si diploma all’Accademia di Belle Arti di Carrara. Premi: nel 2010 si aggiudica il Premio PEA di Lerici e nel 2005 il premio Pollock-Krasner Foundation Grant a New York. Le sue opere si trovano nelle seguenti collezioni pubbliche: CAMeC, La Spezia; Civica Raccolta del Disegno, Salò; Fondazione Bandera per l'Arte, Busto Arsizio; Galleria d'arte Moderna, Sesto Calende; MAPP Museo d'arte Paolo Pini, Milano; Mestna Galerija, Nova Gorica; Museo d'Arte Contemporanea, Calasetta; Museum für Konkrete Kunst, Ingolstadt, Germany; Riverside Art Museum, Riverside, CA; Università degli Studi, Pavia; Corporate Collections Brown Rudnic, Washington, DC; Gary Lee Partners, Chicago, IL; Belcaro Development, Valencia, CA; Cancer Institut, Boston,MA; Cedar Sinai Comprehensive Cancer Center, Los Angeles, CA; Digital Media Campus, Long Beach, CA; DLA Piper Rudnick Gray Cary , San Francisco, CA; Fleedwood, Munchen Haarmann-Hemmelrath & Partner, Milano; Intuit Corporation, San Francisco, CA; Illy caffé, Trieste; Ken Stats, North Caldwell, NJ; Marina Heights L.L.C., Beverly Hills, CA; Thomas Properties Group, Los Angeles; Monitor Company, Munchen; Museum Square Associates, Los Angeles, CA; Nextam Partners, Milano; Ocean Club Villas, Paradise Island, Bahamas; Orik, Herrington & Suttcliffe, Menlo Park, CA; On Point Productions, San Rafael, CA; The Progressive Art Collection, Cleveland, OH; Red Rock Hotel, Las Vegas, NV; Riviera Company, Tokyo; Scan, Los Angeles, CA; Vivendi, Los Angeles, CA; Waikoloa Hotel, Waikoloa, HI; Wellington Management Company, Boston, MA;Winston & Strawn, San Francisco/Los Angeles, CA.