Luigi Timoncini – L’uomo sulla via che porta al colle del Cranio

Milano - 12/03/2013 : 30/04/2013

Una Via Crucis contemporanea. Reale e straziante, come nella tradizione dei Sacri Monti alpini, con le loro cappelle popolate di figure pulsanti nei gesti e nei volti. Ma, in questo caso, ancora più lirica perché avvicinata ai tempi moderni.

Informazioni

  • Luogo: GALLERIA SAN FEDELE
  • Indirizzo: Via Ulrico Hoepli 3A-B - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 12/03/2013 - al 30/04/2013
  • Vernissage: 12/03/2013 ore 18
  • Autori: Luigi Timoncini
  • Curatori: Chiara Gatti, Andrea dall’Asta S.I.
  • Generi: personale, disegno e grafica
  • Orari: - chiuso i festivi - chiuso dal 29 marzo al 1 aprile - chiuso dal 25 al 28 aprile Orari e ingresso: 16.00-19.00 dal martedì al sabato, aperto lunedì 22 e lunedì 29 aprile
  • Biglietti: ingresso libero

Comunicato stampa

Una Via Crucis contemporanea. Reale e straziante, come nella tradizione dei Sacri Monti alpini, con le loro cappelle
popolate di figure pulsanti nei gesti e nei volti. Ma, in questo caso, ancora più lirica perché avvicinata ai tempi moderni.
Ambientata in scenari che sono quelli della vita attuale, scorci di città tetre dal cuore metallico, tecnologiche e inespressive
davanti ai drammi di una tragedia universale


Luigi Timoncini, maestro della grafica, esistenziale nelle mani che incidono con antica sapienza, presenta un
ciclo recente di lavori dove l’iconografia classica della Via Crucis si piega a una narrazione odierna, in cui le quattordici
stazioni della “via dolorosa” sono tappe di una marcia quotidiana, fotogrammi di un “film”, come lo definisce l’autore, che ci riguarda
tutti. Protagonisti o spettatori di un evento che riassume la storia dell’uomo, il suo cammino faticoso. A scandire ogni sosta,
ogni caduta, nelle immagini ferite da colpi di luce improvvisa che sciolgono il segno netto dell’acquaforte e i suoi reticolati
fitti, sono elementi ricorrenti; parabole, antenne, macchine da presa, cavi elettrici e grandi fari
da palcoscenico. Come a dire che ogni nostra azione, anche la più intima e fragile e sofferta, è violata dallo sguardo degli
altri, da un Grande Fratello che registra moti e sentimenti, che non rispetta lo spazio del dispiacere, il silenzio dell’abbandono. I fogli
algidi e, insieme, violenti di Luigi Timoncini sono un monito al riguardo, alla pietà, un invito ad abbassare gli occhi garbatamente davanti al sacrificio.
Chiara Gatti