Luca Trevisani – Fino alla punta delle tue dita

Roma - 02/03/2013 : 15/04/2013

Per la sua prima personale alla galleria Valentina Bonomo Roma, Trevisani realizza dei nuovi lavori e insieme ad alcune delle sue opere più recenti propone una panoramica sulla sua ricerca e capacità di giocare con elementi e materiali differenti.

Informazioni

Comunicato stampa

Valentina Bonomo Roma è lieta di presentare la personale dell’artista Luca Trevisani. attualmente in residenza presso il MACRO (museo d’arte contemporanea Roma) e con all’attivo importanti partecipazioni in mostre e rassegne sia in Italia che all’estero.

Luca Trevisani (Verona 1979) molteplici linguaggi e mezzi artistici come una partitura sempre riscrivibili. Scultore, lavora anche il video e la stampa in un ars compositiva dove ad avere la maggiore è sempre la dimensione spazio-temporale e la relazione tra le cose. L'organicità e' un'altra componente fondamentale del suo lavoro

Niente deve apparire come incollato, come forzato ma, piuttosto, quale risultato di una naturale crescita e germinazione. Un lavorio di equilibri nuovi e alterati in relazione con il tempo e la sua fluidità. Scienziato e anche filosofo, Trevisani sceglie l'alfabeto delle cose prime, concetti utili e applicabili che prediligono l'antimonumentalità ma non per questo esili. Insistono sulla durata ma non risultano statici ma, anzi, evocano un racconto, una ricerca, una suggestione.
Per la sua prima personale alla galleria Valentina Bonomo Roma, Trevisani realizza dei nuovi lavori e insieme ad alcune delle sue opere più recenti propone una panoramica sulla sua ricerca e capacità di giocare con elementi e materiali differenti. Come in Marmomarmelade (2012-2013) dove gesso e stampa concorrono alla trasformazione di calcarei gusci in marmo. Placet Experiri (flogisto) (2013) dove l'alluminio sottoposto a raggi-uv porta a superficie la mobilità visionaria delle forme. Non Facit Saltus (2013) per immagini a presa diretta di probabili germinazioni della materia. Senza Titolo (2012) per una delicata osservazione del legame tra forme naturali e forza insediativa. Un Posto Per Ogni Cosa e Ogni Cosa Dove Vuole Stare (2013) per trame olfattive e cromatiche di energia vitale. Wrapping lesson #5 (2013) per un'osservazione ulteriore e diversa su protezioni calcaree della vita. Opere scultoree e stampe su alluminio e carta accomunate dalla passione per la trasformabilità delle cose.

Luca Trevisani (Verona 1979) vive e lavora tra Milano e Berlino. Nel 2003 si laurea in storia dell'arte a Bologna. Nel 2005 segue Matrioska, workshop con Tobias Rehberger alla Domus Academy di Milano e il Corso Superiore di Arti Visive alla Fondazione Antonio Ratti di Como. Nel 2007 vince il Premio Furla per l'Arte e una residenza d’artista alla Künstlerhaus Bethanien di Berlino. Nel 2010 vince il New York Prize presso l'istituto italiano di cultura a New York. Nel 2012 e' finalista al MAXXI. E’ uno degli artisti selezionati per la terza edizione del programma Artisti in Residenza al MACRO da febbraio a maggio 2013.